Penelope

claudiomasettamilone

Quando il mondo classico, il mito, la poesia e la bellezza si intrecciano, vengono fuori piccole gemme come questa:

Penelope

Non dare

alla tua

Penelope

un filo di lino

per tessere

il mio sudario

non ci sono proci

in giro

né Itache

da raggiungere

né venti né dei

né mari da attraversare

e Odisseo

non era poi così bello da incantare

Nausicaa,

solo Omero

per cecità

ne fece

un cortese canto

che allontanasse

il buio

@evapora

 

La bellezza della poesia in Sicilia oggi nasce da una lunga memoria che ci sovrasta e ci abbraccia, da quella stessa Mnemosune che Omero invocava e dalla consapevolezza – o il sospetto – di un buio e, dentro,  del vagare eterno delle ombre, tra cui, forse, la nostra.

 

Lascia un commento