Cosa sarai quando andrai di notte…

Pensieri vaghi su…

 

L’anno della morte di Ricardo Reis

 

 

Eccoti in fondo alla strada in cui non sai nulla, né vuoi.

 

 

Ci sono volte, ti dici, in cui ne sai abbastanza.

 

 

Ci sono momenti fatti per sentir musica in assoluta solitudine, al buio dell’errore.

 

 

Ascolti piano e scopri che proprio della musica ci si può in fondo innamorare, che forse solo della strana musica di un cuore c’eravamo innamorati.

 

 

Il tuo. Il mio.

 

 

Questa musica era cielo, erano fili di lana precipitati, era un un libro letto in due, era forse solo un triste fado.

 

 

Era la noia di un Ricardo Reis.

 

 

Uno dei tanti.

 

 

@MG

 

“L’uomo deve sforzarsi sempre, per meritarsi quel suo nome di uomo, ma è meno padrone del proprio destino di quanto creda, il tempo, non il suo, lo farà crescere o spegnere, a volte per meriti diversi, o diversamente giudicati, cosa sarai quando andrai di notte e sarai giunto in fondo alla strada”. (da José Saramago, L’anno della morte di Ricardo Reis)

 

Fado

 

Lascia un commento