Igino miti

Gaio Giulio Igino

Favole

(“Miti”)

 

Prologo

 

Da Caligine nacque Caos. Da Caos e Caligine nacquero Notte, Giorno, Erebo, Etere. Da Notte ed Erebo: Fato, Vecchiaia, Morte, Annientamento, Continenza, Sonno, Sogni, Amore -vale a dire Lisimele, Epifrone, Edimele -, Porfirione, Epafo, Discordia, Miseria, Impudenza, Nemesi, Eufrosine, Amicizia, Misericordia, Stige, le tre Parche, cioè Cloto, Lachesi, Atropo, e le Esperidi: Egle, Esperia ed Erica. Da Etere e Giorno nacquero Tello, Cielo e Mare. Da Etere e Tello nacquero Dolore, Inganno, Ira, Lutto, Menzogna, Giuramento, Vendetta, Intemperanza, Disputa, Dimenticanza, Paura, Superbia, Incesto, Battaglia, Oceano, Temi, Tartaro e Ponto; e i Titani, e cioè Briareo, Gige, Sterope, Atlante, Iperione e Polo, Saturno, Opi, Moneta, Dione; e le tre Furie, vale a dire Netto, Megera e Tisifone. Da Tello e Tartaro nacquero i Giganti: Encelado, Ceo ……, Astreo, Peloro, Pallante, Enfito, Reco, ……, Agrio, talemone, Efialte, Eurito, ……, Teomise, Teodamante, Oto, Tifone, Polibote, Menefiario, Abseo, Colofomo, Giapeto. Da Ponto e Acqua Marina nacquero le specie dei pesci. Da Oceano e Teti, le Oceanine, e cioè Estiea, Melite, Iante, Admeta, Stilbo, Pasifae, Polisso, Eurinome, Evagoreide, Rodope, tliride, Clizia, ……, Clitenneste, Meti, Menippe, Argia. Della stessa stirpe sono i Fiumi, cioè Strimone, Nilo, Eufrate, Tanai, Indo, Cefiso, Ismeno, Asseno, Acheloo, Simoenta, Inaco, Alfeo, Termodonte, Scamandro, Tigri, Meandro e Oronte. Da Ponto e Tello nacquero Taumante, Ceto, Nereo e Forcide. Da Nereo e Doride le cinquanta Nereidi: Glauce, Talia, Cimodoce, Nesea, Speio, Toe, Cimotoe, Attea, Limnoreia, Melite, Iera, Anfitoe, Agave, Doto, Proto, Ferusa, Dinamene, Dessamene, Anfinome, Callianassa, Doride, Panope, Galatea, Nemerte, Apseude, Climene, Ianira, Panopea, Ianassa, Mera, Orizia, Amazia, Drimo, Xanto, Ligea, Fillodoce, Cidippe, Licoriade, Cleio, Beroe, Efire, Opi, Asia, Deiopea, Aretusa, Climene, Creneide, Euridice, Leucotoe. Da Forcide e Ceto: le Forcidi, cioè Pemfredo, Enio e Perside (quest’ultima da altri è chiamata Dino). Da Ceto nacquero le Gorgoni: Steno, Euriale e Medusa. Da Polo e Febe: Latona, Asteria, …… Afirape, Perse e Pallante. Da Giapeto e Climene: Atlante, Epimeteo e Prometeo. Da Iperione ed Etra: Sole, Luna e Aurora. Da Satumo e Opi: Vesta, Cerere, Giunone, Plutone, Nettuno e Giove. Da Saturno e Filira: Chirone e Dolope. Da Astreo e Aurora: Zefiro, Borea, Noto e Favonio. Da Atlante e Pleione: Maia, Calipso, Alcione, Merope, Elettra e Celeno. Dal Gigante Pallante e da Stige: Scilla, Forza, Invidia, Potere, Vittoria, Sorgenti, Laghi. Da Nettuno e Salacia: Tritone.25 Da Dione e Giove: Venere. Da Giove e Giunone: Marte. Da Giunone senza padre: Vulcano. Da Giove ed Eurinome: le Grazie. Ancora da Giove e da Giunone: Gioventù e Libertà. Da Giove e Temi: le Stagioni. Da Giove e Cerere: Proserpina. Da Giove e Moneta: le Muse. Da Giove e Luna: Pandia. Da Venere e Marte: Armonia e Terrore. Da Acheloo e Melpomene: le Sirene, cioè Telsiepia, Molpe e Pisinoe. Da Giove e Climene: Mnemosine. Da Giove e Maia: Mercurio. Da Giove e Latona: Apollo e Diana. Da Tello: Pitone, il serpente divino. Da Taumante ed Elettra: Iride e le Arpie, cioè Celeno, Ocipete e Podarce. Da Sole e Persa: Circe, Pasifae, Eete, Perse. Da Eete e Clizia: Medea. Da Sole e Climene: Fetonte e le Fetontidi, cioè Merape, Elie, Eteria e Diossippe. Da Tifone ed Echidna: Gorgone, Cerbero, il mostro che custodiva il vello d’oro nella Colchide, Scilla, che aveva corpo di donna nella parte superiore e di cane in quella inferiore e che fu uccisa da Ercole, Chimera, la Sfinge che abitava in Beozia, il serpente Idra, che aveva nove teste e che pure fu ucciso da Ercole, e il dragone delle Esperidi. Da Nettuno e Medusa: il cavallo Pegaso. Da Crisaore e Calliroe: Gerione tricorpore.

 

 Temisto

 

Atamante, figlio di Eolo, ebbe da sua moglie Nuvola un figlio, Frisso, e una figlia, Elle; da Temisto, figlia di Ipseo, due figli, Sfincio e Orcomeno; da Ino, figlia di Cadmo, altri due figli, Learco e Melicerte. Temisto decise di uccidere i figli di Ino, che le aveva sottratto lo sposo; perciò, si nascose nella reggia e quando giunse l’occasione propizia, convinta di uccidere i figli della sua nemica, uccise i propri per errore, ingannata dalla nutrice che aveva scambiato le vesti. Quando se ne rese conto, Temisto si suicidò.

 

Ino

Ino, figlia di Cadmo e Armonia, decise di uccidere i figli di Nuvola, Frisso ed Elle. Allora si consigliò con tutte le matrone e architettò di tostare le sementi perché non producessero frutti, in modo che, a causa della sterilità e della carestia, la città andasse in rovina, per la fame e le malattie. Atamante mandò a Delfi un emissario per interrogare il Dio su questo fatto e Ino lo indusse a riferire un falso responso: la pestilenza sarebbe terminata se Atamante avesse immolato a Giove suo figlio Frisso. Atamante accettò di farlo, e Frisso si offrì spontaneamente al sacrificio per liberare lui solo la città dalla sventura. Così, mentre si avviava all’altare ornato delle sacre bende e il padre si accingeva a invocare Giove, il messaggero, preso da pietà per il fanciullo, denunciò ad Atamante il piano di Ino. Venuto a conoscenza del crimine, il re consegnò nelle mani di Frisso la moglie Ino e il figlio Melicerte perché li uccidesse. Mentre li stava conducendo al supplizio, il padre Libero gli ottenebrò la vista e rapì Ino, che era stata sua nutrice. In seguito Atamante, reso folle da Giunone, uccise il figlio Learco, mentre Ino si precipitò in mare insieme all’altro figlio Melicerte. E Libero volle che fosse chiamata Leucotea, mentre noi la chiamiamo Madre Matuta, e che Melicerte fosse il Dio Palemone che noi chiamiamo Portolano. È in suo onore che ogni quattro anni si celebrano i giochi atletici detti Istmici.

 

Frisso

 

Frisso ed Elle, resi folli da Libero, erravano nei boschi. Si racconta che la loro madre Nuvola sia andata a cercarli portando un ariete dal vello d’ oro, figlio di Nettuno e Teofane, e che abbia detto ai suoi figli di montargli sulla groppa per rifugiarsi presso il re dei Colchi, Eete, figlio di Sole; lì avrebbero dovuto immolare l’ariete a Marte. Dicono che così avvenne. Dopo essere montati, mentre l’ariete li trasportava sopra il mare, Elle precipitò e da lei quel mare fu detto Ellesponto. Frisso invece giunse tra i Colchi; lì, secondo le istruzioni della madre, immolò l’ariete e pose il suo vello d’oro nel tempio di Marte, sotto la custodia di un drago: fu questa pelle che Giasone, figlio di Esone e Alcimede, andò a cercare. Eete accolse benevolmente Frisso e gli concesse in sposa la figlia Cal- ciope, che poi gli diede dei figli. Successivamente però Eete ebbe paura di perdere il regno, poi che un oracolo gli aveva predetto, interpretando alcuni portenti, che doveva guardarsi dalla morte per mano di uno straniero discendente di Eolo: così uccise Frisso. Allora i suoi figli, Argo, Frontide, Mela, Cilindro, salirono su un ‘imbarcazione per tornare dal nonno Atamante. Giasone li raccolse naufraghi sull’isola di Dia e li riportò presso la madre Calciope, che lo raccomandò a sua sorella Medea.

 

Ino di Euripide

 

Atamante, re di Tessaglia, convinto che sua moglie Ino, dalla quale aveva avuto due figli, fosse morta, sposò Temisto, figlia di una Ninfa, che gli diede due gemelli. In seguito scoprì che Ino si trovava sul Pamaso, dove era andata per partecipare alle cerimonie delle Baccanti; la mandò a prendere e quando gli fu condotta la tenne nascosta. Temisto venne a conoscere che era stata trovata, ma ignorava chi fosse. Concepì allora il progetto di uccidere i suoi figli; prese come complice proprio Ino, che credeva una prigioniera di guerra, e le disse di vestire i propri figli con vesti bianche e quelli di Ino con vesti nere. Ino però rivestì i suoi di bianco e quelli di Temisto con abiti scuri; allora Temisto, ingannata, uccise i suoi e quando seppe la cosa si suicidò. Atamante poi, in un accesso di follia, uccise il proprio figlio maggiore Learco durante una battuta di caccia, mentre Ino si precipitò in mare insieme al figlio minore Melicerte e divenne una Dea.

 

Atamante

 

Semele giacque con Giove e per questo Giunone fu ostile a tutta la sua discendenza. Così Atamante, figlio di Eolo, in un accesso di follia, durante una battuta di caccia trafisse suo figlio con una freccia.

 

Cadmo

 

Cadmo, figlio di Agenore e Argiope, incorse nell’ira di Marte perché aveva ucciso il serpente che custodiva la fonte Castalia. Dopo avere perso la sua discendenza, si trasferì in Illiria insieme alla sposa Armonia, figlia di Venere e di Marte, e lì entrambi furono mutati in serpenti.

 

Antiope

 

Antiope, figlia di Nitteo, fu sedotta con l’inganno da Epafo e per questo venne scacciata dal marito Lico; dopo il divorzio, Giove la possedette. Lico, dal canto suo, sposò Dirce, la quale fu presa dal sospetto che il marito avesse una relazione con Antiope; perciò ordinò ai servi di tenerla incatenata in un carcere buio. Quando la gravidanza fu al termine, per volontà di Giove fuggì dal carcere e si rifugiò sul monte Citerone; giunto il momento del parto, mentre stava cercando un luogo in cui dare alla luce il figlio, le doglie la colsero presso un bivio, dove partorì. Alcuni pastori allevarono i neonati come se fossero loro e li chiamarono Zeto, dal greco zeteis topos (“trovare un luogo”), e Anfione, perché ev diodo e amfoi odon eteken, ossia era stato partorito ad un bivio, o lungo la strada. Quando essi riconobbero la madre, legarono Dirce a un toro selvaggio e così la uccisero; dal suo corpo nacque una sorgente sul monte Citerone che viene detta Dircea, per grazia di Libero del quale era stata Baccante.

 

La stessa, di Euripide (scritta da Ennio)

 

Antiope era figlia di Nitteo, re di Beozia; sedotto dalla sua bellezza, Giove la rese gravida. Il padre la voleva punire per quello scandalo e la minacciava di morte; allora Antiope fuggì. Per caso, giunse nello stesso luogo in cui si trovava Epafo di Sicione, che la portò a casa sua e la sposò. Nitteo se ne risentì e al momento di morire obbligò per mezzo del testamento il fratello Lico, al quale dava in eredità il regno, a non lasciare Antiope impunita. Dopo la sua morte Lico giunse a Sicione, uccise Epafo e condusse Antiope prigioniera sul Citerone; qui ella partorì due gemelli che furono educati da un pastore il quale li chiamò Zeto e Anfione. Antiope fu consegnata a Dirce, sposa di Lico, perché la tormentasse; ma colse l’occasione per fuggire e raggiunse i suoi figli, uno dei quali, Zeto, la respinse credendola una schiava fuggiasca. Nello stesso luogo arrivò Dirce, per un baccanale in onore di Libero; ella trovò Antiope e la condusse a morte. Ma il pastore che li aveva allevati informò i due giovani che quella era la loro madre e subito essi si gettarono all’inseguimento e la liberarono. Quanto a Dirce, la legarono per i capelli a un toro e la uccisero. Erano poi sul punto di uccidere Lico, ma ne furono impediti da Mercurio il quale nello stesso tempo ordinò a Lico di consegnare il regno ad Anfione. 

 

Niobe

 

Anfione e Zeto, figli di Giove e Antiope, figlia a sua volta di Nitteo, per ordine di Apollo costruirono le mura di Tebe sino al sepolcro ardente di Semele e mandarono in esilio Laio, figlio del re Labdaco, per governare loro stessi. Anfione sposò Niobe, figlia di Tantalo e Dione, dalla quale ebbe sette figli e altrettante figlie. Niobe pregiava la sua prole più di quella I di Latona e si esprimeva in modo arrogante nei confronti di Diana e Apollo: una (diceva) vestiva come un uomo, mentre l’altro portava una veste svolazzante e capelli lunghi; lei stessa, inoltre, sopravanzava Latona per numero di figli. Per questa ragione Apollo trafisse i suoi figli mentre cacciavano nei boschi e Dia na uccise tutte le figlie nella reggia ad eccezione di Cloride. Si racconta che allora la madre, privata dei figli, per il gran piangere divenne di pietra sul monte Sipilo e che ancora oggi colano le sue lacrime. Anfione poi, mentre tentava di impadronirsi del tempio di Apollo, fu trafitto dal Dio.

 

Cloride

 

Cloride fu l’unica a salvarsi tra i sette figli di Anfione e Niobe. Ella sposò Neleo, figlio di Ippocoonte, dal quale ebbe dodici figli maschi. Quando Ercole espugnò Pilo, uccise Neleo assieme a dieci suoi I figli; l’undicesimo, Periclimeno, per intercessione di Nettuno sfuggì alla morte, essendo stato trasformato in aquila. Il dodicesimo, Nestore, che combatté a Troia, si dice abbia ottenuto per grazia di Apollo il privilegio di vivere per tre generazioni, perché il Dio concesse a Nestore tutti gli anni che aveva strappato ai fratelli di Cloride.

 

I Niobidi

 

 Lerta, Tantalo, Ismeno, Eupino, Faidimo, Sipilo, Chiade, Cloride, Asticrazia, Siboe, Sictotio, Eudossa, Archenore, Ogigia. Questi sono i figli e le figlie di Niobe, moglie di Anfione.

 

Pelia

 

A Pelia, figlio di Creteo e Tiro, un oracolo aveva preannunciato che, se durante un sacrificio a Nettuno fosse sopraggiunto un monosandalo – vale a dire un uomo con un solo calzare -, si sarebbe avvicinato il momento della sua morte. Mentre egli stava celebrando il sacrificio annuale in onore di Nettuno, Giasone, figlio di Esone, fratello di Pelia, desideroso di partecipare al rito, perse un calzare attraversando il fiume Eveno, e per arrivare velocemente alla cerimonia non se ne curò. A questo spettacolo Pelia, memore dell’oracolo, gli ordinò di andare a prendere dal nemico re Eete il vello d’oro dell’ariete che Frisso aveva sacrificato a Marte in Colchide. Allora Giasone convocò i capi dei Greci e partì alla volta della Colchide.

 

Giunone

 

Giunone si trasformò in vecchia e rimase ad aspettare presso il fiume Eveno per mettere alla prova le menti umane: voleva vedere se qualcuno l’avrebbe trasportata al di là del fiume. Nessuno lo fece, ad eccezione di Giasone, figlio di Esone e Alcimede, che la portò sull’altra sponda: e lei, adirata contro Pelia che aveva trascurato i sacrifici in suo onore, fece in modo che Giasone lasciasse nel fango uno dei suoi calzari.

 

Il raduno degli Argonauti

 

Giasone, figlio di Esone e Alcimede, figlia di Climene, condottiero dei Tessali. Orfeo, indovino e citarodo, figlio di Eagro e della musa Calliope, tracio, nato nella città di Flevia, che si trova sul monte Olimpo, presso il fiume Enipeo. Asterione, figlio di Piremo e di Antigone, figlia di Fere, giunse da Pellene (altri lo dicono figlio di Iperasio, proveniente dalla città di Piresia che si trova alle falde del monte Filleo in Tessaglia, dove i due fiumi Apidano ed Enipeo confluiscono). Polifemo, figlio di Elato e di Ippea, figlia di Antippo, dalla città tessala di Larissa: un uomo dal passo lento. Ificlo, figlio di Filaco e di Climene, figlia di Minia, dalla Tessaglia, zio materno di Giasone. Admeto, figlio di Fere e di Periclimene, figlia di Minia, dalla Tessaglia presso il monte Calcodonio, dal quale prendono nome una città e un fiume: si dice che Apollo abbia pascolato le sue greggi. Eurito ed Echione, figli di Mercurio e Antianira, figlia di Menezio, dalla città di Alope che ora è chiamata Efeso (ma alcuni scrittori li ritengono tessali). Etalide, figlio di Mercurio ed Eupolemia, figlia di Mirmidone, che veniva da Larissa. Corono, figlio di Ceneo, dalla città di Girtone che si trova in Tessaglia. Questo Ceneo figlio di Elato, da Magnesia, si mostrò invulnerabile ai colpi di spada dei Centauri: potevano ferirlo soltanto con tronchi appuntiti di alberi; alcuni affermano che in origine era una donna e che per concedersi a Nettuno chiese in cambio di essere mutata in un giovane invulnerabile. Ma questo è irreale perché non è possibile che un uomo non sia ucciso dal ferro o una donna possa trasformarsi in uomo. Mopso, figlio di Ampico e Cloride, al quale Apollo aveva insegnato l’arte mantica; venne da Ecalia o secondo altri da Titaro. Euridamante, figlio di Iri e Demonassa, oppure, secondo altri, di Ctimeno, che abitavano la città Dolopeide presso il lago Xinio. Teseo, figlio di Egeo ed Etra, da Trezene, oppure, secondo altri, da Atene. Piritoo, figlio di lssione, fratello dei Centauri, tessalo. Menezio, figlio di Attore, da Opunte. Euribate, figlio di Teleone, da Eleone. Eurizione, figlio di Iri e Demonassa. Issitione dalla città di Cerinto. Oileo, figlio di Odoidoco e Agrianome, figlia di Perseone, dalla città di Naricea. Clizio e Ifito, figli di Eurito e Antiope, figlia di Pilone, re di Ecalia oppure, secondo altri, dell’Eubea. Costui aveva ricevuto da Apollo l’arte di tirare frecce e si dice che avesse poi gareggiato con il Dio che l’aveva gratificato. Suo figlio Clizio fu poi ucciso da Eete. Peleo e Telamone, figli di Eaco ed Endeide, figlia di Chirone, dall’isola di Egina. Costoro, dopo avere lasciato la patria in seguito all’uccisione del fratello Foco, si stabilirono in luoghi diversi: Peleo a Ftia, Telamone a Salamina, che Apollonio Rodio chiama Attica. Bute, figlio di Teleone e di Zeusippe, figlia del fiume Eridano, da Atene. Tifi, figlio di Forbante e Irmine, dalla Beozia: fu lui il timoniere della nave Argo. Argo, figlio di Polibo e Argia, o secondo altri figlio di Danao; veniva da Argo, vestito con un peloso manto di toro, e fu il costruttore della nave Argo. Flia, figlio del padre Libero e di Arianna, figlia di Minosse, dalla città di Fliunte che si trova nel Peloponneso; altri invece lo dicono tebano. Ercole, figlio di Giove e di Alcmena, figlia di Elettrione, tebano. Ila, figlio di Teodamante e della Ninfa Menodice, figlia di Orione, un efebo. Proveniva da Ecalia o secondo altri da Argo, compagno di Ercole. Nauplio, figlio di Nettuno e di Amimone, figlia di Danao, argivo. Idmone, figlio di Apollo e della Ninfa Cirene, oppure di Abante, argivo. Costui, esperto nella mantica, sebbene avesse compreso dal volo degli uccelli che gli era preannunciata la morte, non volle ugualmente mancare a quella fatale spedizione. Castore e Polluce, figli di Giove e Leda, figlia di Testio, lacedemoni o (come altri dicono) spartani, l’uno e l’altro fanciulli; si dice che sul loro capo, nello stesso momento, fossero state poste delle stelle che li contrassegnavano. Linceo e Ida, figli di Mareo e Arena, figlia di Ebalo, messeni del Peloponneso. Di loro si racconta che Linceo riusciva a scorgere persino le cose nascoste sottoterra e che non esisteva nebbia che potesse ostacolarlo. Altri dicono che nessuno potesse scorgere Linceo durante la notte. Si diceva anche che egli riuscisse a vedere sottoterra perché sapeva riconoscere le vene aurifere e quando vi discendeva e mostrava poi immediatamente l’oro, fece nascere la fama che potesse vedere anche sottoterra. Ida, dal canto suo, era coraggioso e intrepido. Periclimeno, figlio di Neleo e Cloride, figlia di Anfione e Niobe; veniva da Pilo. Anfidamante e Cfeo, figli di Aleo e Cleobule, arcadi. Anceo, figlio, oppure secondo altri nipote, di Licurgo, da Tegea. Augia, figlio di Sole e Nausidame, figlia di Anfidamante; era di Elea. Asterione e Anfione, figli di Iperasio o secondo altri di Ippasio, da Pellene. Eufemo, figlio di Nettuno ed Europa, figlia di Tizio, dal Tenaro: si dice che costui potesse correre sopra l’acqua senza bagnarsi i piedi. Un secondo Anceo, figlio di Nettuno e di Altea, figlia di Testio, dall’isola di Imbraso che un tempo era chiamata Partenia e oggi Samo. Ergino, figlio di Nettuno e Mileto, oppure di Periclimeno, da Orcomeno. Meleagro, figlio di Eneo e Altea, figlia di Testio, ma alcuni lo credono figlio di Marte, da Calidone. Laocoonte figlio di Portaone, fratello di Eneo, da Calidone. Un secondo Ificlo, figlio di Testio e di Leucippe, fratello di Altea per parte di madre, spartano: era un abile corridore e lanciatore di giavellotto. Ifito, figlio di Naubolo, di Focea; altri dicono che fosse figlio di Ippaso, dal Peloponneso. Zete e Calaide, figli del vento Aquilone e di Orizia, figlia di Eretteo; si dice che avessero la testa e i piedi forniti di ali e i capelli azzurri, e sfrecciassero nell’aria. Furono loro a mettere in fuga le tre Arpie Aello, Celeno e Ocipete, figlie di Taumante e Ozomene, cacciandole via da Fineo, figlio di Agenore, all’epoca in cui i compagni di Giasone stavano muovendo verso la Colchide. Esse abitavano le isole Strofadi nel mare Egeo, che vengono chiamate Plote. Queste Arpie si dice che avessero testa di uccello, penne, ali e braccia umane, grandi artigli, zampe di volatile, petto, ventre e apparato femminile umano. Zete e Calaide furono uccisi a colpi di freccia da Ercole; sulla loro tomba è posta una lapide che ondeggia al soffio del vento paterno. Si dice che essi provenissero dalla Tracia. Foco e Priaso, figli di Ceneo, da Magnesia. Eurimedonte, figlio del padre Libero e di Arianna, figlia di Minosse, da Fliunte. Palemonio, figlio di Lerno, da Calidone. Attore, figlio di Ippaso, dal Peloponneso. Tersanone, figlio di Sole e di Leucotoe, da Andro. Ippalcjmo, figlio di Pelope e Ippodamia, figlia di Enomao, da Pisa nel Peloponneso. Esculapio, figlio di Apollo e Coronide, da Tricca …… figlia di Testio, argivo. Neleo, figlio di Ippocoonte, da Pilo. Iolao, figlio di Ificle, da Argo. Deucalione, figlio di Minosse e Pasifae, figlia di Sole, da Creta. Filottete, figlio di Peante, da Melibea. Un secondo Ceneo, figlio di Corono, da Cortina. Acasto, figlio di Pelia e Anassibia, figlia di Biante, da Ioclo, vestito di una tunica duplice, che si aggiunse come volontario agli Argonauti, scegliendo di essere compagno di Giasone. Tutti questi furono chiamati Mini, o perì che la maggioranza nacque dalle figlie di Minia, o perché Climene, la madre di Giasone, era figlia di Minia. Ma non tutti raggiunsero la terra dei Colchi o ritornarono in patria. Ila infatti fu rapito dalle Ninfe in Misia, presso Cione e il fiume Ascanio; e mentre Ercole e Polifemo lo stavano cercando, furono lasciati indietro, avendo il vento spinto allargo la nave. E Polifemo, abbandonato anche da Ercole, dopo avere fondato una città in Misia, morì presso i Calibi. Tifi morì di malattia tra i Mariandini in Propontide, presso il re Lico; al posto suo prese il timone Anceo, figlio di Nettuno. Idmone, figlio di Apollo, uscito presso lo stesso re Lico a cercare frumento, morì ucciso da un cinghiale; a vendicare Idmone fu Ida, figlio di Mareo, che uccise il cinghiale. Bute, figlio di Teleone, benché Orfeo tentasse di richiamarlo con i suoi canti e con la cetra, fu comunque vinto dal dolce canto delle Sirene e si gettò in mare per nuotare sino a loro; portato dai flutti, Venere lo salvò al Lilibeo. Questi non giunsero fino alla Colchide. Durante il ritorno morirono Euribate, figlio di Teleone, e Canto, figlio di Cerionte; essi furono uccisi in Libia dal pastore Cefalione, fratello di Nasamone, figlio della Ninfa Tritonide e di Anfitemi, del quale stavano razziando le greggi. Mopso, figlio di Arnpico, morì in Mirica per il morso di un serpente. Egli si era aggiunto agli Argonauti durante il viaggio, dopo che suo padre Ampico era stato ucciso. E dall’isola di Dia si aggiunsero i figli di Frisso e Calciope, sorella di Medea: Argo, Mela, Frontide, Cilindro o, come altri dicono, Fronio, Demoleonte, Autolico, Flogio, che Ercole portò con se mentre andava alla conquista del cinto delle Amazzoni e che lasciò indietro terrorizzati da Dascilo, figlio del re dei Mariandini. Quando gli Argonauti furono sul punto di salpare per la Colchide, vollero scegliere Ercole come loro comandante; ma egli rifiutò e propose che quel posto spettasse a Giasone, per il cui impulso tutti si muovevano; perciò il comando fu preso da Giasone. Il mastro d’ascia fu Argo, figlio di Danao; il timoniere Tifi, dopo la cui morte governò la nave Anceo, figlio di Nettuno; a dirigere la rotta a prua si pose Linceo, figlio di Marete, che aveva una vista acutissima; i capi della voga furono Zete e Calaide, figli di Aquilone, che avevano capo e piedi alati; ai remi di prora sedettero Peleo e Telamone; ai remi lunghi Ercole e Ida; gli altri si disposero in ordine ai banchi. Le formule magiche di partenza furono recitate da Orfeo, figlio di Eagro; in seguito, quando Ercole fu lasciato indietro dagli Argonauti, al suo posto sedette Eleo, figlio di Eaco. Questa fu la nave Argo, che poi Minerva trasferì in cielo presso il circolo siderale perché era stata lei a costruirla; fu la prima nave che mai solcasse le acque. Tra le stelle appare a partire dal timone sino alle vele; l’aspetto e la forma di questa costellazione sono descritti da Cicerone nei “Fenomeni” in questi versi: “Ed ecco che Argo scivola presso la coda del Cane protendendo la poppa lucente non come le altre navi che in mare avanzano di prua solcando con i loro rostri i campi di Nettuno ma come quando attraccando in porti sicuri i naviganti fanno virare la nave con una grande ancora e traggono sulla spiaggia molto desiderata la poppa, così l’antica Argo naviga nel cielo all’indietro e protendendo il timone dall’aerea poppa sfiora le zampe del luminoso Cane. Questa nave ha quattro stelle sulla poppa, cinque sul remotimone di destra e quattro su quello sinistro, tutte simili tra loro. In totale, tredici.”

 

Le donne di Lemno

 

Sull’isola di Lemno le donne trascurarono di offrire sacrifici a Venere per vari anni; irata, la Dea fece in modo che i loro mariti le disprezzassero, prendendo in moglie donne fatte venire dalla Tracia. Ma le Lemniadi, istigate dalla stessa Venere, ordirono una congiura e massacrarono tutti gli uomini dell’isola, eccetto Ipsipile che imbarcò di nascosto il padre Toante su una nave con la quale fu gettato sull’isola Taurica da una tempesta. Intanto gli Argonauti nella loro navigazione giunsero a Lemno; quando lfinoe, che sorvegliava le porte, li vide, lo riferì alla regina Ipsipile, a cui la vecchia Polisso suggerì di rendersi amici gli Argonauti con un ‘accoglienza ospitale. Ipsipile generò da Giasone i figli Euneo e Deipilo. Dopo essersi trattenuti lì per molti giorni, Ercole li indusse a partire con i suoi rimproveri. Le Lemniadi, quando seppero che Ipsipile aveva salvato suo padre, cercarono di ucciderla, ma ella fuggì. La catturarono alcuni predoni che la portarono a Tebe e la vendettero come schiava al re Lico. Quanto alle Lemniadi, diedero ai figli concepiti con gli Argonauti il nome dei rispettivi padri.

 

Cizico

 

Il re Cizico, figlio di Eusoro, ospitò generosamente gli Argonauti nell’isola Propontide; dopo essere partiti di lì e avere navigato per tutto il giorno, una tempesta notturna li ricacciò sulla stessa isola che essi non riconobbero. Cizico, pensando che fossero dei nemici Pelasgi, si batté contro di loro sulla spiaggia, di notte, e fu ucciso da Giasone. Quando, il giorno successivo, sbarcò sulla spiaggia e vide che aveva ucciso il re, lo seppellì e consegnò il regno ai suoi figli.

 

Amico

 

Amico, figlio di Nettuno e di Melie, regnava sui Bebrici. Egli costringeva chiunque entrasse nel suo regno a battersi con lui nel pugilato, e dopo averlo vinto lo uccideva. Egli sfidò nel pugilato gli Argonauti: Polluce si batté con lui e lo uccise.

 

Lico

 

Lico, re dell’isola Propontide, ospitò con grandi onori gli Argonauti perché avevano ucciso Amico che lo aveva spesso aggredito. Durante il soggiorno degli Argonauti presso Lico, essi uscirono a cercare fieno, e Idmone, figlio di Apollo, morì assalito da un cinghiale; essi indugiarono a seppellirlo, e in quel frattempo morì anche Tifi, figlio di Forbante. Allora gli Argonauti affidarono il timone della nave Argo ad Anceo, figlio di Nettuno.

 

Fineo

 

Fineo il trace, figlio di Agenore, ebbe da Cleopatra due figli che poi accecò per le calunnie della loro matrigna. A quanto pare Apollo aveva concesso a questo stesso Fineo il dono della divinazione; ma poiché rivelava le intenzioni degli Dèi, Giove lo accecò e mise alle sue calcagna le Arpie – i cosiddetti cani di Giove – perché lo tormentassero portandogli via il cibo dalla bocca. Quando gli Argonauti arrivarono da lui e gli chiesero di indicare loro la strada, Fi neo si disse disposto a farlo, purché lo liberassero dal suo castigo; allora Calaide e Zete, figli di Orizia e di Borea, che pare avessero capo e piedi alati, cacciarono le Arpie nelle isole Strofadi, liberando così Fineo dalla sua condanna. L ‘indovino insegnò dunque agli Argonauti il modo per passare le Simplegadi: avrebbero dovuto lanciare una colomba tra le rocce, aspettare che cozzassero tra loro e insinuarvisi subito dopo, approfittando del successivo riflesso. Così gli Argonauti, grazie al consigli di Fineo, riuscirono a superare le Simplegadi.

 

Gli uccelli stinfalidi

 

Quando gli Argonauti giunsero all’isola di Dia, gli uccelli di quel luogo li bersagliarono con le loro penne come se fossero frecce. Essi non potevano resistere alla moltitudine degli uccelli; allora, per consiglio di Fineo, afferrarono scudi e lance e, battendoli tra loro, come fanno i Cureti, misero in fuga gli uccelli.

 

I figli di Frisso

 

Dopo che gli Argonauti passarono attraverso le rupi Cianee, dette anche Simplegadi, ed entrarono nel mare chiamato Eussino, per volontà di Giunone giunsero nel loro errare all’isola di Dia. Qui trovarono, naufraghi, nudi e privi di ogni mezzo, i figli di Frisso e Calciope: Argo, Frontide, Mela e Cilindro. Essi esposero a Giasone le proprie peripezie: mentre stavano navigando per ritornare dal nonno Atamante, erano naufragati ed erano giunti lì. Giasone li accolse e prestò loro soccorso; ed essi guidarono Giasone sino alla Colchide attraverso il fiume Termodonte. Quando furono non lontano dalla Colchide, fecero nascondere la nave e raggiunsero la loro madre Calciope, sorella di Medea, alla quale parlarono dell’aiuto che avevano ricevuto da Giasone e del motivo per cui era arrivato. Allora Calciope si rivolge a Medea e la conduce, assieme ai propri figli, da Giasone. Quando lo vide, Medea riconobbe che era lui l’uomo che aveva amato in sogno, per impulso di Giunone; gli promette tutto, e insieme lo conducono al tempio.

 

Eete

 

Secondo il responso di un oracolo, Eete, figlio di Sole, avrebbe conservato il suo regno fintantoché il vello che Frisso aveva consacrato fosse rimasto nel tempio di Marte. Perciò Eete stabilì che Giasone, se voleva portar via il vello d’oro, doveva superare questa prova: mettere un giogo di adamante a due tori dagli zoccoli di bronzo che esalavano fiamme dalle narici e poi arare e seminare, gettandoli da un elmo, i denti del drago, da cui subito sarebbero sorti altrettanti uomini armati che si sarebbero uccisi tra loro. Giunone però volle come sempre salvare Giasone, perché una volta era giunta a un fiume e, per mettere alla prova le menti degli uomini, aveva assunto le sembianze di una vecchia e chiesto di essere trasportata sull’altra sponda; Giasone lo aveva fatto, mentre altri, passati di lì prima di lui, l’avevano trattata con disprezzo. Perciò, poiché sapeva che Giasone non avrebbe potuto portare a termine l’impresa che gli era stata imposta senza l’aiuto di Medea, Giunone chiese a Venere di infiammare Medea d’amore per lui. Così, per istigazione di Venere, Giasone fu amato da Medea e grazie a lei superò ogni pericolo. Quando infatti, dopo che ebbe arato la terra con i tori, da essa sorsero uomini in armi, su consiglio di Medea gettò in mezzo a loro una pietra; e quelli cominciarono a battersi tra loro e si uccisero l’un l’altro. Infine Giasone, dopo aver addormentato il drago con un filtro, sottrasse il vello dal tempio e ripartì per tornare in patria, in compagnia di Medea.

 

Apsirto

 

Quando Eete venne a sapere che Medea era fuggita con Giasone, fece armare una nave e mandò suo figlio Apsirto a inseguirli, accompagnato da un drappello di armati. Apsirto li raggiunse in Istria, nel mare Adriatico, presso il re Alcinoo, e sfidò Giasone a duello; Alcinoo si intromise fra i due, perché non si battessero, al che quelli lo elessero arbitro della contesa. Alcinoo rimandò il giudizio al giorno successivo. Poiché era assai triste, sua moglie Arete gliene chiese il motivo; Alcinoo le disse che era stato scelto come giudice da due popoli diversi, i Colchi egli Argivi. Arete gli chiese allora quale sarebbe stata la sua sentenza: Alcinoo le rispose che se Medea era vergine, l’avrebbe rimandata al padre, e se invece era già donna, l’avrebbe data al marito. Udito questo, Arete lo fece sapere a Giasone, che quella notte deflorò Medea in una grotta; e così il giorno dopo, quando i due si presentarono al giudizio, Medea fu trovata donna e consegnata al marito. Ciò nonostante, dopo che Giasone e Medea furono partiti, Apsirto, per timore degli ordini ricevuti dal padre, li inseguì fino all’isola di Minerva. Qui Apsirto piombò su Giasone, mentre questi stava appunto sacrificando alla Dea, e ne venne ucciso. Medea diede sepoltura al fratello e partì dall’isola assieme a Giasone. I Colchi che avevano accompagnato Apsirto, temendo l’ira di Eete, rimasero invece lì e fondarono sull’isola una città, che chiamarono Absori, dal nome di Apsirto; ora questa isola si trova in Istria, di fronte a Pola, vicino a quella di Canta.

 

Giasone: le figlie di Pelia

 

Giasone, che aveva affrontato tanti pericoli per ordine di suo zio Pelia, cominciò a pensare come avrebbe potuto ucciderlo senza destare sospetti. Medea promise di incaricarsene; a questo scopo fece nascondere la nave in un luogo segreto, visto che erano ormai lontani dalla Colchide, si presentò alle figlie di Pelia travestita da sacerdotessa di Diana e promise loro che avrebbe fatto tornare giovane Pelia, da vecchio che era. La figlia maggiore, Alcesti, non credeva che questo fosse possibile; Medea allora, per piegarla più facilmente al suo volere, suscitò una nebbia che avvolse le fanciulle e, per mezzo dei suoi incantesimi, fece molti prodigi che parvero loro simili al vero. Prese un vecchio ariete e lo gettò in un bacile di bronzo, da cui sembrò che saltasse fuori un bellissimo agnello. E così, allo stesso modo, le figlie di Pelia – cioè Alcesti, Pelopia, Medusa, Pisidice e Ippotoe -, dopo aver ucciso il padre, su istigazione di Medea, lo gettarono in un bacile di bronzo; quando compresero di essere state ingannate, fuggirono dalla patria. A questo punto Giasone, avvertito da Medea con un segnale, si impadronì della reggia e affidò ad Acasto, figlio di Pelia e fratello delle Peliadi, il regno paterno, perché questi era venuto con lui nella Colchide; poi partì per Corinto in compagnia di Medea.

 

Medea

 

Benché Medea, figlia di Eete e Idia, avesse già partorito a Giasone due figli, Mermero e Fere, e vivesse con lui nella massima concordia, a Giasone veniva rinfacciato di avere una moglie maga e straniera, lui che era uomo tanto nobile, bello e forte; perciò il re di Corinto Creonte, figlio dì Meneceo, gli diede in sposa la figlia minore, Glauce. Quando Medea si vide così oltraggiata da Giasone, che tanto aveva aiutato, fabbricò per mezzo di incantesimi una corona d’oro e ordinò ai suoi figli di regalarla alla loro matrigna. Creusa accettò il dono e arse viva con Giasone e Creonte. Quando Medea vide la reggia in fiamme, uccise i figli che aveva avuto da Giasone, Mermero e Fere, e fuggì da Corinto.

 

Medea in esilio

 

Medea da Corinto giunse esule in Atene, ospite del re Egeo, figlio di Pandione, e divenne sua sposa; da Egeo ebbe il figlio Medo. Successivamente la sacerdotessa di Diana iniziò ad attaccare Medea e disse al re che le era impossibile compiere i sacrifici in modo incontaminato dato che in quella città abitava un’avvelenatrice e un’assassina. Allora Medea dovette nuovamente andare in esilio e ritornò da Atene alla Colchide sul suo carro trainato da serpenti. Durante il viaggio, giunse ad Absori dove era sepolto il fratello Apsirto. Gli abitanti di quella terra erano perseguitati da una moltitudine di serpenti contro i quali non avevano rimedio. Per loro supplica, Medea li raccolse e li gettò nel sepolcro del fratello, ed essi ancora dimorano lì: se qualcuno di essi esce dal sepolcro, immediatamente muore.

 

Medo

 

Perse, figlio di Sole e fratello di Eete, aveva ricevuto l’oracolo di guardarsi dalla morte che gli sarebbe giunta per mano di un discendente di Eete. Medo, che stava cercando la madre, fu spinto lì da una bufera; le guardie lo presero e lo condussero al cospetto del re Perse. Medo, figlio di Egeo e Medea, quando capì di essere caduto nelle mani di un nemico, simulò di essere Ippote, figlio del re Creonte. Il re volle fare un ‘inchiesta più approfondita e lo fece chiudere in prigione; allora si dice che si verificò una carestia. In quel luogo giunse Medea, sul suo carro condotto da serpenti e al re disse di essere una sacerdotessa di Diana, capace di esorcizzare la sterilità. Quando seppe dal re che in carcere si trovava Ippote, figlio di Creonte, convinta che costui fosse venuto per vendicare l’uccisione del padre, senza saperlo mise in pericolo il proprio figlio. Infatti persuase il re che quell’uomo non era Ippote, ma Medo, figlio di Egeo, inviato dalla madre per ucciderlo; ottenne quindi dal re che gli fosse consegnato per essere messo a morte. Ma quando Medo le fu portato per scontare con la morte la sua menzogna, Medea si accorse che le cose non stavano come aveva pensato. Ottenne di parlare con lui da sola a solo e gli consegnò una spada ordinandogli di vendicare le offese fatte a suo nonno. A queste parole Medo uccise Perse e tornò in possesso del regno avito; dal suo nome chiamò Media quella regione.

 

Oto ed Efialte

 

Si racconta che Oto ed Efialte, figli di Aloeo e Ifimedia, figlia di Nettuno, fossero di straordinaria grandezza; ognuno di loro cresceva di nove dita ogni mese. Così, quando giunsero ai nove anni, tentarono di dare la scalata al cielo. Ecco come si prepararono la strada: posero il monte Ossa sopra il Pelio (motivo per cui il Pelio è chiamato monte Ossa) e lì accu mulavano altre montagne. Essi furono poi assaliti e uccisi da Apollo. Altri scrittori li dicono figli invulnerabili di Nettuno e Ifimedia; essi tentarono di fare violenza a Diana, che non poteva contendere con la loro forza. Perciò Apollo fece comparire una cerva tra loro, ed essi, in preda al furore, nel tentativo di abbatterla con i loro giavellotti si uccisero a vicenda. Si racconta che negl’Inferi vengono sottoposti a questo castigo: sono legati con una catena di serpenti alla stessa colonna, dorso contro dorso, e fra di loro, sopra la colonna a cui sono avvinti, sta un allocco.

 

Alcmena

 

Nel tempo in cui Anfitrione era lontano a espugnare Ecalia, Alcmena ammise Giove nel proprio talamo, credendo che fosse il suo sposo. Quando il Dio fu nel talamo e le riferì le sue imprese a Ecalia, ella si persuase che era proprio il suo sposo e giacque con lui. E il Dio provò tanto piacere nel giacere con lei che passò lì un giorno intero e raddoppiò la durata della notte, al punto che Alcmena si meravigliò che la notte fosse così lunga. Quando poi fu riferita la notizia che suo marito ritornava vincitore, non la prese in considerazione poi che credeva di averlo già incontrato. Quando Anfitrione entrò nella reggia e la vide indifferente se ne meravigliò e le chiese come mai non era accorsa a riceverlo. Alcmena gli rispose: «Ma tu sei arrivato già ieri, hai dormito con me e mi hai raccontato le tue imprese ad Ecalia!» Ella poi gli diede le prove di quello che era accaduto, Anfitrione capì che al posto suo si era presentata qualche divinità e da quel giorno si astenne dal dormire con Alcmena. Ed essa in seguito al connubio con Giove partorì Ercole.

 

Le dodici fatiche di Ercole imposte da Euristeo

 

Quando Ercole era neonato strozzò a mani nude due serpenti inviati da Giunone, e per questo fu detto il primogenito. Uccise poi il Leone Nemeo, la belva invulnerabile che Luna aveva allevato in un antro a due uscite; da allora usò la sua pelle come veste. Presso la fonte di Lerna uccise l’Idra di Lerna, figlia di Tifone, che aveva nove teste: questo mostro aveva un veleno così potente da uccidere gli uomini solo con il suo alito; se qualcuno le passava accanto mentre era addormentata, essa alitava sulle sue orme e quell’uomo moriva tra tormenti ancora più atroci. Ma Ercole la uccise seguendo i consigli di Minerva, la sventrò e in tinse le frecce nel suo fiele: così, da quel momento, chiunque veniva ferito dalle sue frecce non sfuggiva la morte; alla fine anch’egli perì dello stesso veleno in Frigia. Uccise il Cinghiale dell’Erimanto. Condusse vivo al cospetto di Euristeo un cervo selvaggio che viveva in Arcadia e aveva corna d’oro. Uccise a colpi di freccia gli uccelli Stinfalidi che scagliavano le loro penne come proiettili. In un solo giorno ripulì dal fimo le stalle del re Augia, con l’aiuto determinante di Giove; egli deviò il corso di un fiume e lavò via tutto il letame. Condusse vivo da Creta a Micene il toro con il quale si era congiunta Pasifae. Insieme allo scudi ero Abdero uccise in Tracia il re Diomede e i suoi quattro cavalli, che si nutrivano di carne umana: i nomi dei cavalli erano Podargo, Lampone, Xanto e Dino. Rubò la cintura all’amazzone Ippolita, figlia di Marte e della regina Otrera, che regnava sulle Amazzoni; in quell’occasione donò a Teseo Antiope sua prigioniera. Con un solo colpo uccise Gerione, figlio di Crisaore, che aveva tre corpi. Uccise presso il monte Atlante un gigantesco serpente, figlio di Tifone, che custodiva le mele d’oro delle Esperidi e portò al re Euristeo quelle mele. Trasse dall’Ade il cane Cerbero, figlio di Tifone, e lo condusse al cospetto del re.

 

Imprese secondarie dello stesso Ercole

 

In Libia uccise Anteo, figlio di Tello. Costui obbligava gli stranieri di passaggio a combattere con lui e quando erano esausti li ammazzava; Ercole lo uccise lottando con lui. In Egitto uccise Busiride, che era solito sacrificare chi capitava da lui; Ercole, conoscendo questa sua abitudine, si lasciò condurre all’altare con tanto di benda sacrificale attorno al capo, ma quando Busiride volle invocare gli Dèi, Ercole trucidò con la sua clava sia lui che i suoi aiutanti. Uccise Cicno, figlio di Marte, dopo averlo vinto in duello. Giunse allora Marte per combattere con Ercole a causa del figlio, ma Giove scagliò un fulmine tra i due. A Troia Ercole ammazzò il mostro marino al quale era stata data in pasto Esione; poi uccise con le sue frecce Laomedonte, padre di Esione, perché non voleva rendere la fanciulla. Con le frecce uccise l’aquila Aetone che divorava il cuore di Prometeo. Uccise Lico, figlio di Nettuno, perché questi voleva uccidere sua moglie Megara e i suoi figli Terimaco e Ofite. Il fiu-me Acheloo poteva assumere svariate forme. Quando combatté con Ercole per la mano di Deianira, si trasformò in un toro, a cui Ercole strappò un corno, che donò alle Esperidi o alle Ninfe; le Dee lo riempirono di frutta e lo chiamarono Cornucopia. Ercole uccise Neleo, figlio di Ippocoonte, e dieci dei suoi figli, poiché non aveva voluto mondarlo ne purificarlo all’epoca in cui aveva ucciso sua moglie Megara, figlia di Creonte, e i figli Terimaco e Ofite. Uccise Eurito, perché gli aveva chiesto la mano di sua figlia Iole e ne era stato respinto; uccise il centauro Nesso perché aveva cercato di violentare Deianira; e uccise il centauro Eurizione, perché era stato un pretendente della sua fidanzata Deianira, figlia di Dessameno.

 

Megara

 

Quando Ercole era stato mandato dal re Euristeo ad affrontare il cane a tre teste, Lico, figlio di Nettuno, lo aveva creduto morto e aveva progettato di uccidere la moglie di Ercole, Megara, e i suoi figli Terimaco e Ofite, per impadronirsi del regno. Ercole glielo impedì, uccidendolo; ma poi, reso folle da Giunone, uccise con le sue mani Megara e i figli (Terimaco e Ofite). Quando rientrò in se, implorò Apollo di dirgli, per mezzo dell’oracolo, in che modo avrebbe potuto espiare il suo delitto; ma poiché Apollo non volle rispondergli, Ercole, in preda all’ira, portò via dal tempio il tripode del Dio, che poi restituì per ordine di Giove, ingiungendo ad Apollo di dargli una risposta, benché questi fosse reticente. A causa di questo fatto, Ercole venne dato da Mercurio alla regina Onfale come schiavo.

 

I Centauri

 

Quando Ercole fu ospitato dal re Dessameno e tolse la verginità a sua figlia Deianira, promise che l’avrebbe sposata. Dopo la sua partenza, il centauro Eurizione, figlio di Issione e Nuvola, chiese in sposa Deianira. Suo padre, temendone la violenza, promise di concedergliela. Il giorno stabilito, il Centauro si presentò alle nozze insieme ai suoi fratelli, ma Ercole sopraggiunse, lo uccise e portò via la sua fidanzata. Ugualmente durante altre nozze, quando Piritoo stava sposando Ippodamia, figlia di Adrasto, i Centauri ubriachi tentarono di rapire le mogli dei Lapiti; i Centauri uccisero molti di loro, ma alla fine furono sterminati.

 

Nesso

 

Deianira chiese a Nesso, un Centauro figlio di Issione e di Nuvola, di portarla al di là del fiume Eveno; ma quando furono proprio in mezzo al fiume, Nesso cercò di farle violenza. Essendo sopraggiunto Ercole, Deianira gli chiese aiuto; Ercole allora trafisse Nesso con le sue frecce. Il Centauro moribondo, sapendo quanto fosse potente il veleno di quelle frecce, che erano state immerse nel fiele dell’idra di Lerna, raccolse un po’ del suo sangue e lo diede a Deianira, dicendole che si trattava di un filtro; per evitare che il marito la trascurasse, avrebbe dovuto intingervi i suoi abiti. Deianira, credendogli, conservò il liquido con cura.

 

Iole

 

Ercole aveva chiesto a Eurito sua figlia Iole in sposa e, poiché quello aveva rifiutato, attaccò e conquistò Ecalia. Per farsi pregare dalla fanciulla, minacciò di uccidere i suoi parenti davanti ai suoi occhi, ma Iole, che era di animo molto risoluto, sopportò coraggiosamente che i suoi familiari venissero trucidati davanti a lei. Quando Ercole li ebbe uccisi tutti, mandò Iole prigioniera da Deianira.

 

Deianira

 

Quando Deianira, figlia di Eneo e moglie di Ercole, vide arrivare prigioniera Iole, che era una fanciulla di straordinaria bellezza, temette che le rubasse il marito; perciò, memore del consiglio di Nesso, inviò a Ercole un servo di nome Lica, perché gli portasse una veste intinta nel sangue del Centauro. Ma poi un poco di quel sangue, che era sgocciolato per terra, toccato dal Sole, prese fuoco. Quando Deianira lo vide, capì che Nesso aveva mentito e mandò un uomo a richiamare il servo al quale aveva dato la veste. Ercole l’aveva però già indossata e aveva subito preso fuoco. Si gettò in un fiume per spegnere le fiamme, ma queste divamparono con maggior ardore; provò a togliersi la veste, ma veniva via anche la carne viva. Allora Ercole afferrò Lica, che gli aveva portato la veste, e dopo averlo fatto roteare lo gettò in mare; nel luogo dove cadde, sorse uno scoglio che è chiamato Lica. Si dice che poi Filottete, figlio di Peante, abbia innalzato una pira per Ercole sul monte Eta e che così quest’ultimo sia asceso all’immortalità. In compenso di questo favore, Ercole donò a Filottete il suo arco e le sue frecce; Deianira, per parte sua, si diede la morte a causa di ciò che era accaduto ad Ercole.

 

Etra

 

Sia Nettuno che Egeo, figlio di Pandione, giacquero nella stessa notte con Etra, figlia di Pitteo, nel tempio di Minerva; Nettuno lasciò a Egeo il figlio concepito durante quella notte. Egeo, nel lasciare Trezene per far ritorno ad Atene, mise la sua spada sotto, una roccia e raccomandò a Etra di mandargli il ragazzo quando fosse stato in grado di sollevare la roccia e prendere la spada di suo padre, che sarebbe servita come segno di riconoscimento. E così, in seguito, Etra partorì Teseo; quando questi ebbe raggiunto la pubertà, la madre gli comunicò le istruzioni datele da Egeo, gli mostrò la pietra perché prendesse la spada e gli ordinò di andare ad Atene dal padre. Teseo uccise tutti coloro che infestavano la strada.

 

Fatiche di Teseo

 

Uccise con le armi alla mano Corinete, figlio di Nettuno; uccise Pitocampte, che costringeva i viandanti ad aiutarlo a piegare fino a terra un pino e poi, quando questi lo avevano afferrato insieme a lui, lo mollava con forza, sicché quelli venivano scagliati violentemente a terra e morivano. Uccise Procruste, figlio di Nettuno; costui, quando uno straniero piuttosto alto capitava dalle sue parti, gli dava un letto corto e tagliava via la parte del corpo in eccedenza; se invece il viandante era di bassa statura, gli dava un letto più lungo e appendendogli ai piedi delle incudini lo stirava finche quello diventava lungo quanto il letto. Scirone, che sedeva su un dirupo a picco sul mare, obbligando chi passava di lì a lavargli i piedi per poi precipitarlo in mare, venne gettato in mare da Teseo, incontrando così la stessa morte; da allora quelle rocce sono dette Scironie. Teseo uccise in duello Cercione, figlio di Vulcano, e ammazzò il cinghiale di Crommione; uccise a Maratona il toro che Ercole aveva portato a Euristeo da Creta, nonché il Minotauro nella città di Cnosso.

 

Dedalo

 

Dedalo, figlio di Eupalamo, che a quanto si dice aveva ricevuto la sua abilità da Minerva, gettò dall’alto del tetto il figlio di sua sorella, Perdice, geloso della sua bravura, poi che era stato lui a inventare per primo la sega. Per questo delitto, fu mandato in esilio da Atene a Creta, presso il re Minosse. 

 

Pasifae

 

Pasifae, figlia di Sole e moglie di Minosse, per molti anni non fece sacrifici alla Dea Venere; per questo motivo, Venere le ispirò un amore mostruoso, sicché cominciò ad amare in modo anormale un toro che le era caro. Quando Dedalo arrivò esule a Creta, le chiese aiuto e in cambio fece per lei una vacca di legno e la rivestì della pelle di una vacca vera, sicché, entrandovi, Pasifae poté giacere col toro. Da questo amplesso partorì il Minotauro, che aveva la testa di un toro e la parte inferiore umana. Dedalo costruì per il Minotauro un labirinto dall’uscita introvabile, in cui venne rinchiuso il mostro. Minosse, venuto a conoscenza di tutta la faccenda, gettò Dedalo in prigione, ma Pasifae lo liberò dalle sue catene; allora Dedalo fabbricò delle ali, le adattò a se e a suo figlio Icaro e i due fuggirono da Creta volando. Ma poi che Icaro volle salire troppo in alto, Sole sciolse la cera e il ragazzo precipitò nel mare, che da lui fu chiamato Icario. Dedalo arrivò in volo presso il re Cocalo, nell’isola di Sicilia. Altri dicono che, quando Teseo uccise il Minotauro, riportò Dedalo ad Atene, la sua patria.

 

Minosse

 

Minosse, figlio di Giove e di Europa, combatte contro gli Ateniesi e suo figlio Androgeo venne ucciso in battaglia. Dopo che Minosse ebbe sconfitto gli Ateniesi, questi divennero suoi tributari; egli stabilì inoltre che ogni anno gli mandassero sette dei loro figli, da dare in pasto al Minotauro. Quando Teseo, arrivato da Trezene, udì da quale terribile disgrazia fosse stata colpita la città, promise di andare a battersi con il Minotauro. Il padre, alla partenza, gli raccomandò di far issare vele bianche sulla sua nave, nel caso tornasse vincitore; invece coloro che venivano mandati dal Minotauro navigavano con vele nere.

 

Teseo e il Minotauro

 

Quando Teseo arrivò a Creta, Arianna, figlia di Minosse, s’innamorò di lui al punto di tradire il fratello per salvare quello straniero. Fu lei infatti a mostrare a Teseo l’uscita dal labirinto: quando l’eroe vi penetrò e uccise il Minotauro, per consiglio di Arianna riguadagnò l’uscita svolgendo un gomitolo di filo e, secondo la promessa che le aveva fatto, la portò via con l’intenzione di sposarla.

 

Arianna

 

Trattenuto da una tempesta sull’isola di Dia, Teseo pensò che si sarebbe coperto di vergogna se avesse portato Arianna in patria; così la abbandonò addormentata sull’isola. Di lei si innamorò Libero, che la portò via da quel luogo facendone la sua sposa. Durante la navigazione Teseo si dimenticò di cambiare le vele e per questo Egeo, credendo che Teseo fosse stato ucciso dal Minotauro, si precipitò nel mare che dal suo nome venne chiamato Egeo. Teseo poi sposò Fedra, sorella di Arianna.

 

Cocalo

 

  Minosse, che per colpa di Dedalo aveva subito molti danni, lo inseguì fino in Sicilia e chiese al re Cocalo che glielo consegnasse. Cocalo promise di farlo, ma Dedalo lo scoprì e chiese aiuto alle figlie del re, che uccisero Minosse.

 

Filomena

 

Il tracio Tereo, figlio di Marte, che era sposato con Procne, figlia di Pandione, venne ad Atene a chiedere al suocero Pandione di dargli in moglie l’altra sua figlia Filomela, dicendo che Procne era morta. Pandione glielo concesse e gli mandò Filomela con alcune guardie, ma Tereo le gettò in mare e violentò Filomela sopra un monte. Poi, una volta ritornato in Tracia, mandò Filomela dal re Linceo; ma la moglie del re, Latusa, che era amica di Procne, le rimandò subito la concubina. Quando Procne riconobbe la sorella e venne a conoscenza dell’empio delitto di Tereo, le due cominciarono insieme a tramare per rendere la pariglia al re. Frattanto dei presagi rivelarono a Tereo che suo figlio lti avrebbe trovato la morte per mano di un parente. Udito questo responso, e pensando che suo fratello Driante stesse tramando l’assassinio del figlio, Tereo uccise l’innocente Driante. Ma Procne uccise il figlio suo e di Tereo, Iti, lo servì al padre durante un banchetto e fuggì con la sorella. Quando Tereo venne a conoscenza di questo delitto inseguì le fuggitive, ma per la pietà degli Dèi Procne fu trasformata in rondine e Filomela in usignolo; dicono che Tereo sia stato invece mutato in falco.

 

Eretteo

 

Eretteo, figlio di Pandione, ebbe quattro figlie che giurarono reciprocamente di darsi la morte se una di loro fosse venuta a mancare. In quel tempo Eumolpo, figlio di Nettuno, fece guerra ad Atene perché affermava che l’Attica era un possesso paterno; ma quando costui fu sconfitto insieme al suo esercito e rimase ucciso, Nettuno, perché Eretteo non avesse a compiacersi della morte di suo figlio, volle che una sua figlia gli fosse sacrificata. Così la figlia Ctonia fu immolata e le altre, secondo gli accordi che avevano presi, si suicidarono, mentre lo stesso Eretteo per richiesta di Nettuno venne fulminato da Giove.

 

Ippolito

 

Fedra, figlia di Minosse e moglie di Teseo, si innamorò del figliastro Ippolito e poiché non riuscì a sedurlo secondo i suoi desideri, mandò una lettera al marito in cui accusava Ippolito di averla violentata e poi si impiccò. Teseo, quando lo seppe, ordinò al figlio di andarsene dalla città e poi pregò suo padre Nettuno di provocare la morte di Ippolito. Infatti, mentre Ippolito guidava il suo cocchio tirato da due destrieri, improvvisamente dal mare sorse un toro, il cui muggito spaventò talmente i cavalli che questi sbalzarono Ippolito a terra e lo trascinarono finché morì.

 

I re di Atene

 

Cecrope, figlio di Tello; Cefalo, figlio di Deione; Egeo, figlio di Pandione; Pandione, figlio di Erittonio; Teseo, figlio di Egeo; Erittonio, figlio di Vulcano; Eretteo, figlio di Pandione; Demofonte, figlio di Teseo.

 

Esculapio

 

Si dice che Esculapio, figlio di Apollo, abbia ridato la vita a Glauco, figlio di Minosse, o a Ippolito. Per questo motivo Giove lo fulminò. Apollo allora, non potendo vendicarsi su Giove, uccise gli esecutori materiali di quel fulmine, cioè i Ciclopi; e per punizione fu venduto come schiavo ad Admeto, re di Tessaglia.

 

Admeto

 

Una folla di pretendenti aspirava alle nozze con Alcesti, figlia di Pelia; Pelia ne rifiutò molti e stabilì il patto che avrebbe concesso la figlia solo a colui che fosse stato capace di aggiogare allo stesso carro delle bestie feroci. Costui se la sarebbe potuta prendere. Così Admeto chiese aiuto ad Apollo, che era stato trattato generosamente quando aveva dovuto servirlo come schiavo; Apollo gli consegnò, aggiogati allo stesso carro, un cinghiale e un leone, grazie ai quali ebbe Alcesti come sposa.

 

Alcesti

 

Molti erano i corteggiatori che ambivano al matrimonio con Alcesti, figlia di Pelia, e Anassibia, figlia di Biante. Pelia rifiutò le loro offerte e stabilì il patto che avrebbe concesso la figlia a chi avesse aggiogato allo stesso carro delle bestie selvagge e su quello avesse condotto Alcesti alla cerimonia nuziale. Così Admeto pregò Apollo di aiutarlo. Apollo, che era stato trattato benignamente da lui durante il suo periodo di schiavitù, gli consegnò già aggiogati un cinghiale e un leone, con i quali egli si portò via Alcesti. Ottenne anche da Apollo questo dono: che qualcuno avesse la possibilità di morire al suo posto. Dunque, quando ne suo padre ne sua madre vollero morire per lui, si offrì sua moglie Alcesti e si sostituì a lui nella morte; ma successivamente Ercole la fece tornare dal regno dei morti.

 

Egina

 

Giove desiderava congiungersi con Egina, figlia di Asopo, ma temeva la gelosia di Giunone. Allora la trasportò sull’isola di Delo e la rese gravida; da questo amplesso nacque Eaco. Quando Giunone lo venne a sapere, inviò contro le sorgenti di quella terra un serpente che le avvelenò, cosicché chiunque beveva quell’acqua rendeva il suo debito alla natura. Eaco perse molti amici e ormai per scarsezza di uomini non poteva più sopravvivere in quel luogo; ma scorgendo una fila di formiche pregò Giove che gli inviasse in soccorso degli esseri umani e Giove mutò le formiche in uomini, che furono detti Mirmidoni dal momento che il nome greco delle formiche è murmekes. L ‘isola venne poi chiamata Egina.

 

Asteria

 

Giove amava Asteria, figlia di un Titano, ma lei lo rifiutò; allora il Dio la trasformò nell’uccello detto ortux, che noi chiamiamo quaglia, e la scagliò in mare. Da lei derivò l’isola detta Ortigia, che vagava per il mare. Fu lì che Latona, inseguita da Pitone, venne portata dal vento Aquilone per comando di Giove, e abbracciata a un olivo partorì Apollo e Diana. Poi, quell’isola venne chiamata Delo.

 

Tetide

 

Era destino che il figlio della Nereide Tetide sarebbe stato più forte del padre: solo Prometeo conosceva questo segreto. Così, quando Giove fu preso dal desiderio di unirsi a lei, Prometeo promise di rivelarglielo se fosse stato liberato dalle catene; il patto fu giurato e allora Prometeo ammonì Giove ad astenersi da Tetide, per evitare di dare alla luce un figlio più forte di lui che l’avrebbe cacciato dal regno come lui aveva fatto con Saturno. Così Tetide fu data in sposa a Peleo, figlio di Eaco, ed Ercole fu mandato a uccidere l’aquila che rodeva il cuore di Prometeo. Essa fu abbattuta e Prometeo venne liberato dal Caucaso dopo una prigionia di 30.000 anni.

 

Tizio

 

 Poiché Latona si era data a Giove, Giunone aveva ordinato a Tizio, figlio di Tello – un essere di di mensioni enormi -, di prenderla con la forza; ma quando Tizio ci provò, fu ucciso da Giove con un fulmine. Pare che negli Inferi, disteso, occupi lo spazio di nove iugeri; accanto a lui è stato posto un serpente perché gli divori il fegato, che poi ricresce a ogni Luna.

 

Busiride

 

Durante il regno di Busiride, figlio di Nettuno, l’Egitto venne colpito da una carestia e per nove anni la regione fu sterile per la siccità; il re allora fece venire dalla Grecia degli indovini. Trasio, figlio del fratello di Pigmalione, spiegò che le piogge sarebbero tornate se si fosse immolato uno straniero: ed egli, immolato per primo, dimostrò che le sue profezie erano vere.

 

Stenebea

 

Quando l’esule Bellerofonte giunse ospite presso il re Preto, sua moglie Stenebea s’invaghì di lui. Poiché egli rifiutò di concedersi a lei, la donna lo denunciò falsamente al marito affermando che le aveva fatto violenza. A questa notizia Preto scrisse la cosa su alcune tavolette e inviò Bellerofonte presso il re Iobate, padre di Stenebea; quando questi ebbe letto le tavolette non volle mettere a morte un così grande eroe ma lo inviò a uccidere la Chimera, che si diceva spirasse fuoco da tre teste: la prima di leone, l’ultima di serpente, mentre quella in mezzo era della stessa Chimera. Ma l’eroe, montando su Pegaso, la uccise; si dice che poi cadde nella pianura Alea, dove sembra che si sia fratturato un femore. Ma il re, ammirato per i suoi atti di coraggio, gli diede in sposa l’altra sua figlia. Quanto a Stenebea, quando udì questi eventi si uccise.

 

Mirra

 

Mirra era figlia di Cinira, re degli Assiri, e di Cencreide. Sua madre Cencreide affermò superbamente, che sua figlia era più bella persino di Venere. Allora Venere castigò quella madre infondendo a Mirra un amore mostruoso, al punto che ella si innamorò del proprio padre. Per evitare che la ragazza si suicidasse impiccandosi, la nutrice intervenne; così, grazie alla nutrice, ella poté giacere con il padre dal quale concepì un figlio. Perché questo non venisse scoperto, spinta dal pudore si rifugiò nei boschi. Poi Venere ebbe pietà di lei e la trasformò in quell’albero da cui stillano le gocce di mirra. Di lì nacque Adone che fece scontare a Venere le sofferenze della madre.

 

Fillide

 

Si racconta che Demofonte, figlio di Teseo, arrivò in Tracia ospite di Fillide e fu amato da lei. Volendo poi rientrare in patria, le promise che sarebbe ritornato, ma poiché non si fece vedere nel giorno stabilito, la ragazza in quel giorno corse alla spiaggia nove volte, motivo per cui essa viene chiamata in greco «le nove strade». Fillide dunque, per il desiderio di Demofonte, morì. I genitori le costruirono un sepolcro dove crebbero alberi che nella ricorrenza della sua morte la piangono, dato che le loro foglie si disseccano e cadono: è dal suo nome che le foglie sono dette in greco fulla.

 

Sisifo e Salmoneo

 

Sisifo e Salmoneo, figli di Eolo, si odiavano. Sisifo chiese ad Apollo in che modo potesse uccidere il suo nemico, cioè il fratello; l’oracolo rispose che, se avesse avuto dei figli da Tiro, figlia di suo fratello Salmoneo, costoro lo avrebbero vendicato. Sisifo così fece e nacquero due figli, che però la loro madre Tiro uccise quando conobbe la profezia. Ma quando Sisifo lo venne a sapere …… A causa della sua empietà ora, negli Inferi, spinge con le spalle un masso su per un monte, ma quando è arrivato in cima, quello rotola giù di nuovo dietro a lui.

 

Salmoneo

 

Salmoneo, figlio di Eolo, fratello di Sisifo, imitava i fulmini e le saette di Giove: seduto su una quadriga, scagliava infatti sul popolo dei concittadini fiaccole ardenti. Per questo Giove lo fulminò.

 

Issione

 

Issione, figlio di Leonteo, tentò di fare violenza a Giunone; e Giunone, per volere di Giove, gli sottopose una nuvola, che Issione scambiò per l’immagine della Dea. Da essa nacquero i Centauri. E Mercurio, per comando di Giove, legò negli Inferi Issione a una ruota, che si dice ancora oggi vada rotolando laggiù.

 

Danae

 

A Danae, figlia di Acrisio e Aganippe, era stato predetto che il figlio da lei partorito avrebbe ucciso Acrisio; allora il padre, temendo che la profezia si avverasse, la rinchiuse in una prigione dai muri di pietra. Ma Giove, mutatosi in una pioggia d’oro, giacque con Danae; da quell’amplesso nacque Perseo. Il padre, a causa dell’atto impudico, la rinchiuse insieme a Perseo in un cofano, che gettò in mare. Per volere di Giove il cofano fu sospinto fino all’isola di Serifo; quando il pescatore Ditti, che lo trovò e lo forzò, vide la donna con il bambino, li portò dal re Polidette, che sposò Danae e fece allevare Perseo nel tempio di Minerva. Non appena Acrisio venne a sapere che i due erano alla corte di Polidette, partì per andare a riprenderseli; quando arrivò, Polidette intervenne in loro favore e Perseo giurò al nonno che non l’avrebbe mai ucciso. Acrisio fu poi trattenuto colà da una tempesta e nel frattempo Polidette morì. Vennero indetti dei giochi funebri in suo onore, durante i quali un disco lanciato da Perseo, deviato dal vento, colpì al capo Acrisio, uccidendolo; e così ciò che Perseo non volle fare di sua volontà fu compiuto dagli Dèi. Una volta sepolto Polidette, Perseo partì per Argo e prese possesso del regno del nonno.

 

Andromeda

 

Cassiopea osò affermare che sua figlia Andromeda era più bella delle Nereidi, perciò Nettuno pretese che per punizione Andromeda, figlia di Cefeo, venisse offerta in pasto a un mostro marino. Perseo passò di lì volando con i calzari alati di Mercurio e liberò la fanciulla in pericolo; ma poiché poi voleva sposarla, il padre di lei, Cefeo, risolse di ucciderlo a tradimento insieme ad Agenore, cui Andromeda era stata promessa. Perseo, venuto a conoscenza del complotto, estrasse la testa della Gorgone; al vederla, tutti quanti, da uomini che erano, furono mutati in pietra. Perseo ritornò in patria con Andromeda. Polidette, rendendosi conto del valore e dell’audacia di Perseo, per paura, decise di ucciderlo con l’inganno; Perseo venne però a saperlo egli mostrò il capo della Gorgone, trasformando anche lui m sasso.

 

Alcione

 

Ceice, figlio di Espero (o Lucifero) e di Filonide, morì in un naufragio. Allora la sposa Alcione, figlia di Eolo e di Egiale, si gettò in mare per amore. Gli Dèi, presi da pietà, trasformarono entrambi in quegli uccelli che vengono chiamati alcioni, i quali fanno nido, uova e pulcini nei sette giorni che precedono l’arrivo dell’inverno. In quei giorni il mare è calmo, e per questo i marinai li definiscono «giorni alcionii».

 

Laio

 

A Laio, figlio di Labdaco, l’oracolo di Apollo predisse di guardarsi dalla morte per mano di un figlio. Così, quando sua moglie Giocasta, figlia di Meneceo, partorì, egli ordinò di esporre il bambino. Ma Peribea, moglie del re Polibo, lo trovò mentre si recava al mare per lavare le vesti e lo raccolse; poiché essi non avevano figli, d’accordo con Polibo lo educarono come se fosse il loro e dato che aveva i piedi trapassati lo chiamarono Edipo.

 

Edipo

 

Edipo, figlio di Laio e di Giocasta, giunto alla pubertà era il più forte di tutti i coetanei, sicché per invidia essi gli rinfacciavano che non poteva essere veramente figlio di Polibo, dato che era sfrontato, mentre Polibo era mite. Edipo si rese conto che l’accusa non era infondata, per cui partì alla volta di Delfi per chiedere all’oracolo chi erano i suoi veri genitori. Nel frattempo, per mezzo di prodigi fu rivelato a Laio che presto sarebbe morto per mano di suo figlio. E mentre si stava recando a Delfi, Edipo lo incontrò; quando le guardie gli intimarono di lasciare il passo al re, non se ne curò. Il re allora sferzò i cavalli e una ruota del carro schiacciò il piede di Edipo, che, in preda all’ira, trascinò suo padre fuori dal carro senza sapere chi fosse e lo uccise. Dopo la morte di Laio, Creonte, figlio di Meneceo, si impadronì del suo regno; nel frattempo la Sfinge, figlia di Tifone, fu mandata in Beozia, dove prese a devastare i campi dei Tebani. La Sfinge propose una gara al re Creonte: se qualcuno avesse interpretato correttamente un enigma da essa enunciato, se ne sarebbe andata, però avrebbe divorato tutti coloro che non fossero riusciti a risolverlo; in nessun altro caso avrebbe lasciato la regione. Udito ciò, il re fece diffondere un proclama in tutta la Grecia, promettendo il regno e la mano di sua sorella Giocasta a chi fosse stato in grado di risolvere l’indovinello della Sfinge. Molti tentarono la sorte perché avidi del regno e furono divorati dalla Sfinge; infine arrivò Edipo, figlio di Laio, e diede all’enigma la giusta interpretazione, al che la Sfinge si uccise precipitandosi nel vuoto. L’ignaro Edipo ricevette il regno paterno e la madre in sposa, e generò da lei Eteocle e Polinice, Antigone e Ismene. Frattanto su Tebe si abbatterono la miseria e la carestia, a causa dell’empietà commessa da Edipo. Tiresia, a cui fu chiesto perché Tebe fosse travagliata in quel modo, rispose che se fosse esistito un superstite della stirpe del drago e questi fosse morto per la patria, le disgrazie di Tebe avrebbero avuto fine; al che Meneceo, padre di Giocasta, si gettò dalle mura. Mentre a Tebe si svolgevano questi eventi, a Corinto morì Polibo; Edipo, quando lo seppe, prese male la notizia, credendo che fosse morto il padre suo. Peribea, allora, gli svelò il segreto della sua sostituzione e il vecchio Menete, che lo aveva esposto, lo riconobbe come figlio di Laio dalle cicatrici che aveva sui piedi e sulle caviglie. Quando Edipo udì tutto ciò e si rese conto di aver commesso delitti così empi, strappò le fibbie dalle vesti di sua madre e le usò per accecarsi; poi affidò il regno ai suoi figli ad anni alterni e se ne andò ramingo da Tebe, guidato da sua figlia Antigone.

 

Polinice

 

Allo scadere dell’anno, Polinice, figlio di Edipo, richiese il regno al fratello Eteocle, che però non glielo volle cedere; così Polinice, con l’aiuto del re Adrasto, mise Tebe sotto assedio con sette comandanti. Fu là che Capaneo, il quale diceva che avrebbe preso Tebe contro il volere di Giove, venne colpito da un fulmine mentre stava scalando le mura; Anfiarao fu inghiottito dalla terra; Eteocle e Polinice si uccisero a vicenda battendosi a duello. Quando a Tebe furono celebrati i sacrifici funebri per i due fratelli, benché soffiasse un forte vento, il fumo non andava mai nella stessa direzione, ma veniva trasportato ora da una parte, ora dall’altra. Intanto gli altri stavano attaccando Tebe e i Tebani avevano ormai perso la fiducia riguardo alla loro situazione; allora l’indovino Tiresia, figlio di Evere, predisse che la città si sarebbe liberata da quella disgrazia se fosse morto qualcuno della stirpe del drago. Meneceo, quando comprese che era l’unico dei cittadini in grado di salvare la città, si gettò dall’alto delle mura; in questo modo Vittoria arrise ai Tebani.

 

A

 

 Allo scadere dell’anno, Polinice, figlio di Edipo, richiese il regno al fratello Eteocle con l’aiuto di Adrasto, figlio di Talao; e attaccarono Tebe con sette comandanti. Qui Adrasto scampò grazie al suo cavallo. Capaneo disse che avrebbe preso Tebe contro la volontà di Giove e venne fulminato dal Dio mentre stava scalando le mura; Anfiarao venne inghiottito dalla terra con la sua quadriga; Eteocle e Polinice, battendosi tra loro, si uccisero a vicenda. Quando a Tebe venne offerto un solo sacrificio funebre per tutti e due, il fumo si divise, perché si erano uccisi reciprocamente; gli altri morirono.

 

B

 

Allo scadere dell’anno, Polinice, figlio di Edipo, richiese il regno paterno al fratello Eteocle, che non volle cederglielo; allora Polinice venne a Tebe per cingerla d’assedio. Colà Capaneo, poiché disse che avrebbe preso Tebe contro la volontà di Giove, venne colpito da un fulmine mentre scalava le mura; Anfiarao fu inghiottito dalla terra; Eteocle e Polinice si uccisero a vicenda in duello. Quando a Tebe fu offerto il sacrificio funebre per i due fratelli , benché soffiasse un forte vento, tuttavia il fumo non andava mai nella stessa direzione, ma continuava a dividersi in due parti. Gli altri, mentre attaccavano Tebe e il tebano ……

 

Adrasto

 

Apollo aveva predetto ad Adrasto, figlio di Talao e di Eurinome, che le sue figlie Argia e Deipile avrebbero sposato rispettivamente un cinghiale e un leone. In quel periodo, quasi contemporaneamente, arrivarono da Adrasto Polinice, figlio di Edipo, che era stato scacciato dal fratello Eteocle, e Tideo, figlio di Eneo e della prigioniera Peribea, che era stato similmente cacciato dal padre perché aveva ucciso, durante una caccia, il fratello Menalippo. Quando le guardie annunciarono ad Adrasto che erano arrivati due giovani con uno strano abbigliamento (uno era coperto da una pelle di leone e l’altro da una pelle di cinghiale), il re, memore della profezia, li fece condurre al suo cospetto e chiese loro perché erano giunti nel suo regno così acconciati. Polinice gli spiegò che veniva da Tebe e che proprio per questo si era vestito di una pelle di leone: infatti Ercole faceva discendere la sua stirpe da Tebe: Polinice portava quindi le insegne della sua gente. Tideo, per parte sua, disse di essere figlio di Eneo, la cui stirpe discendeva da Calidone: per questo portava una pelle di cinghiale, in ricordo del cinghiale di Calidone. Allora il re, memore delle parole dell’oracolo, diede in sposa a Polinice la figlia maggiore Argiada cui nacque Tersandro e a Tideo la minore, Deipile, da cui nacque Diomede, che in seguito combatte a Troia. Polinice chiese poi ad Adrasto di fornirgli un esercito per riprendere al fratello il regno paterno. Adrasto non soltanto glielo concesse, ma partì lui stesso con altri sei comandanti, dato che le mura di Tebe avevano sette porte; infatti Anfione, che le aveva erette, aveva dato alle porte i nomi delle sue sette figlie, e cioè Tera, Cleodosse, Astinome, Asticrazia, Chia, Ogigia e Cloride.

 

A

 

Adrasto, figlio di Talao, ebbe due figlie, Deipile e Argia; l’oracolo di Apollo gli predisse che avrebbe sposato le figlie a un cinghiale e a un leone. Ora, Tideo, figlio di Eneo, che era stato mandato in esilio dal padre perché aveva ucciso il fratello Menalippo mentre cacciava, era arrivato da Adrasto vestito di una pelle di cinghiale; contemporaneamente era arrivato anche Polinice, figlio di Edipo, che era stato cacciato dal suo regno dal fratello Eteocle; quando Adrasto li vide, memore della profezia, diede Argia in sposa a Polinice e Deipile a Tideo.

 

I sette che partirono per Tebe

 

Adrasto, figlio di Talao ed Eurinome, figlia di Ifito, di Argo. Polinice, figlio di Edipo e Giocasta, figlia di Meneceo, di Tebe. Tideo, figlio di Eneo e della prigioniera Peribea, di Calidone. Anfiarao, figlio di Ecle oppure, secondo altri, di Apollo e di Ipermestra, figlia di Testio, di Pilo; Capaneo, figlio di Ipponoo e di Astinome, figlia di Talao e sorella di Adrasto, di Argo. Ippomedonte, figlio di Mnesimaco e Metidice, figlia di Talao e sorella di Adrasto, di Argo. Partenopeo, figlio di Meleagro e di Atalanta, figlia di Iasio, del monte Partenio in Arcadia. Tutti questi principi morirono a Tebe tranne Adrasto, figlio di Talao, che si salvò grazie al suo cavallo; in seguito Adrasto mandò i figli dei morti, in armi, ad attaccare Tebe per vendicare l’oltraggio patito dai loro padri, rimasti insepolti per ordine di Creonte, fratello di Giocasta, che si era impadronito della città.

 

A

 

Adrasto, figlio di Talao, Capaneo, figlio di Ipponoo, Anfiarao, figlio di Ecle, Polinice, figlio di Edipo, Tideo, figlio diEneo, Partenopeo, figlio di Atalanta, ……

 

I sette epigoni, cioè figli

 

Egialeo, figlio di Adrasto e Demonassa, di Argo; solo lui perì, fra i sette che erano partiti. Poiché suo padre era sopravvissuto, diede la sua vita al posto di quella del padre. Gli altri sei tornarono vincitori: Tersandro, figlio di Polinice e di Argia, figlia di Adrasto, di Argo; Polidoro, fglio di Ippomedonte e di Evanippe, figlia dl Elato, di Argo; Alcmeone, figlio di Anfiarao ed Erifile, figlia di Talao, di Argo; Tlesimene, figlio di Partenopeo e della Ninfa Climene, Misio.

 

A

 

Egialeo, figlio di Adrasto, Polidoro, figlio di Ippomedonte, Stenelo, figlio di Capaneo, Alcmeone, figlio di Anfiarao, Tersandro, figlio di Polinice, Biante, figlio di Partenopeo, Diomede, figlio di Tideo.

 

Antigone

 

Creonte, figlio di Meneceo, proclamò un editto che vietava di dare sepoltura a Polinice e a quelli che erano giunti con lui, poiché erano venuti per attaccare la patria; ma sua sorella Antigone e sua moglie Argia sottrassero nottetempo e di nascosto il cadavere di Polinice e lo posero sulla stessa pira sulla quale era stato messo il corpo di Eteocle. Quando vennero sorprese dalle guardie, Argia riuscì a fuggire, ma Antigone venne condotta innanzi al re, che la consegnò a suo figlio Emone, con cui era fidanzata, perché la uccidesse. Emone disobbedì per amore agli ordini del padre e affidò Antigone ai pastori; poi, mentendo, disse di averla uccisa. Antigone in seguito partorì un figlio; quando questi raggiunse la pubertà, andò a Tebe per partecipare ai giochi e qui il re Creonte lo riconobbe, poiché tutti coloro che appartenevano alla stirpe del drago avevano un segno sul corpo. Ercole intercedette a favore di Emone e pregò Creonte che lo perdonasse, ma non ottenne nulla; Emone allora uccise sé stesso e la moglie Antigone. Creonte diede però in moglie a Ercole sua figlia Megara, da cui nacquero Terimaco e Ofite.

 

Anfiarao, Erifile e Alcmeone

 

Anfiarao, figlio di Ecle e di Ipermestra, figlia di Testio, era un indovino e sapeva che se fosse andato all’assedio di Tebe non ne sarebbe ritornato vivo, per cui si nascose, con la complicità di sua moglie Erifile, figlia di Talao. Ma Adrasto, che lo cercava, fece fare un monile d’oro e gemme e lo offrì in dono a sua sorella Erifile, che per la brama di ottenerlo, tradì il marito. Anfiarao allora ordinò a suo figlio Alcmeone di vendicarsi sulla madre dopo la sua morte. Dopo che Anfiarao fu inghiottito dalla terra a Tebe, Alcmeone, memore del comando del padre, uccise sua madre; in seguito fu perseguitato dalle Furie.

 

Ipsipile

 

I sette comandanti che andavano ad attaccare Tebe giunsero in Nemea, dove Ipsipile, figlia di Toante, ridotta in schiavitù, badava al piccolo Archemoro o Ofite, figlio del re Lico, cui era stato predetto di non mettere il bambino per terra finche non fosse in grado di camminare. Ordunque, i sette comandanti che andavano a Tebe giunsero da Ipsipile mentre cercavano acqua e le chiesero di indicare loro dove potessero trovarne. La donna, per paura di deporre il bambino per terra, lo piazzò su un cespuglio di apio molto alto che cresceva vicino alla sorgente; ma mentre dava acqua agli uomini, il drago custode della sorgente divorò il fanciullo. Adrasto e gli altri lo uccisero; poi intercedettero a favore di Ipsipile presso Lico e istituirono dei giochi funebri in onore del bambino. In questi giochi, che si svolgono ogni quattro anni, i vincitori ricevono corone di apio.

 

Tiresia

 

Si racconta che il pastore Tiresia, figlio di Evere, sul monte Cillene percosse col bastone oppure calpestò due serpenti che si congiungevano e per questo fu trasformato in donna. Poi, consigliato da un oracolo, calpestò altri due serpenti nello stesso luogo e riprese l’aspetto antico. In quel tempo Giove e Giunone stavano discutendo scherzosamente se durante l’amplesso il piacere più grande toccasse all’uomo o alla donna. Essi presero Tiresia come arbitro della disputa, dato che conosceva entrambe le situazioni; poiché egli aveva dato ragione a Giove, Giunone, adirata, lo toccò col dorso della mano e lo rese cieco. Ma Giove in cambio lo fece vivere per sette generazioni e ne fece l’indovino migliore tra tutti gli uomini.

 

I re di Tebe

 

Cadmo, figlio di Agenore; Anfione, figlio di Giove; Polidoro, figlio di Cadmo; Laio, figlio di Labdaco; Penteo, figlio di Echione; Creonte, figlio di Meneceo; Edipo, figlio di Laio; Polinice, figlio di Edipo; Lico, figlio di Nettuno; Eteocle, figlio di Edipo; Zeto, figlio di Giove; Labdaco, figlio di Polidoro.

 

Leda

 

Giove, che aveva assunto le sembianze di un cigno, si unì a Leda, figlia di Testio, presso il fiume Eurota; da esso ella generò Polluce ed Elena, mentre da Tindaro ebbe Castore e Clitennestra.

 

Tindaro

 

Tindaro, figlio di Ebalo, ebbe Elena e Clitennestra da Leda, figlia di Testio; diede poi Clitennestra in moglie ad Agamennone, figlio di Atreo. Molti pretendenti che provenivano da diverse città chiesero la mano di Elena, per la sua straordinaria bellezza; e Tindaro, che temeva che Agamennone ripudiasse Clitennestra e ne nascessero discordie, su consiglio di Ulisse li vincolò con un giuramento e diede a Elena la facoltà di incoronare con una ghirlanda il pretendente che voleva sposare. Elena incoronò Menelao; Tindaro gliela assegnò in sposa e quando morì gli lasciò il suo regno.

 

Elena

 

Teseo, figlio di Egeo e di Etra, figlia di Pitteo, insieme a Piritoo, figlio di Issione, rapirono Elena, la figlia vergine di Tindaro e Leda, dal tempio di Diana dove stava sacrificando e la portarono in un distretto dell’Attica. Quando Giove vide che erano stati tanto audaci da esporsi personalmente al pericolo, comparve loro in sogno e ordinò di andare entrambi da Plutone a chiedere la mano di Proserpina per Piritoo; ma dopo essere scesi agli Inferi attraverso la penisola del Tenaro e avere spiegato a Plutone per quale motivo si erano spinti fin lì, furono gettati a terra e torturati a lungo dalle Furie. Quando Ercole passò da quel luogo conducendo via il cane a tre teste, i due invocarono il suo aiuto; Ercole ottenne la grazia da Plutone e li portò via incolumi. I fratelli di Elena, Castore e Polluce, combatterono per lei; catturarono Etra, la madre di Teseo, e Fisadie, la sorella di Piritoo, e le diedero come schiave alla sorella.

 

Castore

 

Ida e Linceo, figli di Mareo di Messene, erano fidanzati con Febe e Ilaira, figlie di Leucippo; ma poiché si trattava di fanciulle bellissime – Febe era sacerdotessa di Minerva e Ilaira di Diana – Castore e Polluce se ne innamorarono e le rapirono. Ida e Linceo, avendo perso così le fidanzate, presero le armi per cercare di recuperarle. Castore uccise Linceo in combattimento; alla morte del fratello, Ida rinunciò alla lotta e alla fidanzata e cominciò a dargli sepoltura. Mentre stava collocando le spoglie del fratello sulla pira, Castore intervenne per impedirgli di innalzare il monumento funebre, dicendo che aveva vinto Linceo troppo facilmente, come se fosse stato una donna. A queste parole, Ida montò in collera e trafisse l’inguine di Castore con la spada di cui era cinto. Altri dicono che mentre stava innalzando la pira la fece crollare addosso a Castore, uccidendolo. Quando Polluce fu informato dell’accaduto, accorse e vinse Ida a singolar tenzone; poi recuperò il cadavere del fratello e lo seppellì. Ora, Polluce aveva ricevuto da Giove una stella che a Castore non era stata concessa, in quanto Giove diceva che quest’ultimo e Clitennestra erano nati dal seme di Tindaro, mentre Polluce ed Elena erano figli suoi; Polluce allora supplicò che gli venisse concesso di dividere il suo dono con il fratello, e lo ottenne: per questo si dice «redento da alterna morte». Da ciò viene un ‘usanza che anche i Romani mantengono: quando fanno partire un saltatore, questi ha due cavalli e un berretto in testa esalta dall’uno all’altro, alternandosi con il fratello.

 

I pretendenti di Elena

 

Antiloco, Ascalafo, Aiace Oileo, Anfimaco, Anceo, Blaniro, Agapenore, Aiace Telamonio, Clizio, Cianeo, Menelao, Patroclo, Diomede, Peneleo, Femio, Polipete, Elefenore, Eumelo, Stenelo, Tlepolemo, Protesilao, Podalirio, Euripilo, Idomeneo, Leonteo, Talpio, Polisseno, Protoo, Menesteo, Macaone, Toante, Ulisse, Fidippo, Merione, Mege, Filottete. Scrittori più antichi ne citano altri.

 

Tantalo

 

Tantalo, figlio di Giove e Pluto, generò Pelope da Dione. Giove era solito confidare i suoi piani a Tantalo e ammetterlo al banchetto degli Dèi, ma Tantalo andò a riferirli agli uomini. Per questo, dicono che negli Inferi se ne stia immerso nell’acqua per metà e abbia sempre sete, perché quando vuoi bere un sorso d’acqua, questa si ritrae. Allo stesso modo, sopra il suo capo pendono frutti, ma quando vuole coglierli i rami, mossi dal vento, si ritraggono. Inoltre sopra la sua testa è sospeso un masso enorme e Tantalo è sempre in preda al timore che gli cada addosso.

 

Pelope

 

Pelope, figlio di Tantalo e di Dione, figlia di Atlante, fu smembrato e servito da Tantalo a uno dei banchetti degli Dèi, e Cerere ne mangiò il braccio, ma poi, per volere degli Dèi, la vita gli fu resa. Quando le altre sue membra furono rimesse insieme, Cerere gli attaccò alla spalla un braccio d’avorio, al posto del suo braccio mortale.

 

Enomao

 

Enomao, figlio di Marte e Asterope, figlia di Atlante, prese in moglie Evarete, figlia di Acrisio, dalla quale ebbe Ippodamia, fanciulla di straordinaria bellezza; ma egli non voleva concederla in nozze a nessuno perché un oracolo lo aveva ammonito di guardarsi dalla morte per mano del genero. E poiché molti la chiedevano in sposa, stabilì il patto che l’avrebbe data a chi lo avesse sfidato in una gara col carro e fosse riuscito a superarlo (egli aveva infatti cavalli più veloci del vento), mentre chi veniva sconfitto doveva essere messo a morte. Molti avevano già perso la vita quando per ultimo si presentò Pelope, figlio di Tantalo, che, vedendo inchiodate sulla porta le teste dei pretendenti di Ippodamia, iniziò a pentirsi temendo la ferocia del re. Così corruppe Mirtilo, l’auriga di Enomao, promettendogli la metà del regno se lo avesse aiutato. Stabiliti i patti, Mirtilo preparò il carro senza inserire le biette ai mozzi delle ruote, e così, quando i cavalli presero il via, mandarono in pezzi il carro difettoso di Enomao. Pelope tornò in patria vincitore insieme a Ippodamia e Mirtilo, ma ebbe paura del disonore che lo attendeva: perciò precipitò Mirtilo nel mare che da lui prese nome Mirtoo. Ricondusse quindi Ippodamia nella propria patria, che si chiama Peloponneso, dove ebbe da lei i figli Ippalco, Atreo e Tieste.

 

Crisippo

 

Durante i giochi nemei, Laio, figlio di Labdaco, sedotto dalla sua bellezza, rapì Crisippo che era figlio illegittimo di Pelope, il quale lo riebbe indietro con la guerra. Crisippo fu poi ucciso da Atreo e Tieste aizzati dalla loro madre Ippodamia. Quando Pelope accusò Ippodamia, ella si suicidò.

 

I Pelopidi

 

Tieste, figlio di Pelope e Ippodamia, giacque con Erope, moglie di Atreo, e fu espulso dal regno da parte del fratello Atreo; poi inviò Plistene, figlio di Atreo, che egli aveva cresciuto come fosse suo, a uccidere Atreo: e costui, convinto che fosse figlio di suo fratello, senza saperlo uccise il proprio.

 

Egisto

 

A Tieste, figlio di Pelope e Ippodamia, un oracolo predisse che se avesse avuto un figlio dalla sua stessa figlia Pelopia costui lo avrebbe vendicato sul fratello. Saputo questo, si unì alla figlia e generò un bambino che Pelopia espose. Lo trovarono dei pastori che lo fecero allattare da una capra; egli fu chiamato Egisto, poiché in greco la capra è detta aix.

 

Atreo

 

Bramoso di vendicarsi delle offese subite da parte di suo fratello Tieste, Atreo, figlio di Pelope e Ippodamia, tornò in buoni rapporti con lui e lo riammise nel regno; successivamente però uccise i suoi figli piccoli, Tantalo e Plistene, e li imbandì a banchetto a Tieste. Mentre egli banchettava, Atreo comandò che fossero portate le teste e le braccia dei bambini e per questo delitto Sole invertì il suo corso. Quando Tieste seppe di questo crimine immondo, si rifugiò presso il re Tesproto, nella terra in cui si dice sia il lago Averno. Di lì giunse a Sicione, dove era stata data in custodia sua figlia Pelopia. Per caso arrivò di notte mentre si celebrava un sacrificio a Minerva, e per non contaminare il rito si nascose in un bosco. Pelopia, che stava conducendo un coro di fanciulle, cadde e s’imbrattò la veste col sangue di una pecora; si allontanò dunque verso il fiume per lavare il sangue e svestì la tunica macchiata. A capo coperto Tieste si precipitò fuori dal bosco: ma mentre veniva stuprata, Pelopia gli sfilò la spada dal fodero e, tornata al tempio, la nascose sotto il piedestallo della statua di Minerva. Il giorno seguente Tieste pregò il re di rimandarlo nella sua terra natale di Lidia. Nel frattempo, il delitto di Atreo aveva attirato su Micene la carestia e un oracolo profetizzò al re che doveva restituire il regno a Tieste. Allora Atreo si recò dal re Tesproto, convinto che lì si trovasse Tieste; vide Pelopia e credendola figlia di Tesproto la chiese in sposa al re. Per non destare sospetti, Tesproto gli concesse Pelopia, che portava già in grembo Egisto concepito da suo padre Tieste. Giunta in casa di Atreo, ella partorì Egisto e lo espose, ma alcuni pastori lo diedero a una capra perché lo allattasse, e Atreo lo fece cercare e allevare come figlio suo. Tempo dopo, Atreo mandò i figli Agamennone e Menelao alla ricerca di Tieste. Essi andarono a interrogare l’oracolo di Delfi e il caso volle che anche Tieste si trovasse là per chiedere al Dio in che modo avrebbe potuto vendicarsi del fratello; essi lo catturarono e lo trascinarono da Atreo che lo fece gettare in prigione. Egli poi convocò Egisto, persuaso che fosse suo figlio, e lo mandò a uccidere Tieste. Questi, quando vide Egisto e la spada che impugnava, riconobbe che era la stessa che aveva perduto durante lo stupro e gli domandò dove se la fosse procurata; lui rispose che gli era stata donata dalla madre Pelopia, che fece venire. Pelopia raccontò di averla tolta a uno sconosciuto durante la violenza che aveva subito di notte e che da quella violenza era nato Egisto; poi prese la spada, come per esaminarla, e si trafisse il petto. Egisto la sfilò ancora grondante sangue dal petto della madre e la portò ad Atreo il quale, convinto che la vittima fosse Tieste, se ne rallegrò; ma Egisto lo uccise sulla riva del mare, mentre stava celebrando un sacrificio, e recuperò il regno avito assieme al padre Tieste.

 

Laomedonte

 

Si dice che Nettuno e Apollo abbiano innalzato un muro tutto intorno a Troia. Il re di Troia Laomedonte fece voto di sacrificare ai due Dèi tutti i capi di bestiame che fossero nati quell’anno nel suo regno, ma poi, per avarizia, non mantenne fede alla promessa. Altri dicono che Laomedonte avesse promesso una ricompensa troppo bassa. Per questo Nettuno mandò un mostro marino a tormentare Troia. Il re fece allora consultare Apollo, il quale, adirato, rispose che per far cessare la pestilenza bisognava offrire al mostro delle fanciulle troiane incatenate. Già molte vergini erano state divorate, quando la sorte cadde su Esione, che venne a sua volta incatenata alle rocce; colà giunsero allora Ercole e Telamone, in viaggio per la Colchide insieme agli Argonauti, e uccisero il mostro. Poi restituirono Esione a suo padre, a patto di portarla con loro in patria, insieme ai cavalli che camminano sull’acqua e sulle spighe, quando fossero ripassati di lì. Anche questa volta Laomedonte venne meno all’impegno preso, rifiutando di consegnare Esione; perciò Ercole preparò una flotta e ritornò per attaccare Troia. Uccise Laomedonte e consegnò il regno al figlio di lui Podarce, ancora bambino, che in seguito venne chiamato Priamo, da priastzai, «per essere stato riscattato». Poi riprese Esione e la diede in sposa a Telamone; frutto di queste nozze fu Teucro. +

 

I cinquantaquattro figli e figlie di Priamo

 

Ettore, Deifobo, Cebrione, Polidoro, Eleno, Alessandro, Ipposido, Antinoo, Agatone, Dio, Mestore, Liside, Polimena, Ascanio, Chirodamante, Evagora, Driope, Astinomo, Polimeto, Laodice, Etionome, Fegea, Enicea, Demnosia, Cassandra, Filomela, Polite, Troilo, Palemone, Brissonio, Gorgitione, Protodamante, Areto, Dolone, Cromio, Ereso, Crisolao, Demostea, Doriclo, Ippaso, Ipiroco, Lisianassa, Iliona, Nereide, Evandro, Proneo, Archemaco, Ilago, Assione, Biante, Ippotroco, Deiopite, Medusa, Ero, Creusa.

 

Paride Alessandro

 

Priamo, figlio di Laomedonte, aveva già avuto molti figli da Ecuba, figlia di Cisseo o di Dimante, quando sua moglie, di nuovo incinta, sognò di partorire una fiaccola ardente da cui uscivano tanti serpenti Tutti gli indovini ai quali venne riferita questa visione ordinarono di uccidere il nascituro, chiunque mai fosse, perché non portasse la patria alla rovina. Quando Ecuba partorì Alessandro, il bambino fu dato ai servi perché lo uccidessero, ma questi per pietà lo esposero; alcuni pastori lo trovarono, lo allevarono come se fosse stato figlio loro e lo chiamarono Paride. Il ragazzo, giunto all’adolescenza, si era molto affezionato a un certo toro. Alcuni servi, che erano stati mandati da Priamo a prendere un toro da dare in premio nei giochi funebri in onore dello stesso Paride, cominciarono a condurre via il toro di Paride, il quale li inseguì, chiedendo dove lo portassero; quelli risposero che lo stavano portando a Priamo, per darlo al vincitore dei ludi funebri in onore di Alessandro. Allora Paride, per amore del suo toro, partecipò alle gare e le vinse tutte, battendo anche i suoi fratelli. Deifobo, in preda all’ira, sguainò la spada contro di lui, ma Paride saltò sull’altare di Giove Erceo. Cassandra dichiarò, ispirata, che quello era loro fratello, al che Priamo lo riconobbe e lo accolse nella reggia.

 

Il giudizio di Paride

 

Si dice che Giove, quando Tetide sposò Peleo, abbia invitato al banchetto tutti gli Dèi tranne Eris, cioè la Discordia; costei, quando poi giunse e non venne fatta entrare, gettò dalla porta una mela, dicendo che era destinata alla più bella. Giunone, Venere e Minerva subito la pretesero ognuna per se e cominciarono a contendere tra loro, per cui Giove ordinò a Mercurio di portarle sul monte Ida, da Paride Alessandro, e di far giudicare a lui. Giunone gli promise, se avesse deciso in suo favore, che avrebbe regnato sul mondo intero e sarebbe stato il più ricco di tutti; Minerva gli promise, se fosse uscita vittoriosa, di farlo diventare il più valoroso tra i mortali, oltre che abile in ogni arte; Venere, invece, promise di dargli in moglie Elena, figlia di Tindaro, la più bella fra tutte le donne. Paride preferì quest’ultimo dono ai precedenti e dichiarò che Venere era la più bella; per questo motivo Giunone e Minerva divennero nemiche dei Troiani. Alessandro, istigato da Venere, rapì Elena a Menelao, di cui era ospite: la portò da Sparta a Troia – assieme a Etra e Tisadie, prigioniere, ma un tempo regine, che le erano state assegnate come ancelle da Castore e Polluce – e la sposò.

 

Cassandra

 

Si narra che Cassandra, figlia di Priamo e di Ecuba, sia caduta addormentata, stanca di suonare, nel tempio di Apollo; ma quando il Dio volle ghermirla, la fanciulla gli negò il suo corpo. Per questo, Apollo fece sì che non venisse mai creduta, benché le sue profezie si avverassero.

 

Anchise

 

Si racconta che Venere s’innamorò di Anchise, figlio di Assaraco. Giacque con lui e procreò il figlio Enea; al padre raccomandò di serbare il segreto con gli uomini. Ma mentre si trovava con gli amici, ebbro, Anchise rivelò la cosa e per questo venne fulminato da Giove. Altri dicono che morì di morte naturale.

 

Ulisse

 

Quando gli Atridi Agamennone e Menelao stavano radunando i principi che si erano impegnati ad allearsi per attaccare Troia, giunsero all’isola di Itaca da Ulisse, figlio di Laerte, al quale era stato predetto che, se fosse andato a Troia, sarebbe ritornato a casa dopo vent’anni solo e povero, dopo aver perduto tutti i suoi compagni. Perciò, quando venne a sapere che stavano arrivando gli ambasciatori, si pose in capo un pileo, fingendo di essere pazzo, e aggiogò all’aratro un cavallo e un bue insieme. Palamede, non appena lo vide, capì che fingeva; prese allora il figlio di Ulisse, Telemaco, dalla culla e lo pose davanti all’aratro, dicendo: «Lascia questa commedia e unisciti agli alleati!» E così Ulisse promise che sarebbe venuto, ma da quel momento fu ostile a Palamede.

 

Achille

 

La Nereide Tetide, poichè aveva saputo che Achille, il figlio che aveva avuto da Peleo, sarebbe morto se fosse andato all’assedio di Troia, lo affidò a Licomede, re dell’isola di Sciro, che lo allevò insieme alle sue figlie vestito da donna e sotto falso nome; le fanciulle infatti lo chiamavano Pirra perche aveva capelli fulvi e in greco «rosso» si dice appunto così. Quando però gli Achei vennero a sapere che Achille si nascondeva a Sciro, inviarono dei messi per pregare re Licomede di mandarlo in aiuto ai Danai. Il re negò che Achille si trovasse presso di lui e anzi li invitò a cercarlo nella reggia; ma poiché non si riusciva a capire chi fosse Achille, Ulisse dispose nell’atrio degli oggetti da donna, tra i quali mise uno scudo e una lancia; poi, a un suo segnale, risuonò improvvisamente uno squillo di tromba e si udirono clangore d’armi e gridi di battaglia. Achille, pensando a un attacco nemico, subito si strappò le vesti femminili e afferrò lancia e scudo: così si fece riconoscere e promise agli Achei il proprio aiuto e i suoi uomini, i Mirmidoni.

 

Coloro che andarono ad attaccare Troia e il numero delle loro navi

 

Agamennone da Micene, figlio di Atreo e di Erope, con cento navi. Menelao, suo fratello, da Micene, con sessanta navi. Fenice di Argo, figlio di Arnintore, con cinquanta navi. Achille, figlio di Peleo e di Teti, dall’isola di Sciro, con sessanta navi. Automedonte, l’auriga di Achille, da Sciro, con dieci navi. Patroclo, figlio di Menezio e di Filomela, da Ftia, con dieci navi. Aiace, figlio di Telamone ed Eribea, da Salamina, con dodici navi; Teucro, suo fratellastro, figlio di Telamone ed Esione, figlia di Laomedonte, con dodici navi. Ulisse, figlio di Laerte e Anticlea, da, Itaca, con dodici navi. Diomede, figlio di Tideo e Deipile, figlia di Adrasto, da Argo, con trenta navi. Stenelo, figlio di Capaneo ed Evadne, da Argo, con trenta navi. Aiace, figlio di Oileo e della Ninfa Rene, da Locri, con venti navi. Nestore, figlio di Neleo e di Cloride, figlia di Anfione, da Pilo, con novanta navi; Trasimede, suo fratellastro, figlio di Euridice, da Pilo, con quindici navi; Antiloco, figlio di Nestore, da Pilo, con venti navi. Euripilo, figlio di Evemone e Opi, da Orcomeno, con quaranta navi. Macaone, figlio di Esculapio e Coronide, da Tricca, con venti navi; Podalirio, suo fratello, con nove navi. Tlepolemo, figlio di Ercole e di Astioche, da Micene, con nove navi. Idomeneo, figlio di Deucalione, da Creta, con quaranta navi. Merione, figlio di Molo e di Melfi, da Creta, con quaranta navi. Eumelo, figlio di Admeto e di Alcesti, figlia di Pelia, da Perrebia, con otto navi. Filottete, figlio di Peante e di Demonassa, da Melibea, con sette navi; Peneleo, figlio di Ippalco e di Asterope, dalla Beozia, con dodici navi. Leito, figlio di Lacrito e di Cleobule, dalla Beozia, con dodici navi; Clonio, suo fratello, dalla Beozia, con nove navi. Arcesilao, figlio di Areilico e di Teobula, dalla Beozia, con dieci navi; Protenore, suo fratello, da Tespi, con otto navi. Ialmeno, figlio di Lico e Pernide, da Argo, con trenta navi; Ascalafo, suo fratello, da Argo, con trenta navi. Schedio, figlio di lfito e di Ippolita, da Argo, con trenta navi; Epistrofo, suo fratello, dalla stessa città, con lo navi. Elefenore, figlio di Calcodonte e Imenarete, da Argo, con trenta navi. Menesteo, figlio di tPeteo, da Atene, con cinquanta navi. Agapenore, figlio di Anceo e di Ioti, dall’Arcadia, con sessanta navi. Anfimaco, figlio di Cteato, da Elea, con lo navi. Eurito, figlio di Pallante e Diomeda, da Argo, con quindici navi. Amarinceo, figlio di Onesimaco, da Micene, con diciannove navi. Polisseno, figlio di Agastene e di Peloride, dall’Etolia, con quaranta navi. Mege, figlio di Fileo e di Eustioche, da Dulichio, con sessanta navi. Toante, figlio di Andremone e Gorga, da Tito, con 15 navi …… Podarce, suo fratello, dalla stessa città, con dieci navi. Protoo, figlio di Tentredone, da Magnesia, con quaranta navi. Cicno, figlio di Ocito e di Aurofite, da Argo, con dodici navi. Nireo, figlio di Caropo e della Ninfa Aglaia, da Argo, con sedici na-vi. Antifo, figlio di Tessalo e di Calciope, da Nisiro, con venti navi. Polipete, figlio di Piritoo e di Ippodamia, da Argo, con venti navi. Leonteo, figlio di Corono, da Sicione, con diciannove navi. L’indovino Calcante, figlio di Testore, da Micene; l’architetto Foco, figlio di Danao; gli araldi Euribate e Taltibio; il giudice Diaforo; Neottolemo, figlio di Achille e Deidamia, dall’isola di Sciro, detto anche Pirro dal padre che era stato soprannominato Pirra. In tutto le navi erano duecentoquarantacinque.

 

Ifigenia

 

Agamennone, suo fratello Menelao e altri scelti principi della Grecia stavano andando a Troia a riprendere Elena, moglie di Menelao, che era stata rapita da Paride, ma una tempesta causata dall’ira di Diana li tratteneva in Aulide, poiché Agamennone aveva ferito, cacciando, una cerva della Dea e poi le si era rivolto con grande superbia. Agamennone aveva pertanto convocato gli indovini e Calcante aveva risposto che non gli rimaneva altra scelta, per espiare, che sacrificare la sua stessa figlia, Ifigenia. Udito questo responso, Agamennone dapprima rifiutò, ma poi Ulisse, con i suoi consigli, lo convinse a mettere in atto un piano astuto: lo stesso Ulisse, assieme a Diomede, fu mandato a prendere Ifigenia e quando i due giunsero dalla madre della fanciulla, Clitennestra, Ulisse le disse – mentendo – che Ifigenia era stata destinata in matrimonio ad Achille. Quando la fanciulla, condotta in Aulide, fu sul punto di essere immolata dal padre, Diana ne ebbe pietà, la avvolse in una nebbia e mise al suo posto una cerva; la Dea trasportò poi Ifigenia attraverso le nubi fino in Tauride, e colà ne fece una sacerdotessa del suo tempio.

 

Auge

 

Auge, figlia di Aleo, venne violata da Ercole. Quando la gravidanza fu prossima alla fine, si recò a partorire sul monte Partenio ed espose il neonato; nello stesso tempo Atalanta, figlia di Iasio, espose il figlio che le era nato da Meleagro. Ma una cerva nutrì il figlio di Ercole; alcuni pastori ritrovarono i bambini e li allevarono, e diedero al figlio di Ercole il nome di Telefo perché era stato nutrito da una cerva; ì al figlio di Atalanta quello di Partenopeo perché simulando di essere vergine lo aveva poi esposto sul monte Partenio. Poi Auge, per paura del padre, fuggì in Misia presso il re Teutra, che essendo senza prole la considerò come figlia sua.

 

Teutra

 

Ida, figlio di Mareo, volle togliere il regno di Misia al re Teutra; lì era giunto, insieme a Partenopeo, Telefo, figlio di Ercole, alla ricerca della madre seguendo il responso di un oracolo. Teutra gli promise il regno e la figlia Auge in sposa se lo avesse difeso dal nemico. Telefo non rifiutò l’offerta del re e insieme a Partenopeo vinse in una sola battaglia Ida. Mantenendo la promessa Teutra gli attribuì il regno e con esso le nozze di sua madre Auge che ignorava la cosa; ma poiché lei rifiutava di farsi toccare da un uomo mortale, senza sapere che era il proprio figlio macchinò di ucciderlo. E così, quando furono nel talamo nuziale, Auge afferrò una spada per uccidere Telefo: allora si dice che per volontà divina un serpente di enormi dimensioni s’insinuò tra loro. A questa vista Auge gettò la spada e confessò il suo proposito a Telefo; sa puto questo, Telefo volle uccidere quella che ignorava fosse sua madre. Ella invocò il nome di Ercole, che l’aveva violata, e da ciò Telefo riconobbe la madre e la ricondusse in patria.

 

Telefo

 

Si dice che Telefo, figlio di Ercole e Auge, fu colpito in battaglia da Achille con la lancia di Chirone. Egli di giorno in giorno era sempre più tormentato dal terribile dolore di questa ferita; chiese quindi un oracolo ad Apollo sul rimedio: e il responso fu che nessuno avrebbe potuto medicarlo se non la lancia che l’aveva ferito. Quando Telefo udì questo, si recò presso il re Agamennone e per consiglio di Clitennestra rapì dalla culla il piccolo Oreste minacciando di ucciderlo se gli Achei non lo avessero curato. Gli Achei allora, poiché sapevano da un oracolo che non avrebbero potuto prendere Troia senza la guida di Telefo, non esitarono a riconciliarsi con lui e chiesero ad Achille di risanarlo. Achille rispose di non conoscere l’arte medica; allora Ulisse replicò: «Apollo non parla di te, ma nomina la lancia come autrice della ferita!» Allora fu preparato un rimedio raschiando la ruggine della lancia. Gli Achei poi lo invitarono ad unirsi a loro nella conquista di Troia, ma egli declinò perché aveva sposato Laodice, figlia di Priamo; tuttavia, in cambio del beneficio della guarigione, egli indicò loro i luoghi e i sentieri della Troade e poi ripartì per la Misia.

 

Filottete

 

Quando Filottete, figlio di Peante e Demonassa, si trovava nell’isola di Lemno, un serpente lo morse a un piede: questo serpente gli era stato inviato contro da Giunone, adirata con lui perché solo tra tutti aveva osato costruire la pira funebre di Ercole, quando questi depose le sue spoglie umane e passò tra gli Immortali. Per questo favore Ercole gli aveva donato le sue frecce divine. Ma poiché gli Achei non riuscivano a sopportare il terribile lezzo che proveniva dalla ferita, per ordine di Agamennone egli fu abbandonato in Lemno con le frecce divine, e venne nutrito da un pastore del re Attore, che si chiamava Ifimaco, figlio di Dolopione. In seguito agli Achei venne predetto che Troia non poteva essere conquistata senza le frecce di Ercole; allora Agamennone mandò Ulisse e Diomede a sondare le intenzioni di Filottete: ed essi lo convinsero a rappacificarsi e a soccorrerli nell’espugnazione di Troia, e lo condussero via con loro.

 

Protesilao

 

Venne profetizzato agli Achei che il primo a mettere piede sulla spiaggia di Troia vi avrebbe perso la vita, sicché una volta gettata l’ancora tutti esitavano; allora Iolao, figlio di Ificlo e Diomeda, saltò a terra per primo e venne subito ucciso da Ettore: perciò lo chiamarono Protesilao, perché era stato il primo tra tutti a morire. Quando sua moglie Laodamia, figlia di Acasto, venne a sapere che il marito era morto, supplicò piangendo gli Dèi di concederle un colloquio di tre ore con lui. La preghiera di Laodamia fu esaudita: Protesilao le fu riportato da Mercurio e per tre ore ella s’intrattenne con lui, ma quando poi morì per la seconda volta, Laodamia non resse al dolore.

 

Laodamia

 

Una volta trascorse le tre ore che aveva chiesto agli Dèi, Laodamia, figlia di Acasto, non poté sopportare lo strazio e il dolore per la perdita del marito; fece dunque plasmare una statua di bronzo simile a Protesilao, la pose nella camera nuziale col pretesto dei riti sacri e prese a circondarla di cure. Un giorno un servo, portando di primo mattino dei frutti da offrire alla statua di Protesilao, sbirciò attraverso una fessura e vide che Laodamia teneva la statua tra le braccia e la baciava; pensando che s’intrattenesse con un amante andò a riferirlo al padre di lei, Acasto. Questi si precipitò immediatamente nella camera e vide l’effigie di Protesilao; allora, affinché la figlia cessasse di tormentarsi, ordinò d’innalzare una pira e di bruciarvi la statua, ma Laodamia, non reggendo al dolore, vi si gettò sopra anche lei e fu arsa viva.

 

Palamede

 

Ulisse, che era stato superato in astuzia da Palamede, figlio di Nauplio, ogni giorno macchinava il modo di ucciderlo. Alla fine escogitò di inviare uno dei suoi soldati da Agamennone per dirgli di avere sognato che in un certo giorno si doveva far uscire l’esercito dall’accampamento. Agamennone, considerando veritiero il sogno, comandò che in quel giorno l’esercito partisse; ma durante la notte Ulisse, da solo, interrò una grande quantità d’oro nel luogo dove sorgeva la tenda di Palamede. Poi, dopo avere scritto una lettera, la consegnò a un prigioniero frigio perché la portasse a Priamo ma inviò lo stesso soldato di prima a ucciderlo poco fuori l’accampamento. Il giorno dopo, quando l’esercito rientrò nell’accampamento, un soldato portò ad Agamennone la lettera che era stata scritta da Ulisse e che si trovava sul corpo del frigio, in cui era scritto: «A Palamede da Priamo» e gli prometteva, se avesse tradito l’esercito di Agamennone così come avevano convenuto, tanto oro quanto Ulisse ne aveva sotterrato. Palamede fu portato davanti ad Agamennone e negò la cosa; si andò a frugare nella sua tenda e l’oro venne trovato. Quando Agamennone lo vide, si convinse che l’accusa era vera, e per questo Palamede, ingannato dalle trame di Ulisse, fu ucciso innocente da tutto l’esercito.

 

Il riscatto di Ettore

 

Agamennone tolse ad Achille la bellissima Briseide, figlia del sacerdote Brise, che Achille aveva portato come prigioniera dalla Misia: questo avvenne all’epoca in cui dovette restituire la figlia Criseide a Crise, sacerdote di Apollo Sminteo. Irato per lei, Achille non scendeva più in battaglia e rimaneva sotto la sua tenda a suonare la cetra. Quando gli Argivi furono messi in fuga da Ettore, Achille, sollecitato da Patroclo, gli affidò le sue armi, con le quali egli mise in fuga i Troiani che pensavano di avere di fronte Achille. Patroclo uccise Sarpedonte, figlio di Giove ed Europa, ma poi fu lui stesso ucciso da Ettore che tolse le armi al morto. Achille si rappacificò con Agamennone che gli restituì Briseide; poi, poi che si era avviato senz’armi contro Ettore, la madre Tetide ottenne che Vulcano gli forgiasse una nuova armatura, che le Nereidi gli portarono attraverso il mare. Rivestito di queste armi, uccise Ettore e, dopo averlo legato al suo carro, lo trascinò attorno alle mura di Troia; poiché si rifiutava di concederlo al padre per la sepoltura, Priamo, per volontà di Giove e guidato da Mercurio, andò all’accampamento dei Danai e riscattò a peso d’oro il corpo del figlio, che seppellì.

 

Il giudizio delle armi

 

Dopo la sepoltura di Ettore, Achille si aggirava attorno alle mura di Troia dicendo che a lui solo si doveva la rovina della città; allora Apollo, adirato, assunte le sembianze di Paride, lo colpì al tallone, che si dice fosse la sua sola parte mortale, e lo uccise. Dopo la morte e i funerali di Achille, Aiace Telamonio chiese ai Danai di avere le armi di Achille, dal momento che era suo cugino. Ma, a causa dell’ira di Minerva, esse gli furono rifiutate da Agamennone e Menelao, che le diedero a Ulisse. Aiace, furibondo, in un accesso di follia uccise le sue greggi e si colpì a morte con la stessa spada che aveva ricevuto in dono da Ettore dopo che essi si erano affrontati a duello.

 

Il cavallo di Troia

 

Per dieci anni gli Achei non riuscirono a prendere Troia, sinché Epeo, per suggerimento di Minerva, costruì un cavallo di legno di mirabile grandezza, in cui si raccolsero Menelao, Ulisse, Diomede, Tessandro, Stenelo, Acamante, Toante, Macaone, Neottolemo. Sul cavallo scrissero: «I Danai offrono questo dono a Minerva» e poi trasferirono l’esercito a Tenedo. A questo spettacolo, i Troiani credettero che i nemici fossero partiti e Priamo ordinò che il cavallo fosse portato sulla rocca e che tutti si dedicassero alacremente all’impresa. Cassandra, la profetessa, andava gridando che lì dentro vi erano i nemici, ma non venne creduta. Dopo che i Troiani ebbero collocato il cavallo sulla rocca e si furono addormentati in preda al vino e alla fatica, gli Achei uscirono dal cavallo che era stato aperto da Sinone e uccisero le sentinelle delle porte; poi fecero segnali agli alleati e li accolsero, impadronendosi di Troia.

 

Iliona

 

Quando da Ecuba e Priamo nacque il figlio Polidoro, esso fu affidato, perché lo allevasse, alla loro figlia Iliona, che aveva sposato il re di Tracia polimestore. Ella lo crebbe come se fosse suo figlio e crebbe come suo fratello Deipilo che aveva procreato da Polimestore, perché se a uno fosse accaduto qualcosa ai genitori restasse almeno l’altro. Ma quando gli Achei, do-po avere preso Troia, vollero sradicare la razza di Priamo, scagliarono dalle mura Astianatte, figlio di Ettore e Andromaca, e inviarono ambasciatori da Polimestore promettendogli le nozze con la figlia di Agamennone, Elettra, e una grande quantità di oro se avesse ucciso Polidoro, figlio di Priamo. Polimestore non respinse le proposte degli ambasciatori ma finì senza saperlo per uccidere il proprio figlio Deipilo, credendo di uccidere Polidoro. Polidoro poi partì per interrogare l’oracolo di Apollo sui suoi genitori; il responso fu che la sua patria era stata data alle fiamme, il padre ucciso e la madre ridotta in schiavitù. Quando tornò indietro, convinto di essere figlio di Polimestore, e vide che le cose stavano diversamente, chiese alla sorella Iliona come mai il responso si allontanava così tanto dal vero. La sorella gli rivelò come stavano realmente le cose, e per suo consiglio Polidoro accecò Polimestore e poi lo uccise.

 

Polissena

 

Quando i Danai vittoriosi stavano per salpare da Troia e tornare ciascuno alla propria patria con una preda, si racconta che la voce di Achille dalla sua tomba richiese la sua parte di bottino. Perciò i Danai immolarono presso il suo sepolcro Polissena, figlia di Priamo; era una ragazza bellissima, a causa della quale Achille, che la corteggiava e si era recato a un colloquio con lei, fu ucciso da Alessandro e Deifobo.

 

Ecuba

 

Mentre Ulisse stava conducendo in schiavitù la moglie di Priamo, Ecuba, figlia di Cisseo (o di Dimante, come dicono altri scrittori), ella si precipitò nel mare Ellesponto e si racconta che divenne una cagna, da cui quel mare fu detto Cineo.

 

Coloro che combatterono in duello e i rispettivi avversari

 

Menelao con Alessandro; Venere salvò Alessandro. Diomede con Enea; Venere salvò Enea. Lo stesso Diomede con Glauco; smisero quando riconobbero che c’erano tra loro legami di ospitalità. Lo stesso Diomede con Pandaro, e con un altro Glauco; Paniaro e Glauco furono uccisi. Aiace con Ettore; si lasciarono scambiandosi doni – Aiace donò a Ettore la cintura con cui in seguito fu trascinato morto da Achille ed Ettore diede ad Aiace la spada con cui questi poi si uccise. Patroclo con Sarpedonte, che fu ucciso. Menelao con Euforbo; Euforbo venne ucciso, ma in seguito divenne Pitagora e ricordò che la sua anima era passata per diversi corpi. Achille con Asteropeo, che venne ucciso. Lo stesso Achille con Ettore, che dovette soccombere, e con Enea, che venne messo in fuga. Sempre Achille si batté con Agenore, che fu salvato da Apollo, e con l’amazzone Pentesilea, figlia di Marte e di Otrera, che venne uccisa. Antiloco con Memnone, che lo uccise; Memnone con Achille, che uccise lui. Filottete con Alessandro, che fu ucciso. Neottolemo con Euripilo; Euripilo fu ucciso.

 

Coloro che uccisero personaggi illustri

 

Apollo, assunto l’aspetto di Alessandro, uccise Achille; Ettore uccise Protesilao e Antiloco. Agenore uccise Elefenore e Clonio. Deifobo uccise Ascalafo e Autonoo. Aiace uccise Ippodamo e Cromio; Agamennone uccise Ifidamante e Glauco. Aiace di Locri uccise Gargaso e anche Gavio. Diomede uccise Dolone e Reso; Euripilo, Nireo e Macaone. Sarpedonte uccise Tlepolemo e Antifo; Achille uccise Troilo, Menelao uccise Deifobo. Achille uccise Astinomo e Pilemene, Neottolemo infine uccise Priamo.

 

Numero dei nemici uccisi dagli Achei e nome degli uccisori

 

Achille ne uccise settantadue; Antiloco due; Protesilao quattro; Peneleo due; Euripilo uno; Aiace Oileo quatordici; Toante due; Leito venti; Trasimede due; Agamennone sedici; Diomede diciotto; Menelao otto; Filottete tre; Merione sette; Ulisse dodici; Idomeneo tredici; Leonteo cinque; Aiace Telamonio ventotto; Patroclo cinquantaquattro; Polipete uno; Teucro trenta; Neottolemo sei. In totale trecentosessantadue.

 

Numero dei nemici uccisi dai Troiani e nome degli uccisori

 

Ettore ne uccise trentuno; Alessandro tre; Sarpedonte due; Pantoo quattro; Gargaso due; Glauco quattro; Polidamante tre; Enea ventotto; Deifobo quattro; Clito tre; Acamante uno; Agenore due. In totale ottantotto.

 

Nauplio

 

Quando i Danai stavano ritornando in patria, dopo la presa di Troia e la divisione del bottino, fecero naufragio sulle scogliere di Cafareo a causa di una tempesta e dei venti avversi mandati dagli Dèi, adirati perché avevano saccheggiato i templi e perché Aiace di Locri aveva strappato Cassandra dalla statua di Pallade. Durante quella tempesta Aiace di Locri fu colpito da un fulmine scagliato da Minerva e venne sbattuto dai flutti contro le rocce, che da allora sono dette rocce di Aiace. Di notte, Nauplio udì gli altri che imptoravano l’aiuto degli Dèi e capì che era giunto il momento di vendicare le offese patite da suo figlio Palamede; e così, come se stesse cercando di aiutarli, portò una fiaccola accesa proprio nel punto più pericoloso, dove gli scogli erano più aguzzi. Quelli, credendo che lo facesse per generosità, diressero le navi verso quel punto; di conseguenza molte navi furono distrutte, moltissimi soldati morirono nella tempesta insieme ai loro comandanti e le loro membra e le loro viscere furono dilaniate dalle rocce. Coloro che riuscirono a nuotare fino a terra vennero uccisi da Nauplio. Ma il vento spinse Ulisse presso Marone e portò Menelao in Egitto, mentre Agamennone arrivò in patria con Cassandra.

 

Clitennestra

 

Clitennestra, figlia di Tindaro e moglie di Agamennone, aveva saputo da Eace, fratello di Palamede, che il marito stava portandole in casa Cassandra come concubina; Eace aveva mentito per vendicare la violenza subita dal fratello. Allora Clitennestra decise insieme a Egisto, figlio di Tieste, di uccidere Agamennone e Cassandra; e così uccisero con una scure Agamennone, mentre stava sacrificando, e anche Cassandra. Ma Elettra, figlia di Agamennone, salvò il fratello Oreste ancora bambino e lo mandò nella Focide presso Strofio, che aveva sposato la sorella di Agamennone, Astiochea.

 

Proteo

 

Dicono che Proteo, il vecchio indovino del mare che era solito assumere tutte le forme, vivesse in Egitto. Su consiglio di sua figlia Idotea, Menelao lo legò con una catena, perché gli dicesse quando sarebbe tornato a casa. Proteo gli spiegò che gli Dèi erano in collera perché Troia era stata espugnata e che perciò bisognava compiere quello che i Greci chiamano ecatombe, cioè il sacrificio di cento animali; e così Menelao offrì agli Dèi un’ecatombe e finalmente, sette anni dopo la sua partenza da Troia, ritornò in patria con Elena.

 

Oreste

 

Quando Oreste, figlio di Agamennone e di Clitennestra, giunse alla giovinezza, non aveva altro in mente che vendicare la morte del padre; fece perciò un piano insieme a Pilade, si recò a Micene dalla madre Clitennestra, le disse che era uno straniero giunto dall’Eolia e le annunciò la morte di Oreste, che Egisto voleva far uccidere dal popolo. Non molto tempo dopo Pilade, figlio di Strofio, si presentò a Clitennestra portando con se un’urna e disse che questa conteneva le ossa di Oreste; al che Egisto, tutto contento, accolse amichevolmente entrambi. Cogliendo l’occasione, Oreste uccise nottetempo, con l’aiuto di Pilade, la madre Clitennestra ed Egisto. Quando Tindaro lo trascinò in giudizio, gli abitanti di Micene concessero a Oreste di andare in esilio, a causa di suo padre; in seguito fu perseguitato dalle Furie della madre.

 

Ifigenia in Tauride

 

Oreste, perseguitato dalle Furie, partì per Delfi per chiedere all’oracolo come porre fine ai suoi tormenti; il Dio gli rispose che doveva andare nella terra dei Tauri dal re Toante, padre di Ipsipile, e portare ad Argo la statua di Diana che si trovava colà nel tempio; in questo modo le sue disgrazie avrebbero avuto fine. Udito questo responso Oreste salì su una nave insieme a Pilade, figlio di Strofio e amico suo, e i due arrivarono velocemente alle terre dei Tauri, che avevano l’abitudine di sacrificare a Diana qualsiasi straniero entrasse nei loro confini. Mentre Oreste e Pilade se ne stavano nascosti in una grotta aspettando il momento opportuno, furono catturati da un gruppo di pastori, che li portarono al cospetto del re Toante. Il re, com’era suo costume, li fece condurre legati nel tempio di Diana, dove era sacerdotessa Ifigenia, sorella di Oreste, perché fossero sacrificati. Ma quando Ifigenia, da indizi e domande, capì chi fossero, depose gli oggetti sacri e cominciò lei stessa a smuovere la statua di Diana. A questo punto intervenne il re e le chiese che cosa stesse facendo; Ifigenia allora disse, mentendo, che quegli empi avevano contaminato la statua. Poiché nel tempio erano stati introdotti degli uomini impuri e scellerati, bisognava portare la statua al mare per purificarla e nel frattempo il re avrebbe dovuto proibire ai cittadini di uscire dalle mura della città. Il re prestò fede alle parole della sacerdotessa; allora Ifigenia, approfittando dell’occasione, prese la statua e si imbarcò con Oreste e Pilade; il vento favorevole li portò all’isola di Samo.

 

Crise

 

Nel tempo in cui Agamennone mosse contro Troia, Achille giunse in Misia e rapì Criseide, figlia del sacerdote di Apollo, che poi consegnò ad Agamennone come concubina. Crise andò da Agamennone per pregarlo di rendergli la figlia, ma non la ottenne; perciò Apollo gli distrusse quasi tutto l’esercito in parte di fame, in parte di peste. Allora Agamennone rimandò al padre Criseide gravida; ella, che pure aveva detto a Crise di non essere stata toccata, a tempo debito partorì Crise il Giovane e disse di averlo concepito da Apollo. Successivamente, costui promise a Toante di consegnargli Oreste e lfigenia: ma Crise il Vecchio, quando venne a saperlo, svelò al nipote che essi erano suoi fratelli e che anche lui era figlio di Agamennone. Saputa la notizia, Crise assieme al fratello Oreste uccise Toante e quindi essi poterono tornare incolumi a Micene con la statua di Diana.

 

Alete

 

Elettra, figlia di Agamennone e Clitennestra e sorella di Oreste, ricevette la falsa notizia che il fratello insieme a Pilade era stato immolato a Diana da parte dei Tauri. Quando Alete, figlio di Egisto, venne a sapere che ormai nessuno sopravviveva della famiglia degli Atridi, s’impadronì del regno di Micene. Elettra allora si recò a Delfi per informarsi sulla sorte del fratello; arrivata lì, fu raggiunta nello stesso giorno da Ifigenia e Oreste. Lo stesso messaggero che aveva riferito della morte di Oreste disse che era stata Ifigenia a sacrificarlo: a questa notizia, Elettra, ignara della verità, afferrò un tizzone ardente dall’altare e si precipitò su Ifigenia per bruciarle gli occhi, ma Oreste la fermò. Così si riconobbero; tornarono a Micene dove Oreste uccise Alete, figlio di Egisto, e stava già per uccidere Erigone, figlia di Clitennestra ed Egisto, quando Diana la rapì per farne la sua sacerdotessa in terra Attica. Oreste poi, dopo avere ucciso Neottolemo, sposò Ermione, figlia di Menelao ed Elena, che gli era stata sottratta. Pilade invece sposò Elettra, figlia di Agamennone e Clitennestra.

 

Neottolemo

 

Neottolemo, figlio di Achille e Deidamia, procreò Anfialo da Andromaca, figlia di Eezione, che era sua schiava. Quando però seppe che la sua promessa sposa Ermione era stata data a Oreste, giunse a Sparta e la pretese da Menelao. Egli non osò venire meno all’impegno: tolse Ermione a Oreste e la diede a Neottolemo. Per questa offesa Oreste uccise Neottolemo a Delfi, mentre stava sacrificando, e recuperò Ermione; le ossa dell’eroe furono disperse sui confini di Ambracia, che si trova in Epiro.

 

I re degli Achei

 

 Foroneo, figlio di Inaco; Argo, figlio di Giove; Peranto, figlio di Argo; Triopa, figlio di Peranto; Pelasgo, figlio di Agenore; Danao, figlio di Belo; Tantalo, figlio di Giove; Pelope, figlio di Tantalo; Atreo, figlio di Pelope; Temeno, figlio di Aristomaco; Tieste, figlio di Pelope; Agamennone, figlio di Atreo; Egisto, figlio di Tieste; Oreste, figlio di Agamennone; Clito, figlio di Temeno; Alete, figlio di Egisto; Tisameno, figlio di Oreste; Alessandro, figlio di Euristeo.

 

Odissea

 

Ulisse, mentre stava ritornando da Troia a Itaca, la sua patria, fu spinto da una tempesta presso i Ciconi, conquistò la loro città, Ismaro, e distribuì il bottino fra i compagni. Da là arrivò presso i Lotofagi, uomini di buonissima indole, che usavano mangiare il fiore che cresce dalle foglie del loto; questo genere di cibo era talmente dolce che chi lo gustava si dimenticava di dover tornare a casa. I due uomini che Ulisse aveva mandato da loro, dopo aver assaggiato le piante offerte dai Lotofagi, si dimenticarono che dovevano far ritorno alle navi e Ulisse dovette riportarli indietro legati. Quindi giunsero presso il ciclope Polifemo, figlio di Nettuno, al quale era stato predetto dall’indovino Telemo, figlio di Eurimo, di guardarsi da Ulisse, che l’avrebbe accecato. Polifemo aveva un solo occhio in mezzo alla fronte e si cibava di carne umana; dopo aver ricondotto il suo gregge nella caverna, ne bloccava l’entrata con un macigno enorme. Chiuse nella spelonca anche Ulisse e i suoi compagni e cominciò a mangiarseli. Ulisse, vedendo che non poteva competere con la sua ferocia e con le sue dimensioni gigantesche, lo fece ubriacare con il vino che gli aveva donato Marone egli disse di chiamarsi Nessuno. Sicché, quando poi gli bruciò l’occhio con un tronco ardente e Polifemo fece accorrere gli altri Ciclopi con le sue urla gridando, dalla caverna sbarrata: «Nessuno mi acceca!» quelli pensarono che li stesse prendendo in giro e non gli diedero retta. Ulisse allora legò i suoi compagni alle pecore e se stesso al montone e così riuscirono a scappare61g per andare da Eolo, figlio di Elleno, al quale Giove aveva conferito il dominio sui venti. Eolo diede spontaneamente ospitalità a Ulisse e gli donò alcuni otri pieni dei venti, ma i suoi compagni li presero, credendo che fossero pieni d’oro e d’argento, e li aprirono di nascosto, con l’intenzione di spartirsi il contenuto; e i venti volarono via. Ulisse venne risospinto da Eolo, che questa volta lo cacciò, perché la potenza divina evidentemente gli era ostile; approdò allora presso i Lestrigoni, su cui regnava Antifate …… li divorò e distrusse undici delle sue navi tranne una, con la quale Ulisse fuggì dopo aver perso i suoi compagni. Arrivò all’isola Enaria da Circe, figlia di Sole, che con un filtro trasformava gli uomini in bestie selvatiche. Ulisse mandò da lei Euriloco con ventidue uomini, ai quali Circe tolse l’aspetto umano; tuttavia Euriloco, che per paura non era entrato, riuscì a fuggire e informò Ulisse, che si recò da solo dalla maga. Lungo la strada, però, Mercurio gli diede un antidoto e gli mostrò come ingannare Circe; quando giunse presso la maga, accettò la coppa che quella gli porgeva, ma vi versò l’antidoto, seguendo il consiglio di Mercurio; poi sguainò la spada e minacciò di ucciderla, se non gli avesse restituito i suoi compagni. Circe allora comprese che tutto ciò non sarebbe potuto accadere senza il volere degli Dèi; e quindi, dopo aver promesso che non avrebbe più fatto nulla del genere, restituì ai compagni di Ulisse il loro aspetto originario. La stessa Circe, poi, giacque con lui e gli partorì due figli, Nausitoo e Telegono. Di là Ulisse partì per il lago Averno, discese agli Inferi evi trovò il suo compagno Elpenore, che aveva lasciato da Circe; gli chiese allora come fosse giunto laggiù. Elpenore gli rispose che, ubriaco, era caduto da una scala e si era rotto la testa e pregò Ulisse, quando fosse tornato tra i vivi, di dargli sepoltura e di piantare un timone sulla sua tomba. Mentre era laggiù, Ulisse parlò anche con sua madre Anticlea a proposito della fine delle sue peregrinazioni; in seguito, una volta tornato tra i mortali, seppellì Elpenore e piantò sulla sua tomba un timone, come egli aveva chiesto. Poi arrivò presso le Sirene, figlie della illusa Melpomene e di Acheloo, che erano donne nella parte superiore del corpo e uccelli in quella inferiore; il loro Destino era di vivere finché qualche mortale, udendole cantare, fosse riuscito a proseguire il suo cammino. Ulisse, per consiglio di Circe, figlia di Sole, turò le orecchie ai compagni con tappi di cera, ordinò che lo legassero all’albero maestro e così passò indenne. In seguito giunse da Scilla, figlia di Tifone, che era donna nella parte superiore del corpo e pesce dall’inguine in giù e aveva sei cani, nati da lei; questo mostro strappò dalla nave sei dei compagni di Ulisse e li divorò. Nell’isola di Sicilia Ulisse aveva trovato i sacri buoi di Sole, la cui carne prese a muggire, quando i suoi compagni vollero cucinarla in una pentola di bronzo; Ulisse era stato avvertito sia da Tiresia che da Circe di non toccare quelle bestie; e per questo motivo colà perse molti uomini. Giunto presso Cariddi, che tre volte al giorno inghiottiva acqua e tre volte la eruttava, riuscì a passare grazie ai consigli di Tiresia. Ma per placare l’ira di Sole, il cui bestiame era stato profanato (quando Ulisse era giunto nella sua isola, aveva proibito di attaccare i buoi, seguendo gli ammonimenti di Tiresia, ma i suoi compagni li portarono via mentre dormiva; mentre però ne cocevano le carni, queste, nella pentola, emettevano muggiti) , Giove colpì con uno dei suoi fulmini la nave, che si incendiò. Vagando per quei luoghi dopo il naufragio, Ulisse – che aveva ormai perso, così, tutti i suoi compagni – arrivò a nuoto all’isola di Eea, dove viveva la Ninfa Calipso, figlia di Atlante. Costei si innamorò del bel sembiante di Ulisse e lo trattenne con sé per un anno intero, e non voleva lasciarlo partire; finché Mercurio, per ordine di Giove, non le ingiunse di lasciarlo andare. E finalmente, quando Ulisse ebbe costruito una zattera, gli consentì la partenza, dopo averlo rifornito con ogni genere di provviste; ma Nettuno distrusse la zattera tra i flutti, poiché Ulisse aveva accecato suo figlio, il Ciclope. Mentre le onde stavano sballottando Ulisse di qua e di là, Leucotoe – noi la chiamiamo Madre Matuta -, che vive nel mare, gli diede la sua cintura perché se la legasse intorno al petto, affinché non fosse sommerso. In questo modo Ulisse riuscì a nuotare e arrivò all’isola dei Feaci; e poiché era nudo, si nascose tra le foglie di un albero. In quel mentre arrivò Nausicaa, figlia del re Alcinoo, per lavare delle vesti nell’acqua del torrente. Ulisse uscì dal fogliame e le chiese aiuto; la fanciulla, presa da pietà, gli diede un mantello perché si coprisse e lo condusse dal padre suo. Alcinoo lo accolse generosamente, lo ricoprì di doni e lo rimandò alla sua terra, Itaca, ma per la collera di Mercurio Ulisse fece nuovamente naufragio. Allo scoccare del ventesimo anno, dopo aver perso tutti i suoi compagni, Ulisse ritornò in patria da solo. Quando arrivò a casa sua, senza che nessuno lo riconoscesse, trovò la reggia invasa dai Proci che volevano sposare Penelope e si finse straniero; ma la sua nutrice Euriclea, mentre gli lavava i piedi, lo riconobbe da una cicatrice. In seguito, con l’aiuto di Minerva, Ulisse, con suo figlio Telemaco e due servi, uccise i Proci a colpi di freccia. Deioneo generò Cefalo, Cefalo generò Arcesio, Arcesio generò Laerte e Laerte Ulisse; Ulisse generò Telegono da Circe e Telemaco da Penelope; Telegono ebbe da Penelope, moglie di Ulisse, Italo, dal cui nome viene il nome Italia; e da Telemaco nacque Latino, che diede il suo nome alla gente latina.

 

Il riconoscimento di Ulisse

 

Ulisse era stato congedato dal re Alcinoo, padre di Nausicaa, carico di doni, ma poi aveva fatto naufragio ed era arrivato nudo a Itaca, in una delle sue case, dove abitava un subotes – cioè un guardiano di porci – di nome Eumeo; il cane riconobbe Ulisse e gli fece festa, mentre Eumeo non lo riconobbe, poiché Minerva ne aveva mutato l’aspetto e i modi. Eumeo gli chiese da dove venisse e Ulisse rispose che era arrivato fin lì in seguito a un naufragio; il pastore gli domandò allora se avesse visto Ulisse ed egli rispose che era uno dei suoi compagni, adducendo segni e prove. Subito Eumeo lo fece entrare in casa e lo rianimò con cibo e bevande. Giunsero frattanto i servi che erano stati mandati come al solito a prendere gli animali; Ulisse chiese a Eumeo chi fossero e quello rispose: «Quando era ormai trascorso del tempo dalla partenza di Ulisse, arrivarono dei pretendenti a chiedere Penelope in moglie! Penelope, per rimandare, ha posto una condizione: “Mi sposerò quando avrò finito di tessere questa tela”; e nottetempo disfaceva ciò che aveva tessuto durante il giorno, e così continuava a rimandare! Ma ora quelli fornicano con le serve di Ulisse e si mangiano tutto il suo bestiame!» Minerva allora rese a Ulisse il suo aspetto; il pastore, appena vide che aveva davanti Ulisse, cominciò a piangere di gioia, abbracciandolo e tenendolo stretto, e intanto si chiedeva che cosa lo avesse trasformato. Ulisse gli disse: «Domani conducimi alla reggia, da Penelope!» Mentre Eumeo lo conduceva verso la reggia, Minerva lo tra- sformò nuovamente in un mendicante. Eumeo lo portò dai Proci, che stavano gozzovigliando con le ancelle, e annunciò: «Eccovi qui un altro mendicante che vi divertirà insieme a Iro!» Allora Melanzio, uno dei Proci, disse: «Sì, che lottino fra loro; il vincitore riceverà uno stomaco farcito e una canna, per scacciare il vinto!» E così i due lottarono e Ulisse batté Iro e lo cacciò via; poi Eumeo lo condusse, sempre travestito da mendicante, dalla sua nutrice, Euriclea, e le disse che quello era un compagno di Ulisse; ma quando gli volle …… Ulisse le mise una mano sulla bocca e ordinò a lei e a Penelope di dare ai Proci il suo arco e le sue frecce, annunciando che avrebbe sposato colui che sarebbe stato capace di tenderlo. Quando Penelope così fece …… gareggiarono tra loro, ma nessuno riuscì a tendere l’arco; Eumeo disse allora, con scherno: «Diamolo ……»; non lo permise Melanzio, che era …… Eumeo diede l’arco al vecchio, che trafisse tutti i Proci tranne il servo Melanzio; questi fu catturato all’insaputa dei Proci e tutte le sua membra, naso, braccia, e il resto vennero fatte a pezzi. Fu così che Ulisse riprese possesso della sua casa e di sua moglie, ma prima ordinò alle ancelle di gettare i corpi dei Proci in mare e poi, su richiesta di Penelope, punì anche loro, dopo la strage dei pretendenti.

 

Telegono

 

Circe mandò Telegono, il figlio che aveva avuto da Ulisse, alla ricerca del padre. Il giovane venne sbattuto da una tempesta sull’isola di Itaca; là, spinto dalla fame, si diede a saccheggiare i campi, per cui Ulisse e Telemaco, senza sapere chi fosse, lo affrontarono con le armi in pugno. Così Ulisse fu ucciso dal figlio Telegono, conformemente al responso di un oracolo, l quale gli aveva predetto che avrebbe dovuto temere la morte per mano di suo figlio. Questi, venuto a conoscenza della propria identità, per ordine di Minerva ritornò con Penelope e Telemaco nell’isola di Eea, dov’ era nato, per riportare a Circe il corpo di Ulisse e dargli colà sepoltura. Poi, sempre per comando di Minerva, Telegono sposò Penelope e Telemaco Circe; da Circe e Telemaco nacque Latino, dal quale prese nome la gente latina, mentre da Penelope e Telegono nacque Italo, che diede il suo nome all’Italia.

 

Indovini

 

Ampico, figlio di Elato; Mopso, figlio di Arnpico; Anfiarao, figlio di Ecle o di Apollo; Tiresia, figlio di Evere; Manto, figlia di Tiresia; Poliido, figlio di Cerano; Eleno, figlio di Priamo; Cassandra, figlia di Priamo; Calcante, figlio di Testore; Teoclimeno, figlio di Proteo; Telemo, figlio di Eurimo; la sibilla Samia, che altri chiamano Cumana.

 

Eneo

 

Libero fu un giorno ospitato da Eneo, figlio di Partaone, e si innamorò della moglie di Eneo, Altea, figlia di Testio. Quando Eneo se ne accorse, uscì volontariamente dalla città con il pretesto di recarsi a compiere sacrifici. E Libero giacque con Altea, con la quale generò Deianira; a Eneo poi, in cambio della sua generosa ospitalità, donò la vite e gli insegnò il modo di piantarla, e stabilì che il suo prodotto, dal nome dell’ospite, si chiamasse oinos.

 

Icario ed Erigione

 

Quando il padre Libero andò a trovare gli uomini per mostrare la dolcezza e la piacevolezza dei suoi frutti, giunse presso Icario ed Erigone, che gli diedero ospitalità generosamente; il Dio allora li ricompensò con un otre pieno di vino e ingiunse loro di diffonderne l’uso anche nelle altre regioni. Icario stipò un carretto e arrivò, insieme alla figlia Erigone e al cane Mera, nell’Attica, dove fece provare ai pastori quanto fosse dolce quella bevanda. Quelli però ne bevvero smodatamente e caddero a terra ubriachi; poi, credendo che Icario avesse dato loro un veleno, lo uccisero a colpi di bastone. Il cane Mera, ululando presso il padrone ucciso, guidò Erigone fino al luogo dove giaceva insepolto il padre; giunta colà, la fanciulla si impiccò a un albero sopra il suo cadavere. Per questo fatto Libero si adirò e inflisse alle figlie degli Ateniesi una pena analoga. Gli Ateniesi chiesero allora all’oracolo di Apollo ragione di ciò; il responso fu che avevano lasciato impunite le morti di Icario ed Erigone. Dopo aver ricevuto questa risposta, gli Ateniesi fecero scontare ai pastori il loro delitto e istituirono contro il diffondersi del contagio una «festa dell’altalena» in onore di Erigone; decretarono inoltre che durante la vendemmia le prime libagioni venissero dedicate a Icario ed Erigone. Padre e figlia, per volere divino, furono assunti tra le stelle; Erigone è il segno della Vergine, che noi chiamiamo Giustizia, Icario tra le stelle è chiamato Arturo e il cane Mera è la Canicola.

 

Niso

 

Quando Libero guidò il suo esercito in India, affidò al suo pedagogo Niso la reggenza del regno di Tebe sino al ritorno. Ma dopo che Libero fu tornato, Niso rifiutò di restituirgli il trono; Libero rinunciò a contendere con l’uomo che lo aveva allevato e gli permise di tenere il regno sinché non fosse giunta l’occasione di recuperarlo. Così, tre anni dopo, si riconciliò con lui e simulò di voler celebrare in quella città le feste dette trieteridi perché si tenevano ogni terzo anno; allora il Dio fece entrare, invece delle Baccanti, dei soldati travestiti da donna, catturò Niso e tornò in possesso del regno.

 

Licurgo

 

Licurgo, figlio di Driante, cacciò Libero dal suo regno; negando che Libero fosse un Dio, bevve del vino e in preda all’ebbrezza cercò di usare violenza a sua madre. Poi tentò di tagliare le viti, dicendo che il vino era una cattiva medicina, poiché alterava le menti. Reso folle da Libero, uccise la moglie e il figlio; poi lo stesso Libero gettò Licurgo in pasto alle pantere sul Rodope, un monte della Tracia su cui regnava sovrano. Dicono anche che Licurgo si sia tagliato un piede, pensando che fosse una vite.

 

Amon

 

Mentre Libero in India stava cercando dell’acqua e non riusciva a trovarla, si racconta che improvvisamente un montone sbucò fuori dalla sabbia e che grazie alla sua guida Libero scoprì l’acqua. Allora egli pregò Giove di trasferirlo tra le stelle, e ancora oggi esso è chiamato ariete equinoziale. Nel luogo, poi, in cui aveva trovato l’acqua innalzò il tempio detto di Giove Amon.

 

I Tirreni

 

I Tirreni, che poi furono detti Etruschi, praticavano la pirateria. Il padre Libero, giovinetto, s’imbarcò sulla loro nave e li pregò di condurlo a Nasso. Essi lo accolsero, ma attirati dalla sua bellezza avevano intenzione di violentarlo tutti insieme; il timoniere Acete cercò di fermarli e per questo dovette subire le loro offese. Quando Libero li vide fermi nel loro proposito, trasformò i remi in tirsi, le vele in pampini, le gomene in edera; poi sbucarono fuori leoni e pantere. A questo spettacolo i pirati si gettarono in mare terrorizzati e il Dio lì nel mare li trasfigurò con un altro prodigio: infatti a mano a mano che si tuffavano assumevano la forma di delfini, e perciò i delfini furono chiamati Tirreni e quel mare anch’esso fu detto Tirreno. I pirati erano dodici, e si chiamavano così: Etalide, Medonte, Licabante, Libide, Ofelte, Mela, Alcimedonte, Epopeo, Ditti, Simone, Acete; quest’ultimo era il timoniere, a cui Libero per misericordia salvò la vita.

 

Laocoonte

 

Laocoonte, figlio di Capi e fratello di Anchise, essendo sacerdote di Apollo prese moglie e generò figli contro il volere del Dio. Egli fu poi sorteggiato a compiere un sacrificio in onore di Nettuno sulla spiaggia; Apollo colse l’occasione per inviare da Tenedo attraverso il mare due dragoni che uccisero i suoi figli Antifante e Timbreo, e poiché Laocoonte voleva accorrere in loro aiuto strozzarono anche lui. I Frigi allora pensarono che questo avveniva perché Laocoonte aveva scagliato la sua lancia contro il cavallo di Troia.

 

Poliido

 

Glauco, figlio di Minosse e Pasifae, cadde in una giara piena di miele mentre stava giocando a palla. I genitori si mettono alla sua ricerca e interrogano Apollo sul bambino; a loro Apollo risponde: «Presso di voi è nato un portento; chi riuscirà a spiegarlo sarà colui che vi restituirà il bambino!» Udito l’oracolo, Minosse inizia a interrogare i suoi in merito a qualche portento; lo informano della nascita di un vitello che mutava colore ogni quattro ore per ciascun giorno, diventando prima bianco, poi rossiccio e infine nero. Minosse allora per risolvere il prodigio convoca gli indovini, che non riescono a interpretarlo, ma Poliido di Bisanzio, figlio di Cerano, svela il portento dicendo che esso è simile a un albero di more che infatti dapprima è bianco, poi rosso e quando è al colmo della maturazione diviene nero. Allora Minosse gli disse: «Secondo il responso di Apollo tu devi trovarmi il figlio!» Mentre Poliido osservava i segni augurali, vide un gufo appollaiato sopra una cella vinaria che metteva in fuga delle api. Compreso il segno, trasse fuori dall’orcio il fanciullo ormai privo di vita. Ma Minosse gli disse: «Hai trovato il corpo; ora, rendigli la vita!» Poliido protestò che ciò era impossibile, e allora Minosse lo fece rinchiudere nel sepolcro insieme al fanciullo ponendogli accanto una spada. Mentre erano chiusi insieme nel sepolcro, avvenne che un serpente improvvisamente si accostasse al corpo del fanciullo; Poliido, pensando che avesse intenzione di morderlo, lo uccise all’istante con un colpo di spada. Un altro serpente che era venuto alla ricerca del primo, come lo vide ucciso, partì e tornò con un’ erba al cui tocco il primo serpente tornò alla vita. Poliido fece lo stesso; essi si misero a gridare da dentro il sepolcro e qualcuno che stava passando accanto riferì la cosa a Minosse, che fece aprire la tomba e riabbracciò il figlio sano e salvo; poi rimandò in patria Poliido carico di doni.

 

Merope

 

Polifonte, re di Messenia, uccise Cresfonte, figlio di Aristomaco, e s’impadronì del suo regno e della sua sposa. La madre Merope inviò segretamente il figlio ancora bambino che aveva avuto da Cresfonte presso un ospite in Etolia. Polifonte si mise a cercarlo con ogni cura e prometteva dell’oro a chi lo avesse ucciso. Quando quello raggiunse la giovinezza, progettò di vendicare la morte del padre e del fratello; così si presentò dal re Polifonte a chiedergli l’oro, dicendo di avere ucciso il figlio di Merope e Cresfonte, chiamato Telefonte. Il re gli impose di fermarsi presso di sé come ospite, per informarsi più distesamente della questione. Mentre egli, stanco, stava dormendo, un vecchio, che aveva fatto da intermediario tra figlio e madre, giunse da Merope in lacrime dicendo che egli non stava più presso l’ospite ed era scomparso. Merope, persuasa che l’uomo addormentato fosse l’assassino di suo figlio, penetrò nella stanza da letto brandendo una scure per uccidere il figlio che non aveva riconosciuto. Ma il vecchio lo riconobbe e trattenne la madre dal delitto; quando poi Merope vide che era giunta l’occasione di vendicarsi del suo nemico, si riconciliò con Polifonte: e mentre il re stava lietamente celebrando un sacrificio, l’ospite fece finta di colpire la vittima ma vibrò il colpo contro di lui e riconquistò il regno paterno.

 

Filira che fu trasformata in tiglio

 

Mentre Saturno stava cercando Giove di terra in terra, assunte le sembianze di un cavallo si unì in Tracia con Filira, figlia di Oceano, che da lui generò il centauro Chirone, il primo – si dice – ad aver inventato l’arte medica. Dopodiché Filiria si avvide di avere partorito una specie mai prima vista, pregò Giove di essere trasformata in un’altra specie e così fu tramutata nell’albero detto filura, vale a dire tiglio.

 

I Cureti

 

 Dopo che Opi ebbe generato Giove da Saturno, Giunone chiese che le fosse assegnato, dato che Saturno aveva scagliato Orco sotto il Tartaro e Nettuno sotto le onde, poiché sapeva che uno dei suoi figli l’avrebbe privato del regno. Quando Saturno domandò a Opi dove si trovasse il figlio che ella aveva partorito, la Dea gli mostrò una pietra avvolta in fasce ed egli la inghiottì; ma quando si accorse dell’inganno iniziò a cercare Giove di terra in terra. Giunone allora portò Giove sull’isola di Creta, e Amaltea, nutrice del bambino, lo mise in una culla sospesa su un albero perché* egli non si trovasse né in terra né in mare né in cielo. E affinché i vagiti del neonato non si udissero, fece venire dei giovani di età impubere ai quali consegnò lance e scudi di bronzo, e ordinò che i essi danzando attorno all’albero li battessero le une contro gli altri. Essi, in lingua greca, vennero chiamati Cureti, o secondo altri Coribanti; da noi vengono detti Lari.

 

Pitone

 

Pitone, figlio di Tello, era un serpente immenso che rendeva oracoli sul monte Parnaso prima di Apollo. A lui era stata preannunciata la morte per mano di un figlio di Latona. In quel tempo Giove giacque con Latona, figlia di Polo; quando Giunone lo venne a sapere, decretò che Latona partorisse in un luogo non toccato da Sole. Pitone fu informato che Latona era stata resa gravida da Giove e iniziò a inseguirla per ucciderla. Ma per volontà di Giove il vento Aquilone rapì Latona e la condusse presso Nettuno, il quale l’accolse, ma, non volendo disobbedire a un decreto di Giunone, la portò nell’isola di Ortigia, che fece scomparire sotto le onde. Pitone non riuscì a trovarla e dovette tornarsene al Parnaso; allora Nettuno riportò alla luce la cima dell’isola di Ortigia, che in seguito fu detta Delo. Fu in quel luogo che Latona, abbracciata a un ulivo, partorì Apollo e Diana, a cui Vulcano regalò le frecce. Quattro giorni dopo la nascita Apollo vendicò la madre: giunse sul Parnaso e uccise Pitone trafiggendolo con le sue frecce (da ciò deriva il soprannome Pizio), poi gettò le sue ossa in un tripode che collocò nel suo tempio e istituì in suo onore i giochi funebri che vengono detti Pitici.

 

Le Sirene

 

Le Sirene, figlie del fiume Acheloo e della Musa Melpomene, mentre andavano errando dopo il rapimento di Proserpina, giunsero alla terra di Apollo e lì per volontà di Cerere furono trasformate in uccelli perché non avevano prestato soccorso a Proserpina. A loro fu preannunciato che sarebbero vissute sinché un viandante fosse passato senza fermarsi al loro canto: e l’uomo fatale fu Ulisse; infatti, egli riuscì a doppiare con la sua nave le rocce in cui dimoravano, cosicché esse si precipitarono in mare. Da loro quel luogo si chiama Sirenide e sta tra la Sicilia e l’Italia.

 

Pandora

 

Prometeo, figlio di Giapeto, plasmò per primo gli uomini dal fango; poi Vulcano, per comando di Giove, fece col fango una forma di donna alla quale Minerva infuse l’anima mentre gli altri Dèi le diedero ciascuno un dono: per questo fu chiamata Pandora. Essa fu data in matrimonio a Epimeteo, fratello di Prometeo; da loro nacque Pirra che si dice sia stata la prima donna mortale.

Foroneo

 

Inaco, figlio di Oceano, procreò con sua sorella Argia Foroneo, di cui si racconta che fu il primo tra gli uomini ad avere un regno. In precedenza, gli uomini per molti secoli erano vissuti senza città ne leggi, parlando la medesima lingua, sotto il dominio di Giove; ma quando Mercurio iniziò a interpretare i discorsi tra gli uomini, da cui dipende il fatto che l’interprete è detto ermeneuta (Mercurio infatti in lingua greca si chiama Ermes; fu proprio lui a dividere le varie nazioni), allora gli uomini cominciarono a essere discordi tra loro, cosa che non piacque a Giove. Fu così che egli affidò a Foroneo il compito di regnare, premiandolo perché era stato il primo a compiere sacrifici per Giunone.

 

Prometeo

 

Un tempo gli uomini chiedevano il fuoco agli Dèi e non sapevano conservarlo perennemente. In seguito Prometeo lo portò in terra nascosto dentro una canna e insegnò agli uomini il modo di conservarlo sotto la cenere. Perciò Mercurio, per ordine di Giove, lo legò a una rupe sul monte Caucaso con chiodi di ferro, e gli pose accanto un’aquila che gli rodeva il cuore: e quanto veniva mangiato di giorno, altrettanto cresceva di notte. Fu Ercole a uccidere quest’aquila dopo trentamila anni e a liberarlo.

 

Niobe o Io

 

Da Foroneo e Cinna nacquero Api e Niobe, la prima mortale concupita da Giove; da lei nacque Argo, che diede il suo nome alla città di Argo. Da Argo ed Evadne nacquero Criaso, Peranto ed Ecbaso; da Peranto e Calliroe nacquero Argo, Arestoride e Triopa; questi …… da lui e Eurisabe, Anto, Pelasgo e Agenore; da Triopa e Oreaside nacquero Xanto e Inaco; da Pelasgo nacque Larissa, da Inaco e Argia, Io. Io fu amata da Giove, che giacque con lei e la trasformò in vacca, affinché Giunone non la riconoscesse. Quando Giunone lo scoprì, mandò Argo, che aveva cento occhi brillanti su tutto il corpo, a custodirla; ma Mercurio, per ordine di Giove, lo uccise. Giunone allora le inviò Panico, che la spinse, fuori di sé per il terrore, a gettarsi nel mare che fu chiamato Mar Ionio. Poi Io nuotò fino alla Scizia; da allora quelle terre sono chiamate Bosforo. Infine giunse in Egitto, dove partorì Epafo. Quando Giove venne a sapere che a causa sua aveva patito tante disgrazie, le restituì il suo aspetto originario e ne fece una Dea degli Egizi, chiamata Iside.

 

Proserpina

 

Plutone chiese a Giove di dargli in moglie Proserpina, la figlia sua e di Cerere. Giove disse che Cerere non avrebbe sopportato che sua figlia abitasse nel Tartaro tenebroso, ma gli ordinò di rapire Proserpina mentre raccoglieva fiori sul monte Etna, che è in Sicilia. Mentre Proserpina stava raccogliendo fiori colà insieme a Venere, Diana e Minerva, Plutone arrivò con la sua quadriga e la rapì; in seguito Cerere ottenne da Giove che la figlia trascorresse metà dell’anno presso di lei e l’altra metà con Plutone.

 

Trittolemo

 

Mentre Cerere stava cercando la figlia, giunse dal re Eleusino, la cui moglie Cotonea aveva appena partorito il piccolo Trittolemo, e si finse balia da latte; la regina la assunse volentieri come nutrice per il figlio. Cerere, volendo rendere immortale questo suo figlio di latte, di giorno lo nutriva con latte divino, e di notte, di nascosto, lo metteva nel fuoco.Perciò il piccolo cresceva più di quanto generalmente crescono i mortali; i genitori se ne accorsero e la tennero d’occhio, e quando Cerere fu sul punto di mettere il bimbo nel fuoco, il padre ne fu terrorizzato. La Dea, adirata, fece cadere Eleusino a terra esanime, ma concesse a Trittolemo, suo figlio di latte, un privilegio eterno: gli donò il suo cocchio, trainato da draghi, per diffondere la coltivazione del grano. Trasportato dai draghi, Trittolemo seminò grano per tutta la terra; quando tornò a casa, Celeo ordinò che in cambio dei suoi benefici fosse ucciso. Quando però la cosa si riseppe, per ordine di Cerere dovette lasciare il suo regno a Trittolemo. Questi lo chiamò Eleusi, dal nome di suo padre, e istituì in onore di Cerere dei giochi sacri, che in greco sono chiamati Tesmoforie.

 

Vulcano

 

Quando Vulcano seppe che Venere si coricava di nascosto con Marte, sapendo di non poter competere fisicamente con lui, fabbricò una catena di adamante e la dispose attorno al letto, per sorprendere Marte con l’astuzia. Quando Marte si presentò all’appuntamento, si trovò impigliato nella trappola insieme a Venere, in modo tale da non potersi liberare. Sole riferì la cosa a Vulcano che li vide nudi nel letto. Allora egli convocò tutti gli Dèi, che assistettero allo spettacolo. Da allora Marte si guardò bene dal ripetere l’adulterio. Da quell’amplesso nacque Armonia, a cui Minerva e Vulcano regalarono una veste ricamata con scene di delitto. Ecco perché i suoi discendenti furono predisposti al delitto. Venere poi fu sempre nemica ai discendenti di Sole a causa di quella delazione.

 

Epafo

 

Giove ordinò a Epafo, che aveva avuto da Io, di fortificare le città dell’Egitto e di regnare su quel paese. Epafo in primo luogo fondò Menfi e poi molte altre città; sua moglie Cassiopea gli partorì una figlia, Libia, da cui prese nome la sua terra.

 

Titanomachia

 

Quando Giunone vide che Epafo, pur essendo figlio di una concubina, regnava su un territorio tanto vasto, fece in modo che perisse in un incidente di caccia e istigò i Titani ad allontanare Giove dal suo regno e restituirlo a Saturno. Ma quando i Titani tentarono di ascendere al cielo, Giove, con l’aiuto di Minerva, Apollo e Diana, li fece precipitare nel Tartaro. Ad Atlante, che era il loro capo, pose sulle spalle la volta del cielo; dicono che da allora sia lui a sostenerne il peso.

 

I figli di Echidna e Tifone

 

Dal Gigante Tifone e da Echidna nacquero Gorgone, Cerbero, il cane a tre teste, il drago che custodiva le mele delle Esperidi al di là dell’Oceano, l’Idra che fu uccisa da Ercole presso la sorgente di Lerna, il drago che custodiva il vello d’oro nella Colchide, Scilla che era donna nella parte superiore del corpo e cane in quella inferiore e aveva attaccati sei cani nati da lei, la Sfinge della Beozia, la Chimera licia che era leone davanti, serpente dietro e nel mezzo capra (kimaira, appunto). Da Medusa, figlia di Gorgone, e da Nettuno nacquero Crisaore e il cavallo Pegaso; da Crisaore e Calliroe nacque Gerione, che aveva tre teste e tre torsi.

 

Tifone

 

Tartaro ebbe da Tartara Tifone, un essere di dimensioni enormi e di aspetto mostruoso, che aveva cento teste di drago che gli uscivano dalle spalle. Tifone sfidò Giove a battersi con lui per il potere supremo; Giove lo colpì nel petto con un fulmine infuocato e quando il mostro fu avvolto dalle fiamme gli calò sopra il monte Etna, che sta in Sicilia e che da allora – dicono – arde ancora.

 

Fetonte

 

Fetonte, figlio di Sole e di Climene, salì sul cocchio del padre a sua insaputa, ma fu trasportato troppo in alto sopra la terra e per la paura cadde nel fiume Eridano. Quando Giove lo colpì con un fulmine, tutto intorno a lui prese fuoco; allora Giove, che cercava un pretesto per sterminare l’intera stirpe dei mortali, con la scusa di spegnere le fiamme fece straripare tutti i fiumi e uccise così tutto il genere umano, tranne Deucalione e Pirra. Ma le sorelle di Fetonte, che avevano attaccato i cavalli al cocchio contravvenendo agli ordini del Padre, furono trasformate in pioppi.

 

Deucalione e Pirra

 

Quando avvenne il cataclisma che noi chiamiamo diluvio oppure inondazione, tutta la razza umana perì a eccezione di Deucalione e Pirra che si rifugiarono sull’Etna, il monte più alto (si dice) che sorga in Sicilia. Essi non potevano sopravvivere per la solitudine; perciò pregarono Giove di concedere loro degli uomini oppure di annientarli come era successo agli altri. Allora Giove ordinò di gettare delle pietre dietro la schiena: quelle gettate da Deucalione divennero uomini, quelle da Pirra donne. Questa è l’origine della parola laos («popolo»), poiché in greco laas significa pietra.

 

Fetonte secondo Esiodo

 

Fetonte, figlio di Climeno, figlio di Sole e della Ninfa Merope, che a quanto pare era un’Oceanide, venne a sapere dal padre che Sole era suo nonno, ma fece cattivo uso del cocchio che aveva chiesto; infatti, poiché scese troppo accosto alla terra, tutto ciò che sfiorò al suo passaggio prese fuoco. Fetonte, colpito dal fulmine, cadde nel fiume Pado, quello che i Greci chiamano Eridano; Ferecide fu il primo a dargli questo nome. Gli Indiani diventarono neri, perché il loro sangue, per il calore del fuoco che passò loro vicino, si fece scuro. Invece le sorelle di Fetonte piansero così tanto per la morte del fratello che furono trasformate in pioppi. Le loro lacrime, narra Esiodo, rapprendendosi, diventarono gocce di ambra e perciò sono chiamate Eliadi: sono, dunque, Merope, Elie, Egle, Lampezia, Febe, Eteria, Diossippe. E Cicno, re di Liguria, che era parente di Fetonte, fu mutato in cigno mentre lo piangeva; è lo stesso che, quando muore, canta una dolente canzone.

 

Figli di Giove

 

Libero, che i Titani smembrarono, da Proserpina. Ercole da Alcmena. Libero da Semele, figlia di Cadmo e Armonia. Castore e Polluce da Leda, figlia di Testio; Argo da Niobe, figlia di Foroneo;Epafo da Io, figlia di Inaco. Perseo da Danae, figlia di Acrisio. Zeto e Anfione da Antiope, figlia di Nitteo. Minosse, Sarpedonte e Radamanto da Europa, figlia di Agenore. Elleno da Pirra, figlia di Epimeteo. Etlio da Protogenia, figlia di Deucalione. Dardano da Elettra, figlia di Atlante. Lacedemone da Taigete, figlia di Atlante. Tantalo da Pluto, figlia di Atlante. Eaco da Egina, figlia di Asopo. Egipane dalla capra Betide. Arcade da Callisto, figlia di Licaone. Piritoo da Dia, figlia di Deioneo.

 

Figli di Sole

 

Circe da Perseide, figlia di Oceano; Pasifae; Fetonte da Climene, pure figlia di Oceano; Lampezia, Egle, Febe, ……

 

Figli di Nettuno

 

Beoto ed Elleno da Antiope, figlia di Eolo; Agenore e Belo da Libia, figlia di Epafo. Bellerofonte da Eurinome, figlia di Niso. Leuconoe da Temisto, figlia di lpseo. Irieo da Alcione, figlia di Atlante. Abante da Aretusa, figlia di Nereo. Epopeo da Alcione, figlia di Atlante. Belo. Attore. Ditti da Agamede, figlia di Augia. Evadne da Pitana, figlia di Leucippo. Megareo da Enope, figlia di Epopeo. Cicno da Calice, figlia di Ecatone. Periclimeno e Anceo da Astipalea, figlia di Fenice. Neleo e Pelia da Tiro, figlia di Salmoneo. Eufemo, Lico e Nitteo da Celano, figlia di Ergeo. Peleo ……Arprite. Anteo, Eumolpo da Chione, figlia di Aquilone; Nauplio da Amimone; anche il Ciclope Polifemo. Amico da Melie, figlia di Busiride.

 

Figli di Vulcano

 

Filammone, Cecrope, Erittonio, Corinete, Cercione, Filotto, Spintere.

 

Figli di Marte

 

Enomao da Sterope. Armonia da Venere. Leodoco da Pero. Lico. Diomede tracio. Ascalafo. Ialmeno. Cicno. Driante.

 

Figli di Mercurio

 

Priapo. Echione ed Eurito da Antianira. Cefalo da Creusa, figlia di Eretteo. Euresto da Aptale. Libi da Libia, figlia di Palamede.

 

Figli di Apollo

 

Delfo. Esculapio, nato da Coronide, figlia di Flegia. Euripide da Cleobula. Ileo da Urea, figlia di Nettuno. Agreo da Eubea, figlia di Macareo. Filammone da Leuconoe, figlia di Lucifero. Licoreo da una Ninfa. Lino da Urania. Aristeo da Cirene, figlia di Peneo.

 

Figli di Ercole

 

Illo da Deianira; Tlepolemo da Astioche; Leucite. Telefo da Auge, figlia di Aleo. Leucippo. Terimaco. Creontiade. Archelao. Ofite. Deicoonte. Eveno. Lido. E i dodici Tespiadi, che ebbe dalle figlie del re Tespio.

 

Le Amazzoni

 

Ociale, Diossippe, lfinome, Xante, Ippotoe, Otrera, Antioche, Laomache, Glauce, Agave, Teseide, Ippolita, Climene, Polidora, Pentesilea.

 

Atene

 

Quando sorse una contesa tra Nettuno e Minerva a proposito di chi dovesse fondare per primo una città nella regione dell’ Attica, i due scelsero come giudice Giove, che si pronunciò a favore di Minerva, in quanto era stata la prima a piantare in quella terra un ulivo – che pare esista ancora. Allora Nettuno, adirato, volle sommergere l’Attica, ma Mercurio gli impedì di farlo, per ordine di Giove; e Minerva fondò la città di Atene, così chiamata dal nome della Dea; a quanto pare fu la prima città che sorse in quei luoghi.

 

Marsia

 

 Minerva, dicono, fu la prima a costruire un flauto con gli ossi di un cervo e si presentò suonandolo al banchetto degli Dèi. Ma Giunone e Venere si misero a prenderla in giro, perché aveva gli occhi cerulei e le gote gonfie; e così, irrisa per la sua musica e il suo aspetto, la Dea giunse a una fonte nel bosco dell’Ida. Qui si vide riflessa nell’acqua mentre suonava e capì che avevano avuto ragione a schernirla, per cui gettò via il flauto e giurò che chiunque l’avesse raccolto avrebbe subìto un castigo terribile. Uno dei Satiri, il pastore Marsia, figlio di Eagro, lo trovò e prese a esercitarsi assiduamente con lo strumento, traendone ogni giorno suoni più dolci, al punto che sfidò Apollo a gareggiare con lui suonando la lira, Apollo accettò; come giudici, scelsero le Muse. Marsia stava vincendo, ma Apollo capovolse la sua cetra e suonò la stessa musica, cosa che Marsia, con il flauto, non riuscì a fare. E così Apollo legò il vinto Marsia a un albero e lo consegnò a uno Scita, che lo scorticò membro dopo membro; poi consegnò ciò che restava del corpo del Satiro al suo discepolo Olimpo, perché lo seppellisse. Il fiume Marsia prende nome dal suo sangue.

 

Erittonio

 

Vulcano fabbricò per Giove e per gli altri Dèi troni d’oro e di adamante; ma quando Giunone si sedette, iniziò a pendere in mezzo al cielo. Venne chiamato Vulcano perché sciogliesse la madre che aveva legato; ma, adirato per essere stato precipitato dal cielo, affermò di non avere alcuna madre. Quando però il padre Libero lo ubriacò e lo condusse nel concilio degli Dèi, non poté negarsi alla pietà; da Giove tuttavia ebbe la facoltà di ottenere tutto ciò che avesse chiesto. Allora Nettuno, che era nemico di Minerva, istigò Vulcano a chiederla in sposa. Dopo averlo ottenuto, quando entrarono nel talamo, Minerva, per suggerimento di Giove, difese la sua verginità con le armi; mentre essi stavano lottando, dal seme del Dio caduto al suolo nacque un bambino che aveva la parte inferiore in forma di serpente: perciò fu detto Erittonio perché in greco eris significa contesa e la terra viene detta ctzon. Minerva lo crebbe in segreto: lo diede chiuso in una cesta ad Aglauro, Pandroso ed Erse, figlie di Cecrope, perché lo custodissero. Quando esse aprirono la cesta, una cornacchia le denunciò; ed esse, rese folli da Minerva, si precipitarono in mare.

 

Libero

 

Libero, figlio di Giove e Proserpina, fu fatto a pezzi dai Titani. Giove tritò il suo cuore e lo diede da bere a Semele. Dopo che essa rimase incinta in seguito a questo, Giunone assunse le forme di Beroe, nutrice di Semele, e disse: «Figliola, chiedi a Giove che venga da te come va da Giunone, perché tu conosca quale piacere è giacere con un Dio!» Così istigata, ella supplicò Giove e venne fulminata; dal suo utero uscì Libero, che fu affidato a Niso perché lo allevasse. Ecco la ragione per cui fu chiamato Dioniso e figlio di due madri.

 

Danao

 

Danao, figlio di Belo, ebbe da molte mogli cinquanta figlie, e altrettanti figli ebbe suo fratello Egitto, che deliberò di uccidere Danao e le figlie per possedere da solo il regno paterno. Allora chiede al fratello le figlie come spose per i suoi; saputa la cosa, Danao fugge dall’Africa ad Argo grazie al soccorso di Minerva: fu allora infatti che per la prima volta – si dice – Minerva costruì una nave con due prore, sulla quale Danao potesse andarsene. Ma Egitto viene a sapere della fuga di Danao e invia i figli a inseguire il fratello, ordinando loro di uccidere Danao o non tornare mai più. Sbarcati ad Argo, iniziano a combttere lo zio; quando Danao vede che ogni resistenza è inutile, promette le nozze delle figlie in cambio della sospensione della guerra: così i cugini paterni possono sposare le tanto desiderate sorelle. Ma queste, per ordine del padre, uccidono i mariti, con l’eccezione della sola Ipermestra che risparmiò Linceo. Per questa colpa, si dice che le altre debbano tra gli Inferi attingere acqua con un orcio forato. In onore di Ipermestra e Linceo fu costruito un santuario.

 

Amimone

 

Mentre era intenta a cacciare nella selva, Amimone, figlia di Danao, colpì un Satiro con una freccia. Il Satiro volle farle violenza, ed ella implorò il soccorso di Nettuno; Nettuno comparve, scacciò il Satiro e la fece sua. Da tale unione nacque Nauplio. Nel luogo in cui avvenne questo fatto si dice che Nettuno abbia percosso il suolo col tridente e di lì sia sgorgata una vena d’acqua che poi fu detta fonte di Lerna e fiume d’Amimone.

 

Amimone

 

Amimone, figlia di Danao, fu inviata dal padre ad attingere acqua per un sacrificio. Mentre stava cercando si addormentò esausta e un Satiro tentò di violentarla. Lei implorò il soccorso di Nettuno, e il Dio scagliò contro il Satiro la sua fiocina, che si piantò nella roccia, e lo mise in fuga. Egli poi domandò alla fanciulla che mai stava facendo in quel luogo deserto; lei rispose che era stata mandata dal padre ad attingere acqua. Nettuno la possedette e come ricompensa la invitò a sfilare la fiocina dalla roccia; lei lo fece e di lì zampillarono tre getti d’acqua che dal suo nome furono detti «sorgente d’Amimone». Da quel convegno sessuale nacque Nauplio, mentre la sorgente in seguito fu detta «fonte di Lerna».

 

Le figlie di Danao e le loro vittime

 

Midea uccise Antimaco; Filomea Pantio; Scilla Proteo; Anficomone Plessippo; Evippe Agenore; Demodice Crisippo; Iale Perio; Trite Encelado; Damone Amintore; Ippotoe Obrimo; Mirmidone Mineo; Euridice Canto; Cleo Asterio; Arcadia Xanto; Cleopatra Metalce; Fila Filino; Ipparete Proteone; Crisotemide Asteride; Pirante Atamante; Armoasbo; Glaucippe Niavio; Demofile Panfilo; Autodice Clito; Polissena Egitto; Ecabe Driante; Acamante Ecnomino; Arsalte Efialte; Monuste Euristene; Amimone Midamo; Elice Evidea; Eme Polidettore; Poliba Iltonomo; Elitta Casso; Elettra Iperanto; Eubule Demarco; Daplidice Pugnone; Ero Andromaco; Europome Atlete; Pirante Plessippo; Critomedia Antipafo; Pirene Dolico; Eufeme Iperbio; Temistagora Podasimo; Celeno Aristonone; Itea Antioco; Erato Eudemone. Ipermestra salvò Linceo. Costui, dopo la morte di Danao che gli fu annunciata per primo da Abante, mentre si guardava attorno in un tempio alla ricerca di un dono da offrirgli, vide per caso lo scudo che Danao aveva consacrato a Giunone e che portava in gioventù; lo staccò, lo donò ad Abante e istituì i giochi che si celebrano ogni quattro anni e vengono chiamati dello «scudo ad Argo». In questi giochi, chi vince la gara di corsa viene premiato non con una corona ma con uno scudo. Quanto alle Danaidi, dopo la morte del padre sposarono uomini di Argo, e da questa unione deriva la gente detta dei Danai.

 

Altea

 

Altea, figlia di Testio, giacque nella stessa notte con Eneo e con Marte; da loro nacque Meleagro. Improvvisamente apparvero nella reggia le Parche, Cloto, Lachesi e Atropo, che preannunciarono il suo Fato con queste parole: Cloto disse che sarebbe stato ardito, Lachesi forte, Atropo vide un tizzone che stava ardendo nel focolare e disse: «Costui vivrà sinché questo tizzone non sarà consumato!» A queste parole la madre Altea balzò dal letto, spense il tizzone fatale e lo nascose nella reggia perché non fosse consunto dal fuoco.

 

Eneo

 

Eneo, figlio di Portaone, re di Etolia, quando celebrava il sacrificio annuale a tutti gli Dèi trascurò Diana. La Dea irata inviò un gigantesco cinghiale che devastava i campi di Calidone. Allora Meleagro, figlio di Eneo, promise di recarsi a combatterlo insieme ai guerrieri più forti di Grecia.

 

Coloro che mossero contro il cinghiale di Calidone

 

Castore e Polluce, figli di Giove. Eurito, figlio di Mercurio, da Sparta. Echione, figlio di Mercurio, da Tebe. Esculapio, figlio di Apollo. Giasone, figlio di Esone, da Tebe. Alconte, figlio di Marte, dalla Tracia. Eufemo, figlio di Nettuno. Iolao, figlio di Ificle. Linceo e Ida, figli di Mareo. Peleo, figlio di Eaco. Telamone, figlio di Eaco. Admeto, figlio di Fere. Laerte, figlio di Arcesio. Deucalione, figlio di Minosse. Teseo, figlio di Egeo. Plessippo, Ideo, Linceo, figli di Testio e fratelli di Altea. Ippotoo, figlio di Cercione. Ceneo, figlio di Elato. Mopso, figlio di Ampico. Ippaso, figlio di Eurito. Anceo, figlio di Licurgo. Fenice, figlio di Amintore. Driante, figlio di Giapeto. Enesimo, Alconte, Leucippo, Ippocoonte, da Amicla. Atalanta, figlia di Scheneo.

 

Le città che inviarono aiuti a Eneo

 

Tenerlo, Iolco, Sparta, Pleurone, Messene, Perrebia, Ftia, Magnesia, Salamina, Calidone, Tessaglia, Ecalia, Itaca, Tegea, Creta, Dolopia, Atene e Arcadia.

 

Meleagro

 

Altea, figlia di Testio, partorì Meleagro da Eneo; si dice che allora nella reggia sia apparso un tizzone ardente. Giunsero colà le Parche e predissero il Fato di Meleagro: sarebbe vissuto fintantoché il tizzone fosse rimasto intatto. Altea lo chiuse allora in un cofano e lo serbò con cura. Nel frattempo Diana, adirata con Eneo perché non le aveva offerto i sacrifici annuali, mandò un cinghiale di enormi dimensioni a devastare i campi di Calidone. Meleagro lo uccise insieme ad altri scelti giovani greci e donò la pelle dell’animale alla vergine Atalanta, per la sua virtù. I fratelli di Altea, Ideo, Plessippo e Linceo, vollero sottrargliela, al che la giovane chiese aiuto a Meleagro, che intervenne e, anteponendo l’amore ai legami familiari, uccise gli zii. Quando la madre Altea venne a sapere che suo figlio aveva commesso un così empio delitto, memore del monito delle Parche, trasse il tizzone dal cofano e lo gettò nel fuoco; e così, per vendicare i propri fratelli, uccise suo figlio. Ma per volere divino tutte le sue sorelle, tranne Gorge e Deianira, per il loro gran piangere furono trasformate in uccelli, detti Meleagridi; e la moglie di lui, Alcione, morì di dolore per il suo lutto.

 

Agrio

 

Quando Agrio, figlio di Portaone, vide che suo fratello Eneo era rimasto senza figli ed era caduto in miseria, lo cacciò dal suo regno e se ne impadronì. Ma allorché Diomede, figlio di Tideo e di Deipile, dopo la conquista di Troia, venne a sapere che il nonno aveva perduto il trono, giunse in Etolia assieme a Stenelo, figlio di Capaneo, e fece guerra a Licopeo, figlio di Agrio; dopo averlo ucciso e spogliato di tutti i suoi beni, Diomede espulse Agrio dal regno e lo restituì al nonno Eneo. In seguito Agrio, cacciato dal regno, si uccise.

 

Licaone

 

Si racconta che Giove fu ospitato da Licaone, figlio di Pelasgo, e lì violò sua figlia Callisto. Da questo amplesso nacque Arcade, che diede nome alla regione. Ma i figli di Licaone vollero mettere alla prova Giove, per vedere se fosse veramente un Dio: mescolarono carne umana con carne di animali e gliela imbandirono a banchetto. Quando il Dio se ne accorse, adirato rovesciò la mensa e uccise con un fulmine i figli di Licaone. Fu in quello stesso luogo che successivamente Arcade costruì la cittadella che viene chiamata Trapezunte. Quanto al padre, Giove lo trasformò in lupo.

 

Callisto

 

Callisto, figlia di Licaone, fu trasformata in orsa, a quanto pare, a causa della collera di Giunone, perché  aveva avuto rapporti amorosi con Giove. In seguito Giove la accolse fra le stelle con il nome di Settentrione. Questa costellazione non si muove dal suo posto e non tramonta mai: infatti Teti, moglie di Oceano e nutrice di Giunone, le proibisce di tramontare nel mare; questo è dunque il grande Settentrione, di cui si dice in versi cretici: “E tu, nata dalla mutata ninfa Licaonide e rapita dalle cime dell’Arcadia, a cui Teti vieta di immergersi nel gelido Oceano, perché osasti giacere con lo sposo della sua figlia di latte.” Quest’orsa, dunque, è chiamata Elice dai Greci e ha sette stelle non troppo brillanti nella testa, due per ciascun orecchio, una sulla spalla, una splendente sul petto, una sulla zampa anteriore, una chiara sulla punta della coda; ha poi due stelle sul retro della coscia, due sulla punta del piede e tre sulla coda – in tutto venti stelle.

 

Europa

 

Europa, figlia di Argiope e di Agenore, era nativa di Sidone. Giove, mutatosi in toro, la trasportò da Sidone a Creta e generò da lei Minosse, Sarpedonte e Radamanto. Suo padre Agenore mandò i suoi figli a i riprendere la sorella; e ordinò loro, se non ci fossero riusciti, di non comparirgli mai più davanti. Fenice partì per l’Africa e là rimase; per questo i Cartaginesi sono detti Fenici. Cilice diede il suo nome alla Cilicia. Cadmo, nelle sue peregrinazioni, giunse a Delfi, dove l’ oracolo gli raccomandò di comprare dai pastori un bue che avesse un segno a forma di mezzaluna sul fianco e di farsi precedere dall’animale: era Destino che avrebbe fondato una città, di cui sarebbe diventato re, nel luogo dove il bue si sarebbe fermato a riposare. Dopo aver udito il responso, Cadmo fece come l’oracolo gli aveva consigliato; mentre cercava acqua, giunse alla fonte Castalia, che era custodita da un drago, figlio di Marte. Il drago uccise i compagni di Cadmo, ma Cadmo uccise lui con una pietra; poi, seguendo le istruzioni di Minerva, ne seminò i denti e arò la terra che li ricopriva. Ne nacquero gli Sparti, che subito si misero a combattere tra loro, finche ne sopravvissero cinque: Ctonio, Udeo, Iperenore, Peloro ed Echione. Inoltre, quella regione fu chiamata Beozia, dal bue che Cadmo aveva seguito.

 

Semele

 

Cadmo, figlio di Agenore e di Argiope, generò quattro figlie da Armonia, figlia di Marte e di Venere: Semele, Ino, Agave e Autonoe, e un figlio, Polidoro. Giove voleva giacere con Semele; quando Giunone lo seppe, assunse l’aspetto della nutrice Beroe, andò da lei e le suggerì di chiedere a Giove che venisse a visitarla nello stesso modo in cui andava da Giunone: «Così saprai, – le disse – quale piacere si ricavi giacendo con un Dio!»; e così Semele chiese a Giove di venire da lei in quel modo. Giove la esaudì, arrivò accompagnato da tuoni e fulmini e Semele ne morì bruciata. Dal suo grembo nacque Libero, che Mercurio salvò dal fuoco e consegnò a Niso perché lo allevasse; in greco è chiamato Dioniso. Il pastore Atteone, figlio di Aristeo e Autonoe, vide Diana al bagno e tentò di farle violenza. Perciò Diana, adirata, gli fece spuntare le corna e lo fece divorare dai suoi stessi cani.

 

Diana

 

Un giorno d’estate in cui Diana, stanca della lunga caccia, si stava lavando a una fonte chiamata Partenio in un’ombrosissima valle detta Gargafia, in quello stesso luogo giunse Atteone, nipote di Cadmo e figlio di Aristeo e Autonoe, per ristorare se stesso e i suoi cani che aveva sfinito nell’inseguimento delle fiere. Egli dunque si trovò davanti alla Dea: e perché non lo raccontasse a nessuno, ella lo trasformò in cervo, e come cervo egli venne sbranato dai suoi stessi cani. I loro nomi sono, tra i maschi: Melampo, Icnobate, Pamfago, Dorceo, Oribaso, Nebrofono, Lelape, Terone, Pterelao, Ileo, Nape, Ladone, Pemenide, Terodanapi, Aura, Lacone, Arpia, Aello, Dromade, Too, Canace, Ciprio, Sticte, Labro, Arcade, Agriodo, Tigri, Iletore, Alce, Arpalo, Licisco, Melaneo, Lacne, Leucone. Le tre femmine che come loro lo uccisero furono: Melanchete, Agre, Teridamante, Oresitrofo. Altri autori invece trasmettono questi nomi: Acamante, Siro, Leone, Stilbone, Agrio, Carope, Etone, Coro, Borea, Dracone, Eudromo, Dromio, Zefiro, Lampo, Emone, Cillopode, Arpalico, Machimo, Icneumone, Melampo, Ocidromo, Boracee, Ocitoo, Pachilo, Obrimo; le femmine furono: Argo, Aretusa, Urania, Teriope, Dinomache, Diossippe, Echione, Gorgo, Cillo, Arpia, Linceste, Leena, Lacena, Ocipode, Ocidrome, Oxuroe, Oriante, Sainone, Terifone, Ileo, Chedrieto.

 

Le figlie di Oceano

 

Le figlie di Oceano Idotea, Amaltea, Adrasteia – che secondo altri sono figlie di Melisseo – furono nutrici di Giove. Le Ninfe che sono chiamate Dodonidi , (altri le chiamano Naiadi) …… i cui nomi sono Cisseide, Nisa, Erato, Erifia, Bromie, Polimno. Sul monte Nisa ottennero un dono dal loro alunno, che lo chiese a Medea, cosicché esse, deposta la vecchiezza, ritornarono giovani e in seguito furono trasportate fra le stelle, dove vengono chiamate Iadi. Altri riferiscono che i loro nomi sono Arsinoe, Ambrosia, Bromie, Cisseide, Coronide.

 

I cavalli di Sole e delle Stagioni

 

Eoo: è lui che fa girare il cielo; Etiope, che sembra fatto di fuoco e dissecca le messi. Questi cavalli, attac- cati alla fune, sono maschi, mentre quelli attaccati al giogo sono femmine: Bronte, che chiamiamo Tuoni, e Sterope, che chiamiamo Lampi – lo sostiene Eumelo di Corinto. Inoltre ci sono quelli che cita Omero: Abrassa, Terbeote. Anche quelli che nomina Ovidio: Piroide, Eoo, Etone, Flegonte.Questi sono i nomi delle Stagioni, figlie di Giove, figlio di Saturno e della Titanide Temi: Auxo, Eunomia, Ferusa, Carpo, Diche, Euporie, Irene, Ortosie, Tallo. Altri autori ne citano dieci con i seguenti nomi: Auge, Anatole, Musica,  Ginnastica, Ninfe, Mesembria, Sponde, …… Esperide e Diside.

 

Panteo e Agave

 

Penteo, figlio di Echione e Agave, negò che Libero fosse un Dio e non volle accogliere i suoi misteri; per questo, sua madre Agave e le sue sorelle Ino e Autonoe, rese folli da Libero, lo fecero a pezzi. Quando Agave rientrò in se e vide l’immane delitto che aveva commesso, spinta da Libero, fuggì da Tebe e giunse, errando senza meta, nelle terre dell’Illiria presso il re Licoterse, che la accolse.

 

Atalanta

 

Raccontano che Schene aveva una figlia bellissima di nome Atalanta, che per la sua bravura superava gli uomini nella corsa. Atalanta aveva chiesto al padre di poter restare vergine, per cui Scheneo, dato che molti gli chiedevano la figlia in sposa, stabilì una prova: chi voleva sposarla doveva prima gareggiare con lei nella corsa. Veniva stabilito un traguardo; il pretendente fuggiva disarmato, Atalanta lo inseguiva con un giavellotto e, se riusciva a raggiungerlo entro il limite stabilito, lo uccideva e ne piantava il capo nello stadio. Ne aveva già vinti e uccisi molti, quando finalmente fu sconfitta da Ippomene, figlio di Megareo e di Merope, grazie a Venere, che aveva dato al giovane tre mele di straordinaria bellezza egli aveva spiegato come doveva usarle: infatti Ippomene, gettandole dietro di se durante la gara, aveva rallentato lo slancio della fanciulla, che per raccoglierle e ammirare l’oro di cui erano fatte aveva perso tempo, dandogli così la vittoria. Scheneo concesse volentieri a Ippomene la mano della figlia per l’astuzia di cui aveva dato prova, ma questi, quando ritornò in patria con la sua sposa, si dimenticò di averla vinta con l’aiuto di Venere e non rese grazie alla Dea. E così, mentre stava sacrificando a Giove Vincitore sul monte Parnaso, fu preso da una brama improvvisa, ispiratagli dall’ira di Venere, e volle giacere con la sposa nel tempio stesso; per questo motivo Giove li trasformò in una coppia di leoni, animali ai quali gli Dèi impediscono l’amplesso reciproco.

 

Melanippe

 

Nettuno sedusse la bellissima Melanippe, figlia di Desmonte oppure – secondo altri poeti – di Eolo, e generò da lei due figli. Quando Desmonte lo seppe, accecò la figlia e la rinchiuse in prigione; per di più ordinò che le venisse dato poco da mangiare e da bere e che i bambini fossero gettati in pasto alle fiere. E così fu fatto; ma poi arrivò una vacca da latte e offrì ai piccoli le mammelle. Quando i pastori lo videro, presero i bambini con loro per allevarli. Nel frattempo Metaponto, re dell’Icaria, chiese alla moglie Teano di partorirgli dei figli, per poter lasciare loro il regno. Teano, spaventata, fece chiamare i pastori perché le trovassero un bambino da presentare al re; quelli le mandarono i due che avevano trovato e Teano fece credere al marito che fossero suoi. In seguito Teano ebbe due figli da Metaponto; ma dato che il re preferiva i primi due, perché erano bellissimi, Teano volle sbarazzarsene, per riservare il regno ai figli che aveva partorito lei stessa. Giunse il giorno in cui Metaponto soleva andare a sacrificare a Diana Metapontina. Teano colse l’occasione per svelare ai suoi figli che i loro presunti fratelli non erano tali: «Perciò, quando andranno a caccia, uccideteli a pugnalate!» Quelli salirono dunque sul monte, seguendo le esortazioni della madre, e cominciarono a combattere, ma con l’aiuto del Dio loro padre, i figli di Nettuno vinsero e uccisero i figli di Metaponto; quando i corpi di questi ultimi vennero riportati alla reggia, Teano si uccise con un coltello da caccia. I due vendicatori, Beoto ed Eolo, si rifugiarono presso i pastori che li avevano allevati; là Nettuno rivelò loro che erano suoi figli e che la loro madre era tenuta prigioniera. I due si precipitarono allora da Desmonte, lo uccisero e liberarono la madre dalla sua prigione; e Nettuno le rese la vista. In seguito i figli la portarono in Icaria e svelarono al re Metaponto la perfidia di Teano. Metaponto sposò allora Melanippe e ne adottò i due figli, che poi fondarono nella Propontide due città che chiamarono Beozia ed Etolia, dai loro rispettivi nomi.

 

Alope

 

Nettuno fece sua Alope, la bellissima figlia di Cercione. Da questa unione ella generò un bambino che, all’insaputa del padre, la ragazza affidò alla nutrice perché lo esponesse. Dopo che fu abbandonato, venne una giumenta e lo nutrì col suo latte; un pastore, inseguendo la giumenta, vide il bambino, lo raccolse e lo portò nella sua capanna. Il bambino era avvolto con una veste regale; un altro pastore lo pregò di affidargli il bambino, e quello glielo donò ma senza la veste, poiché tra i due era nata una disputa, dato che il pastore che aveva ricevuto il bambino voleva prendere la prova della sua nascita libera mentre l’altro rifiutava di darla, essi si presentarono dal re Cercione e iniziarono a esporre le proprie ragioni. Quello che aveva ricevuto il bambino chiese che venissero portati i suoi oggetti, e allora Cercione riconobbe che la veste apparteneva a sua figlia. La nutrice di Alope, temendo di essere condannata dal re, rivelò che quel bambino era davvero figlio di Alope; allora il re ordinò che Alope fosse murata viva e il bambino esposto. Ma per una seconda volta la giumenta venne a nutrirlo; e per una seconda volta i pastori trovarono il bambino e lo raccolsero, comprendendo che egli si salvava per volere degli Dèi. Essi lo allevarono e gli posero nome Ippotoo. Quando poi Teseo, lungo il viaggio da Trezene ad Atene, uccise Cercione, Ippotoo si recò da Teseo e chiese di riavere il regno paterno. Teseo glielo concesse volentieri, sapendo che egli era figlio di Nettuno da cui lui pure aveva origine. Quanto alla morta Alope, Nettuno la trasformò nella sorgente che da lei prende il nome.

 

Teofane

 

Teofane, figlia di Bisalte, era una fanciulla bellissima. Dato che molti pretendenti la chiedevano al padre, Nettuno la prese e la trasportò sull’isola di Crumissa. Quando i pretendenti seppero che si trovava lì, allestirono una nave e si diressero verso Crumissa. Per sviarli, Nettuno trasformò Teofane in una bellissima pecora, sé stesso in ariete e i cittadini di Crumissa in gregge. I pretendenti sbarcarono e, non trovando alcun uomo, iniziarono a macellare le pecore per cibarsene. Quando Nettuno vide che gli uomini da lui trasformati in pecore venivano massacrati, mutò in lupi i pretendenti; egli stesso poi, in forma di ariete, giacque con Teofane. Da quell’amplesso nacque l’ariete dal vello d’ oro che trasportò Frisso in Colchide; la sua pelle venne posta nel tempio di Marte sinché Giasone la portò via.

 

Procri

 

Procri, figlia di Pandione, divenne sposa di Cefalo, figlio di Deioneo. Essi si amavano scambievolmente, perciò promisero di non giacere mai con nessun altro. Un giorno Cefalo, appassionato cacciatore, andò assai per tempo a cacciare sul monte. Aurora, sposa di Titono, s’innamorò di lui e gli propose di giacere con lei, ma Cefalo rifiutò perché lo aveva promesso a Procri. Allora Aurora disse: «Non voglio che tu rompa la promessa se prima non l’ha rotta lei!», e subito lo trasformò in uno straniero e gli diede splendidi doni da portare a Procri. Cefalo dunque si recò da lei sotto un sembiante diverso, le offrì quei doni e giacque con lei. Allora Aurora gli restituì le sue sembianze; Procri comprese di essere stata ingannata da Aurora e fuggì a Creta, dove Diana stava cacciando. Quando Diana la vede, esclama: «Con me cacciano solo le vergini! Tu non sei vergine: esci dal mio seguito!» Allora Procri le narra i suoi casi e l’inganno patito da Aurora. Diana, impietosita, le dona una lancia che nessuno avrebbe potuto evitare e il cane Lailape cui nessun animale poteva sfuggire, e la invita a sfidare Cefalo nella caccia. Lei, seguendo le istruzioni di Diana, recisi i capelli, raggiunge Cefalo travestita da giovinetto, e lo sfida in una gara di caccia, vincendolo. Quando Cefalo vede quali poteri avevano il cane e la lancia, chiede all’ospite, ignorando che era la sua sposa, di vendergli cane e lancia. Ella rifiuta; lui arriva a offrirle persino una parte del suo regno, ma ella continua a rifiutare. «Ma – dice  – se insisti per averli, concedimi quello che sono soliti dare i ragazzi!» Lui, bruciando per il desiderio della lancia e del cane, promise che si sarebbe concesso, ma quando giungono sul letto, Procri si sfila la veste e rivela di essere una donna e anzi la sua sposa. Allora Cefalo riceve i doni e si riappacifica con lei. Nondimeno, gelosa di Aurora, sul fare del giorno lo segue alla caccia per spiarlo e si nasconde tra gli arbusti. Quando Cefalo vede un movimento tra la macchia, scaglia la lancia che nessuno può evitare e uccide la sposa. Con lei Cefalo ebbe Arcesio, dal quale nacque Laerte, padre di Ulisse.

 

Teonoe

 

L’indovino Testore ebbe il figlio Calcante e le figlie Leucippe e Teonoe. Quest’ultima, mentre stava giocando, fu rapita dai pirati giunti dal mare e portata in Caria; lì il re Icaro la acquistò per farne la sua concubina. Testore partì alla ricerca della figlia scomparsa e in seguito a un naufragio giunse in Caria, il luogo in cui si trovava Teonoe, e lì venne tenuto in catene. Allora Leucippe, che aveva perduto padre e sorella, si recò a Delfi per chiedere dove potesse ritrovarli; Apollo rispose: «Vaga per le terre come mio sacerdote e li troverai!» A questo responso Leucippe si tagliò i capelli e, travestita da giovane sacerdote, si mise a girare il mondo alla loro ricerca. Quando giunse in Caria, Teonoe la vide e, pensando che fosse un sacerdote, se ne innamorò e ordinò che le fosse condotta per fare l’amore con lei. Ma dato che Leucippe era una donna, rifiutò la proposta; allora Teonoe, adirata, la fece gettare in prigione, in una cella, e ordinò che si facesse venire un carcerato a uccidere quel sacerdote. A compiere il delitto fu mandato il vecchio Testore che, senza saperlo, giunse al cospetto della propria figlia: lei non lo riconosce, gli dà una spada gli ordina di uccidere il sacerdote. Egli entrò nella cella con la spada in mano e si mise a gridare che era Testore e, dopo avere perduto due figlie, Leucippe e Teonoe, ora era giunto al punto di doversi piegare questo delitto che gli era stato ordinato. Poi rivolse la spada contro sé stesso con l’intenzione di suicidarsi ma Leucippe, quando intese il nome del padre, gli strappò la spada di mano e gli chiese aiuto per uccidere la regina: e Teonoe, quando sentì il nome del padre, rivelò di essere sua figlia. Allora il re Icaro, dopo ……

 

Il re Mida

 

Mida, re dei Migdoni, figlio della Madre degli Dèi, fu cooptato da Tmolo nel tempo in cui Apollo gareggiò con Marsia – oppure Fauno – in una sfida con il flauto. Tmolo assegnò la vittoria ad Apollo, Mida invece disse che andava attribuita a Marsia. Allora Apollo, sdegnato, disse a Mida: «Qual è stato il tuo cuore nel giudicare, così avrai le orecchie!», e con queste parole fece sì che gli spuntassero orecchie d’asino. In quel periodo, mentre il padre Libero stava conducendo il suo esercito in India, Sileno se ne distaccò e Mida lo ospitò splendidamente e gli diede una guida che lo riconducesse al corteo di Libero. Allora il padre Libero donò a Mida il privilegio di ottenere da lui qualsiasi cosa avesse desiderato; a lui Mida chiese che qualsiasi cosa avesse toccato diventasse d’oro. Dopo avere ottenuto questo ed essere ritornato nella reggia, qualsiasi cosa toccasse diventava d’oro; ormai tormentato dalla fame, chiese a Libero di sottrargli quel dono così splendido, e Libero gli comandò di bagnarsi nel fiume Pattolo. Quando l’acqua toccò il suo corpo, si fece di un colore dorato: ecco perché ancora oggi quel fiume in Lidia è detto Crisorroa.

 

Iante

 

Atlante ebbe da Pleione (oppure Oceanitide) dodici figlie e il figlio Iante, che fu ucciso da un cinghiale oppure da un leone. Le sorelle lo piansero fino a consumarsi per il dolore. Tra loro, le prime cinque furono trasferite fra le stelle; esse ora stanno in mezzo alle corna del Toro e si chiamano Fesile, Ambrosia, Coronide, Eudora, Polisso, e dal nome del fratello sono dette Iadi e, in latino, Sucule. Alcuni dicono che vengono chiamate Iadi perché sono collocate a formare la lettera Y; altri fanno derivare il nome dal greco uein, «piovere», dato che il loro sorgere porta con se le piogge. C’è chi pensa che esse furono trasferite in cielo percée erano state nutrici del padre Libero, e Licurgo le aveva cacciate via dall’isola di Nasso. Le altre sorelle, dopo essersi consunte nel dolore, divennero stelle, e poiché erano numerose furono dette Pleiadi. Altri pensano che il nome derivi dal fatto che erano vicine tra loro (cosa che in greco si dice plesion). Sono così vicine tra loro che è difficile contarle, e a occhio nudo non si può distinguere con certezza se siano sei oppure sette. I loro nomi sono: Elettra, Alcione, Celeno, Merope, Sterope, Taigete e Maia. Dicono che Elettra si rifiuti alla vista a causa della morte di Dardano e della distruzione di Troia. Altri dicono che Merope brilla di una luce rossa perché ha sposato un uomo mortale, mentre le sorelle ebbero sposi divini: perciò, espulsa dal coro delle sorelle, triste si discioglie le chiome, e viene detta cometa oppure longode, perché si estende in lunghezza, oppure anche «affilata» (xifias) , perché mostra la lama di una spada. Questa stella esibisce il suo lutto.

 

Arpalico

 

Il tracio Arpalico, re degli Amimnei, ebbe la figlia Arpalice, che dopo la morte della madre nutrì con latte di vacche e di giumente. Durante la puerizia la addestrò alle armi per farla erede del suo regno, e la ragazza non deluse le speranze del padre, poiché divenne una guerriera tale da salvarlo. Infatti Neottolemo, mentre stava tornando da Troia, mosse guerra ad Arpalico e lo ferì gravemente; ma Arpalice si lanciò all’assalto e salvò il padre ormai in punto di morte, mettendo in fuga il nemico. In seguito però Arpalico rimase ucciso durante una sommossa; Arpalice, disperata per la morte del padre, si rifugiò nei boschi e si diede a devastare le stalle, finché i mandriani si unirono e la uccisero. 

 

Arione

 

Arione di Metimna, che era il più eccellente tra i suonatori di cetra, fu prediletto dal re Piranto di Corinto. Egli chiese al re di lasciarlo andare di città in città per dimostrare a tutti la sua arte e acquistò un patrimonio immenso. Allora i suoi servi, assieme ai marinai, complottarono di ucciderlo. In sogno gli apparve Apollo che gli disse di cantare con la sua ghirlanda e le sue vesti di scena e di confidarsi a quelli che sarebbero venuti in suo aiuto. Quando i servi e i marinai vollero ucciderlo, egli chiese di poter cantare davanti a loro. Il suono della cetra e il canto si sentiva sul mare tutto attorno, e la nave fu circondata da delfini, vedendo i quali egli si gettò in mare, ed essi lo raccolsero e lo portarono sino a Corinto dal re Piranto; quando toccò terra, desideroso di partire, non risospinse in mare il delfino, che morì in quel luogo. Egli narrò le sue vicende a Piranto e questi ordinò che il delfino fosse sepolto e gli fosse innalzato un monumento funebre. Poco tempo dopo, fu riferito a Piranto che a Corinto era arrivata, spinta da una tempesta, la nave sulla quale Arione era stato trasportato. Egli comandò che i marinai fossero portati al suo cospetto e chiese conto di Arione; essi dissero che era morto ed era stato da loro sepolto. A costoro il re rispose: «Domani giurerete davanti al monumento del delfino!» e ordinò che fossero tenuti in prigione. Poi dispose che Arione si nascondesse il giorno seguente dentro il sepolcro del delfino, abbigliato nello stesso modo con cui si era gettato in mare. Quando il re li fece condurre lì e li fece giurare per i mani del delfino che Arione era morto, Arione uscì dal sepolcro, ed essi, non sapendo grazie a quale Dio si fosse salvato, ammutolirono. Il re decretò che fossero crocifissi presso la tomba del delfino; Apollo poi, a causa della bravura nella citarodia, trasportò fra le stelle sia Arione che il delfino.

 

Orione

 

Giove, Nettuno e Mercurio giunsero presso la casa del re Irieo, in Tracia. Ospitati amichevolmente da lui, gli concessero di scegliere ciò che preferiva. Egli chiese di avere dei figli; allora Mercurio scuoiò il toro che lo stesso Irieo aveva immolato per loro, i tre Dèi orinarono dentro la sua pelle e la seppellirono. Di lì nacque Orione; egli tentò di fare violenza a Diana e fu ucciso da lei. In seguito Giove lo trasportò fra le stelle, ed egli divenne la costellazione che chiamano Orione.

 

Fauno

 

Poiche gli Dèi in Egitto temevano Tifone per le sue enormi dimensioni, Fauno li istigò a trasformarsi in belve feroci, per ingannarlo più facilmente; in seguito Giove lo uccise con un fulmine. Per volontà degli Dèi, che grazie al suo consiglio avevano evitato la violenza di Tifone, Fauno fu annoverato fra le stelle; e poiché a quei tempi si era mutato in capra, fu chiamato Egocero – quello che noi chiamiamo Capricorno.

 

Venere

 

Si racconta che un giorno cadde dal cielo nel fiume Eufrate un uovo di straordinaria grandezza. I pesci lo trascinarono a riva ed esso fu covato da colombe, che lo riscaldarono finché da lì nacque Venere, che successivamente fu chiamata Dea Siria. Ella superò tutti gli altri Dèi in equità e rettitudine, al punto che per sua scelta i pesci furono trasferiti fra le costellazioni: ecco perché i Siriani considerano divini sia i pesci che le colombe ed evitano di mangiarli.

 

Niso

 

Sembra che il re di Megara, Niso, figlio di Marte (o secondo altri di Dione), avesse sul capo un capello d’oro; gli era stato predetto che avrebbe regnato finché avesse conservato quel capello. Quando Minosse, figlio di Giove, venne ad assediarlo, Venere fece sì che Scilla, figlia di Niso, s’innamorasse di lui; e per farlo vincere tagliò il capello fatale al padre mentre stava dormendo. E così Niso fu sconfitto da Minosse. Quando Minosse tornò a Creta, Scilla gli chiese di portarla con lui, secondo i patti che avevano stabilito. Ma egli non volle che Creta, isola sacra, accogliesse un così enorme delitto, ed ella si precipitò in mare per sfuggire al castigo, mentre Niso che la stava inseguendo fu trasformato nell’uccello aliaeitos, vale adire in aquila marina, e Scilla nel pesce che chiamano keiris: e ancora oggi quando l’aquila marina vede quel pesce in mare, si tuffa nell’acqua, lo afferra e lo dilania con gli artigli.

 

L’altra Scilla

 

Raccontano che Scilla, figlia del fiume Crateide, fosse una fanciulla bellissima. Di lei si innamorò Glauco, che a sua volta era amato da Circe, figlia di Sole. Scilla aveva l’abitudine di lavarsi in mare; e Circe, gelosa, avvelenò l’acqua con i suoi filtri. Quando Scilla s’immerse, dai suoi inguini spuntarono dei cani e divenne un mostro selvaggio. Ella poi si prese la rivincita delle offese patite: infatti divorò i compagni di Ulisse che le sfilava vicino sulla nave.

 

Chione

 

Si racconta che nella medesima notte Apollo e Mercurio giacquero con Chione (secondo altri poeti, Filonide), che era figlia di Dedalione. Essa da Apollo partorì Filammone, da Mercurio Autolico. In seguito Chione, mentre stava cacciando, si espresse in modo arrogante verso Diana e per questo la Dea la trafisse con le sue frecce. Il padre Dedalione, disperato per la morte dell’unica figlia, fu trasformato da Apollo nell’uccello dedalione, vale a dire lo sparviero.

 

Autolico

 

Mercurio concesse ad Autolico, che aveva generato da Chione, il dono di essere il ladro più abile e di non venire mai sorpreso in flagrante; gli concesse anche di mascherare nella forma che desiderava qualsiasi cosa avesse rubato, facendola diventare nera da bianca o bianca da nera, con le coma se non le aveva o senza corna se le aveva. Egli aveva l’abitudine di razziare il bestiame di Sisifo, senza che questi riuscisse a sorprenderlo; ma Sisifo si accorse di essere derubato perché le greggi di Autolico crescevano di numero e le sue diminuivano. Allora, per poterlo smascherare, incise un segno sotto lo zoccolo delle pecore. Autolico lo derubò nel solito modo, ma Sisifo si recò da lui e dopo avere identificato dal segno sotto gli zoccoli le pecore che l’altro gli aveva sottratto se le riprese. Mentre si trovava presso di lui, Sisifo sedusse Anticlea, figlia di Autolico, che poi fu data in sposa a Laerte. Da lei nacque Ulisse: e questo è il motivo per cui alcuni scrittori affermano che costui era figlio di Sisifo. Ecco la ragione per cui Ulisse fu astuto.

 

Coronide

 

Dopo che Apollo ebbe resa gravida Coronide, figlia di Flegia, la diede in custodia a un corvo perché nessuno le facesse violenza. Ma Ischi, figlio di Elato, giacque con lei, e per questo venne fulminato da Giove. Apollo percosse la gravida Coronide sino a ucciderla; incise il suo utero e ne estrasse Esculapio, che educò. Quanto al corvo che la custodiva, lo rese nero da bianco che era.

 

Dafne

 

Apollo stava inseguendo la fanciulla Dafne, figlia del fiume Peneo; ella chiese soccorso a Tello che la accolse in se e la trasformò nell’albero dell’alloro, dal quale allora Apollo strappò un ramo e se ne coronò il capo.

 

Nittimene

 

Si racconta che Nittimene, figlia di Epopeo, re di Lesbo, fosse una ragazza bellissima. Il padre Epopeo, che se n’era innamorato, si unì a lei; ed essa, piena di vergogna, si nascondeva nei boschi. Minerva, impietosita, la trasformò in civetta, che per la vergogna evita la luce e si mostra solo di notte.

 

Arge

 

Si racconta che la cacciatrice Arge, mentre stava in seguendo un cervo, gli gridò: «Corri pure veloce come Sole, io ti raggiungerò comunque!» E Sole, adirato, la mutò in cerva.

 

Arpalice

 

Il re d’Arcadia Climeno, figlio di Scheneo, s’innamorò di sua figlia Arpalice e giacque con lei. Dopo avere partorito, ella imbandì al padre il figlio durante un banchetto, e Climeno, quando lo venne a sapere la uccise.

 

Archelao

 

Archelao, figlio di Temeno, fu esiliato dai fratelli e giunse in Macedonia presso il re Cisseo. Costui era assalito dai popoli confinanti; perciò promise ad Archelao il regno e la mano della figlia se l’avesse difeso, dal momento che Archelao discendeva da Ercole (infatti Temeno era figlio di Ercole). Egli sconfisse i nemici in una sola battaglia e chiese al re di mantenere la promessa; ma questi, dissuaso dagli amici, mancò alla parola e progettò di ucciderlo. Così, fece scavare una fossa, vi fece porre molto carbone, diede fuoco e vi fece gettare sopra una copertura di fronde perche Archelao, venendo, vi cadesse dentro. Ma un servo del re rivelò l’insidia ad Archelao, il quale, quando lo seppe, disse di voler conferire con il re in segreto. Allontanati i testimoni, Archelao afferrò il re, lo scagliò nella fossa, e così lo uccise. Poi, seguendo l’oracolo di Apollo, fuggì in Macedonia, guidato da una capra, e dal nome della capra fondò la città di Ege. Alessandro il Grande, dicono, è un suo discendente.

 

Cura

 

Cura, nell’attraversare un fiume, vide del fango argilloso, lo raccolse pensosa e cominciò a modellare un uomo; mentre stava osservando ciò che aveva fatto, arrivò Giove. Cura gli chiese di dar vita alla statua e Giove la esaudì senza difficoltà; ma quando Cura volle dargli il proprio nome, Giove glielo proibì e disse che doveva dargli il suo. Mentre Giove e Cura discutevano sul nome, intervenne anche Tello, dicendo che la creatura doveva avere il suo nome, poiché era stata lei a dargli il corpo. Elessero a giudice Saturno, che a quanto pare diede un parere equo: «Tu, Giove, perche gli hai donato la vita …… ne riceverai il corpo! Cura, poiche per prima lo ha modellato, lo possegga finche vive; ma visto che è sorta una controversia a proposito del nome da dargli, lo si chiami uomo, poi che è fatto di humus

 

I sette sapienti

 

Pittaco di Mitilene, Periandro di Corinto, Talete di Mileto, Solone di Atene, Chilone di Sparta, Cleobulo di Lindo, Biante di Priene. Le loro sentenze sono queste: Ottima è la misura, dice: Cleobulo, l’abitante di Lindo; tu, o Periandro Efireo, insegni: tutto va ponderato; conosci il tempo, disse Pittaco, nativo di Mitilene; molte son le sciagure, afferma quel Biante di Priene; Taleto di Mileto prevede danni per chi prende moglie; conosci te stesso, disse Chilone nativo di Sparta; e Solone il Cecropide disse: niente di troppo.

 

……

 

Le sette meraviglie

 

Il tempio di Diana a Efeso, costruito dall’amazzone Otrera, moglie di Marte. Il monumento del re Mausolo, in blocchi di marmo, alto ottanta piedi e con un perimetro di milletrecentoquaranta. La statua bronzea di Sole a Rodi, ossia il colosso, alto novanta piedi. La statua di Giove a Olimpia, fatta da Fidia in avorio e oro, seduta, di sessanta piedi. La reggia di Ciro a Ecbatana, costruita da Memnone in pietre bianche e screziate tenute insieme con oro. Le mura di Babilonia costruite da Semiramide, figlia di Derceto, in mattoni cotti e bitume con strutture di ferro, larghe venticinque piedi, alte sessanta, con una circonferenza di trecento stadi. Le piramidi in Egitto, di cui non si vede l’ombra, alte sessanta piedi.

 

I mortali che furono resi immortali

 

Ercole, figlio di Giove e di Alcmena; Libero, figlio di Giove e di Semele; Castore e Polluce, fratelli di Elena, figli di Giove e di Leda. Perseo, figlio di Giove e di Danae, che divenne una costellazione; Arcade, figlio di Giove e Callisto, anch’egli assunto tra le stelle; Arianna, che Libero chiamò Libera, figlia di Minosse e di Pasifae; Callisto, figlia di Licaone, che fu messa nell’Orsa Maggiore; Cinosura, nutrice di Giove, che fu posta nell’altra Orsa; Esculapio, figlio di Apollo e di Coronide; Fauno, figlio di Mercurio e di Penelope; Croto, figlio di Fauno e di Eufeme, fratello di latte delle Muse, entrò nella costellazione del Sagittario; Icario ed Erigone, sua figlia, furono pure accolti fra le stelle – l’uno nella costellazione di Arturo e l’altra in quella della Vergine; Ganimede, figlio di Assaraco, entrò nell’Acquario, tra i dodici segni; Ino, figlia di Cadmo, nella costellazione di Leucotea, che noi chiamiamo Madre Matuta; Melicerte, figlio di Atamante, fu trasformato nel Dio Palemone; e Mirtilo, figlio di Mercurio e Teobule, divenne la costellazione dell’Auriga.

 

I primi fondatori di templi agli Dèi

 

Pelasgo, figlio di Triopa, costruì per primo un tempio a Giove Olimpio in Arcadia. Tessalo costruì il tempio a Giove Dodoneo che si trova in Macedonia, nella terra dei Molossi. Eleutero per primo innalzò una statua al padre Libero e mostrò in che modo bisognava venerarlo. Foroneo, figlio di Inaco, costruì per primo il tempio di Giunone ad Argo. L’amazzone Otrera, sposa di Marte, costruì il primo tempio a Diana in Efeso, che successivamente dal re …… restaurarono. Licaone, figlio di Pelasgo, costruì in Arcadia il tempio a Mercurio Cillenio. Pierio ……

 

Coloro che uccisero le proprie figlie

 

Agamennone, figlio di Atreo, mandò a morte Ifigenia, che fu salvata da Diana. Lo stesso fece Callistene, figlio di Eubea, che uccise sua figlia, scelta attraverso sorteggio, per la salvezza della patria. Climeno, figlio di Scheneo, uccise Arpalice, perche gli aveva dato in pasto suo figlio in un banchetto. Lo spartano Giacinto uccise sua figlia Anteide seguendo un oracolo, per la salvezza degli Ateniesi. Eretteo, figlio di Pandione, uccise Ctonia per lo stesso motivo; le sorelle della vittima si suicidarono. Cercione, figlio di Vulcano, uccise Alope, a causa dell’incesto con Nettuno. Eolo uccise Canace perche aveva commesso incesto con il fratello Macareo, come lei stessa aveva confessato.

 

Madri che uccisero i figli

 

Medea, figlia di Eete, uccise i figli Mermero e Fere, avuti da Giasone. Procne, figlia di Pandione, uccise Iti, che aveva avuto da Tereo, figlio di Marte. Ino, figlia di Cadmo, uccise il figlio Melicerte avuto da Atamante, figlio di Eolo, mentre fuggiva dal marito. Altea, figlia di Testio, uccise il figlio Meleagro, avuto da Eneo, figlio di Portaone, perche questi aveva ucciso i suoi zii. Temisto, figlia di Ipseo, uccise i figli Sfincio e Orcomeno, avuti da Atamante, figlio di Eolo, su istigazione di Ino, figlia di Cadmo. Tiro, figlia di Salmoneo, uccise i due figli che aveva avuto da Sisifo, figlio di Eolo, per obbedire all’oracolo di Apollo. Agave, figlia di Cadmo, uccise Penteo, figlio di Echione, su istigazione del padre Libero. Arpalice, figlia di Climeno, a causa dell’empietà del padre che l’aveva costretta a giacere con lui, uccise il figlio che aveva così concepito.

 

Mogli che uccisero i mariti

 

Clitennestra, figlia di Testio, uccise Agamennone, figlio di Atreo. Elena, figlia di Giove e di Leda, uccise Deifobo, figlio di Priamo. Agave uccise Licoterse in Illiria, per darne il regno al padre Cadmo. Deianira, figlia di Eneo, uccise Ercole, figlio di Giove e Alcmena, su istigazione di Nesso. Iliona, figlia di Priamo, uccise Polimestore, re dei Traci. Semiramide uccise il re Nino a Babilonia.

 

Mariti che uccisero le mogli

 

Ercole, figlio di Giove, uccise Megara, figlia di Creonte, in preda alla follia. Teseo, figlio di Egeo, uccise l’amazzone Antiope, figlia di Marte, per ordine dell’oracolo di Apollo. Cefalo, figlio di Deione o di Mercurio, uccise involontariamente Procri, figlia Pandione.

 

I suicidi

 

Egeo, figlio di Nettuno, si gettò nel mare, che da lui prese nome. Eveno, figlio di Ercole, si precipitò ru fiume Licorma, che ora viene detto Crisorroa. Aiace, figlio di Telamone, si suicidò in seguito al giudizi delle armi. Licurgo, figlio di Driante, a cui Libei aveva infuso la follia, si suicidò. Macareo, figlio Eolo, si uccise per Canace, sua sorella, che era anch sua sposa. Agrio, figlio di Portaone, si uccise dopo essere stato cacciato dal regno da Diomede. Ceneo, figlio di Elato, si suicidò. Meneceo, padre di Giocasta, si gettò dalle mura di Tebe per sanare un’epidemia. Niso, figlio di Marte, si suicidò dopo avere perduto il capello fatato. Climeno, figlio di Scheneo, di Arcadia, si uccise per essersi unito con sua figlia. Cinira, figlio di Pafo, re degli Assiri, si uccise per la sua relazione incestuosa con la figlia Smima. Ercole, figlio di Giove, salì volontariamente sul rogo. Adrasto e suo figlio Ipponoo si gettarono tra le fiamme in seguito a un responso di Apollo. Piramo a Babilononia si uccise per amore di Tisbe. Edipo, figlio di Laio, strappò gli occhi e si uccise a causa della madre Giocasta.

 

Le suicide

 

Ecuba, figlia di Cisseo o di Dimante, moglie di Priamo, si gettò in mare; e dato che fu trasformata in un cane, quel mare venne chiamato Cineo. Ino, figlia di Cadmo, si buttò in mare insieme al figlio Melicerte. Anticlea, figlia di Autolico e madre di Ulisse, si uccise dopo aver udito una notizia falsa riguardante Ulisse. Stenebea, figlia di Iobate e moglie di Preto, si uccise per amore di Bellerofonte; Evadne, figlia di Filaco, si gettò sulla pira del marito Capaneo, che era morto a Tebe. Etra, figlia di Pitteo, si uccise a causa della morte dei suoi figli, e Deianira, figlia di Eneo, a causa di Ercole, poiche, ingannata da Nesso, gli aveva mandato la veste in cui era arso vivo. Laodamia, figlia di Acasto, si diede la morte per il rimpianto struggente nei confronti del marito Protesilao. Ippodamia, figlia di Enomao e moglie di Pelope, invece si suicidò perche Crisippo era stato ucciso dietro sua esortazione. Neera, figlia di Autolico, si uccise a causa della morte del figlio Ippotoo. Alcesti, figlia di Pelia, diede la vita in cambio di quella del marito Admeto. Iliona, figlia di Priamo, si uccise per le disgrazie capitate ai suoi genitori, e Temisto, figlia di Ipseo, per avere ucciso i suoi figli su istigazione di Ino. Erigone, figlia di Icario, si impiccò a causa della morte del padre; Fedra, figlia di Minosse, si impiccò per amore del figliastro Ippolito; Fillide si diede la morte nello stesso modo a causa di Demofonte, figlio di Teseo. Canace, figlia di Eolo, si uccise per amore del fratello Macareo; parimenti Bibli, figlia di Mileto, si uccise per amore del fratello Cauno. Calipso, figlia di Atlante, si suicidò per amore di Ulisse, e Didone, figlia di Belo, per amore di Enea. Giocasta, figlia di Meneceo, si uccise a causa della morte dei suoi figli e dell’empietà commessa. Antigone, figlia di Edipo, si uccise per la sepoltura di Polinice; Pelopia, figlia di Tieste, si suicidò a causa dell’atto scellerato commesso dal padre. Tisbe di Babilonia si uccise perché Piramo a sua volta si era suicidato. Semiramide, a Babilonia, si gettò sulla pira dopo aver perduto il suo cavallo.

 

Coloro che uccisero dei parenti

 

Teseo, figlio di Egeo, uccise Pallante, figlio di suo fratello Neleo. Anfitrione uccise Elettrione, figlio di Perseo. Meleagro, figlio di Eneo, uccise i suoi zii Plessippo e Agenore a causa di Atalanta, figlia di Scheneo. Telefo, figlio di Ercole, uccise Ippotoo e Cefea, figli di sua nonna Neera. Egisto uccise Atreo e Agamennone, figlio di Atreo. Oreste uccise Egisto, figlio di Tieste. Megapente, figlio di Preto, uccise Perseo, figlio di Giove e di Danae, a motivo della morte del padre. Abante, a causa di suo padre Linceo, uccise Megapente. Fegeo, figlio di Alfeo, uccise la figlia di sua figlia Alfesibea. Anfione, figlio di Tereo, uccise i figli di suo nonno, Atreo, figlio di Pelope, servì in un banchetto a Tieste i figli bambini dello stesso Tieste, Tantalo e Plistene. Illo, figlio di Ercole, uccise Stenelo, fratello del suo bisnonno Elettrione. Medo, figlio di Egeo, uccise Perse, fratello di Eete e figlio di Sole. Dedalo, figlio di Eupalamo, uccise Perdice, figlio di sua sorella, perché era invidioso della sua abilità.

 

Gli assassini di generi e suoceri

 

Giasone, figlio di Esone ……, Flegione. Pelope, figlio di Tantalo, uccise Enomao, figlio di Marte. Ecco coloro che uccisero i propri generi: Fegeo, figlio di Alfeo, uccise Alcmeone, figlio di Anfiarao; lo stesso uccise anche Euripilo; Eete, figlio di Sole, uccise Frisso, figlio di Atamante.

 

Coloro che mangiarono in un banchetto le carni dei propri figli

 

Tereo, figlio di Marte, divorò Iti, avuto da Procne. Tieste, figlio di Pelope, mangiò i figli avuti da Erope: Tantalo e Plistene. Climeno, figlio di Scheneo, mangiò il figlio che aveva avuto da sua figlia Arpalice.

 

Coloro che furono dilaniati dai loro cani

 

Atteone, figlio di Aristeo. Tasio, figlio di Anio, sacerdote di Apollo, a Delo; per questo motivo a Delo non ci sono cani. Il tragediografo Euripide fu dilaniato in un tempio.

 

Gli uomini uccisi da un cinghiale

 

Adone, figlio di Cinira. Anceo, figlio di Licurgo, ucciso dal cinghiale Calidonio. Idmone, figlio di Apollo, che durante la spedizione degli Argonauti era andato a cercare fieno nel regno di Lico. Iante, figlio di Atlante e Pleione, fu ucciso da un cinghiale oppure da un leone.

 

Le fiaccole scellerate

 

La fiaccola che apparve in sogno a Ecuba, figlia di Cisseo oppure Dimante. I fuochi che Nauplio accese alle rupi Cafaree, quando gli Achei naufragarono. La fiaccola che Elena fece brillare dalle mura quando tradì Troia. Il tizzone di Altea, che uccise Meleagro.

 

Quadrighe che distrussero i loro guidatori

 

Distrussero Fetonte, figlio di Sole e di Climene; Laomedonte, figlio di Ilio e di Leucippe; Enomao, figlio di Marte e di Asteria, figlia di Atlante; Diomede, figlio di Marte e della stessa; Ippolito, figlio di Teseo e dell’amazzone Antiope; Anfiarao, figlio di Ecle e di Ipermestra, figlia di Testio. Glauco, figlio di Sisifo, fu divorato dalle sue stesse cavalle ai giochi funebri in onore di Pelia. Anche Iasione, il figlio che Giove aveva avuto da Elettra, figlia di Atlante, fu ucciso dai suoi cavalli. Salmoneo, che, seduto nella sua quadriga, imitava i fulmini, fu colpito da un fulmine insieme alla quadriga.

 

Coloro che, per licenza delle Parche, tornarono dagl’Inferi

 

Cerere, cercando Proserpina, sua figlia. Il padre Libero scese a cercare la madre sua Semele, figlia di Cadmo. Ercole, figlio di Giove, andò nell’Ade a prendere il cane Cerbero. Ci andò anche Esculapio, figlio di Apollo e Coronide. Castore e Polluce, figli di Giove e di Leda, ritornano alternandosi nella morte. Protesilao, figlio di Ificlo, tornò per Laodamia, figlia di Acasto; Alcesti, figlia di Pelia, per il marito Admeto; Teseo, figlio di Egeo, per Piritoo. Ippolito,figlio di Teseo, ci andò per desiderio di Diana e venne in seguito chiamato Virbio. Orfeo, figlio di Eagro, discese agli Inferi per cercare la moglie Euridice. Adone, figlio di Cinira e Smirna, ci andò per volere di Venere. Glauco, figlio di Minosse, fu riportato alla vita da Poliido, figlio di Cerano. Ulisse, figlio di Laerte, discese all’Ade per ritornare in patria; Enea, figlio di Anchise, per il padre. Mercurio, figlio di Maia, è un visitatore costante degli Inferi.

 

Coloro che furono allattati da animali

 

Telefo, figlio di Ercole e Auge, fu allattato da una cerva. Egisto, figlio di Tieste e Pelopia, da una capra. Eolo e Beoto, figli di Nettuno e Menalippe, da una vacca. Ippotoo, figlio di Nettuno e Alope, da una giumenta. Romolo e Remo, figli di Marte e Ilia, da una lupa. Antiloco, figlio di Nestore, esposto sul monte Ida, fu allattato da una cagna. Arpalice, figlia di Arpalico, re degli Amimnei, da una vacca e da una giumenta. Camilla, figlia di Metabo, re dei VoIsci, da una giumenta.

 

Le donne incestuose

 

Giocasta giacque col figlio Edipo. Pelopia col padre Tieste. Arpalice col padre Climeno. Ippodamia col padre Enomao. Procri col padre Eretteo, da cui nacque Aglauro. Nittimene col padre Epopeo, re di Lesbo. Menefrone in Arcadia con la figlia Cillene e la madre Bliade.

 

Gli uomini e le donne piissimi

 

Antigone, figlia di Edipo, seppellì il fratello Polinice. Elettra, figlia di Agamennone, fu soccorrevole verso il fratello Oreste; Iliona, figlia di Priamo, verso il fratello Polidoro e i genitori. Pelopia, figlia di Tieste, fu rispettosa verso il padre, del quale trasse vendetta; Ipsipile verso il padre Toante, a cui salvò la vita. Calciope, figlia di Eete, non abbandonò il padre dopo che questi aveva perduto il regno. Arpalice, figlia di Arpalico, salvò il padre in guerra e mise in fuga i nemici. Erigone, figlia di Icario, si impiccò dopo la morte del padre. Agave, figlia di Cadmo, in Illiria uccise il re Licoterse e diede il regno al padre. Santippe tenne in vita col proprio latte il padre Micone mentre era recluso in un carcere. Tiro, figlia di Salmoneo, uccise i propri figli a vantaggio di suo padre. Quando in Sicilia avvenne un’ eruzione dell’Etna, Damone sottrasse sua madre alla lava, e così fece Finzia col proprio padre. A Troia, Enea sottrasse all’incendio il padre Anchise, portandolo sulle spalle, e il figlio Ascanio. Cleobe e Bitia erano figli di Cidippe, sacerdotessa di Giunone Argiva; ella aveva mandato i buoi al pascolo ed essi, poiche erano morti, non erano tornati in tempo per il momento in cui bisognava iniziare la processione che conduceva al tempio di Giunone sull’acropoli. Se la processione non fosse avvenuta nel momento esatto, la sacerdotessa sarebbe stata messa a morte; in mezzo all’angoscia, Cleobe e Bitia si sottoposero al giogo in luogo dei buoi e condussero la madre Cidippe e gli arredi sacri sul carro sino al tempio. Dopo avere compiuto il sacrificio, Cidippe supplicò Giunone, in cambio dei riti che aveva compiuto santamente e della pietà dei propri figli verso di lei, che ai propri figli toccasse il bene maggiore che poteva capitare a un uomo. Dopo questa preghiera, i figli ricondussero a casa la madre e il carro e stanchi si abbandonarono al sonno. Il giorno dopo, furono trovati morti. Allora Cidippe comprese bene che per i mortali nulla è meglio della morte e perciò si suicidò.

 

Le donne empie

 

Scilla, figlia di Niso, uccise il padre. Arianna, figlia di Minosse, tradì il padre. Medea uccise il fratello e i figli. Procne, figlia di Pandione, uccise il figlio. Le Danaidi uccisero i mariti, che erano cugini paterni. Le donne dell’isola di Lemno uccisero i padri e i figli. Arpalice, figlia di Climeno, uccise il figlio che aveva partorito dopo essersi unita al proprio padre. Tra i Romani, Tullia fece passare il carro sul cadavere del padre, avvenimento per cui quel luogo fu detto «strada scellerata».

 

Le donne castissime

 

Penelope, figlia di Icario, moglie di Ulisse. Evadne, figlia di Filaco, moglie di Capaneo. Laodamia, figlia di Acasto, moglie di Protesilao. Ecuba, figlia di Cisseo, moglie di Priamo. Teonoe, figlia di Testore, …… Alcesti, figlia di Pelia, moglie di Admeto. Tra i Romani, Lucrezia, figlia di Lucrezio, moglie di Collatino.

 

Le coppie di amici più fedeli

 

Pilade, figlio di Strofio, e Oreste, figlio di Agamennone. Piritoo, figlio di Issione, e Teseo, figlio di Egeo. Achille, figlio di Peleo, e Patroclo, figlio di Menezio. Diomede, figlio di Tideo, e Stenelo, figlio di Capaneo. Peleo, figlio di Eaco, e Fenice, figlio di Amintore. Ercole, figlio di Giove, e Filottete, figlio di Peante. Armodio e Aristogitone, uniti da amore fraterno. In Sicilia c’era un tiranno crudelissimo, Dionisio, che metteva i suoi concittadini a morte dopo averli torturati. Mero decise di uccidere il tiranno, ma le guardie lo sorpresero con le armi in pugno e lo portarono al cospetto del re; qui Mero fu interrogato e ammise che voleva uccidere il re, il quale ordinò che fosse crocifisso. Mero chiese allora che gli fosse concesso un rinvio di tre giorni, per poter maritare sua sorella, dicendo che avrebbe dato in pegno al tiranno il suo amico e compagno Selinunto per garantirgli che il terzo giorno sarebbe ritornato. Il re concesse a Mero il rinvio che chiedeva, ma disse a Selinunto che se Mero non fosse tornato nel giorno stabilito, sarebbe stato lui a subire la stessa pena, mentre Mero sarebbe stato graziato. Mero, dopo aver sistemato la sorella, stava ritornando, quando improvvisamente un acquazzone ingrossò talmente le acque del fiume da rendere impossibile la traversata, sia a guado che a nuoto. Mero si sedette sulla sponda e pianse, temendo che l’amico dovesse morire al posto suo. Quel Falaride, intanto, ordinò che Selinunto venisse crocifisso, poiche era già l’ora sesta del terzo giorno e Mero non si vedeva; ma Selinunto replicò che il giorno non era ancora trascorso del tutto. Quando arrivò l’ora nona, il re ordinò di condurre Selinunto alla croce. Ma, mentre lo stavano portando via, Mero, che finalmente e a fatica era riuscito ad attraversare il fiume, corse dietro al carnefice gridando da lontano: «Ferma, carnefice, eccomi! Sono quello di cui si era fatto garante!» La cosa venne riferita al re, che li fece condurre entrambi al suo cospetto, concesse la vita a Mero e li pregò di diventare suoi amici. Armodio e Aristogitone. Sempre in Sicilia, quando Armodio volle uccidere lo stesso Falaride, uccise una scrofa con i piccoli, per dare corpo alla sua simulazione, e andò dall’amico suo Aristogitone con laspada insanguinata, dicendo che aveva ucciso la madre e pregandolo di nasconderlo. Quando Aristogitone l’ebbe nascosto, Armodio gli chiese di uscire e di venire poi a riferirgli se circolassero voci a proposito della madre. Aristogitone gli riferì che non correva nessuna voce; i due andarono avanti a discutere fino a sera, per sapere chi era meglio disposto verso l’altro, e Aristogitone non volle rimproverare Armodio per l’assassinio della madre. Alla fine Armodio rivelò all’amico di aver ucciso una scrofa che aveva i piccoli e di averla chiamata madre; poi gli disse che aveva intenzione di uccidere il re e gli chiese di essere suo complice. Ma, mentre stavano andando a uccidere il re, vennero catturati con le armi in pugno dalle guardie; e mentre venivano condotti al cospetto del tiranno, Aristogitone riuscì a liberarsi e a fuggire e il solo Armodio fu portato davanti al re. Quando gli chiesero chi fosse il suo compagno, per non tradire l’amico si mozzò la lingua con i denti e la sputò in faccia al re. Niso e il suo Eurialo, per il quale morì.

 

Atreo e Tieste

 

I fratelli Atreo e Tieste, non potendo nuocersi fintantoché erano in disaccordo, finsero di rappacificarsi; in quell’occasione Tieste giacque con la moglie del fratello. Ma Atreo gli servì in pasto il figlio durante un banchetto; e Sole, per non essere contaminato da quello spettacolo orrendo, fuggì. Ma di vero c’è questo: Atreo, a Micene, fu il primo a scoprire l’eclissi di Sole e il fratello, invidioso, se ne andò dalla città.

 

Linco

 

Linco, re della Sicilia, aveva dato ospitalità a Trittolemo, che era stato mandato da Cerere a far conoscere il grano agli uomini, ma pensò di ucciderlo, per accaparrarsi tutta la gloria di quella grande scoperta. Per questo motivo Cerere, adirata, lo trasformò in una lince variopinta, dato che anche lui era stato di mente variegata.

 

Erice

 

Erice nacque da Venere e Bute; morì per mano di Ercole e diede nome al monte in cui fu sepolto, nel quale Enea fondò il tempio di Venere. Si dice che Anchise fu sepolto a sua volta in questo monte, anche se secondo Catone arrivò sino in Italia.

 

Agamennone che uccise senza saperlo la cerva di Diana

 

Quando i Danai arrivarono in Aulide dalla Grecia, Agamennone uccise senza saperlo la cerva di Diana; allora la Dea, adirata, fece cadere ogni alito di vento, per cui essi non potevano salpare. Inoltre furono colpiti da un’epidemia; consultarono perciò l’oracolo, il quale rispose che Agamennone doveva placare col sangue l’ira di Diana. E dunque Ifigenia venne condotta in Aulide da Ulisse con il pretesto delle nozze, per esservi invece sacrificata; ma la dea ne ebbe pietà e la sottrasse alla morte, sostituendo una cerva alla fanciulla, che fu trasportata in Tauride, alla città del re Toante, dove diventò sacerdotessa di Diana Dittinna. Mentre stava per placare la divinità con sangue umano, secondo l’usanza stabilita, riconobbe il fratello Oreste, diretto verso la Colchide assieme all’amico Pilade, dopo aver consultato l’oracolo per far cessare la persecuzione delle Furie. Dopo aver ucciso con loro Toante, presero la statua e la trasportarono ad Ariccia nascosta in una fascina di legna (motivo per cui è detta anche fascelis, non soltanto per la fiaccola con la quale è rappresentata, per cui è detta anche lucifera, cioè portatrice di luce). Ma poiche in seguito la crudeltà dei sacrifici divenne sgradita ai Romani, benché si immolassero degli schiavi, Diana fu trasportata a Sparta, dove si manteneva l’usanza del sacrificio, mediante fustigazione, di adolescenti che chiamavano Bomoniche, perche facevano a gara, sull’altare, a sopportare il maggior numero di frustate possibile. Le ossa di Oreste furono portate da Ariccia a Roma e sepolte davanti al tempio di Saturno, che è situato di fronte al colle del Campidoglio, accanto al tempio di Concordia.

 

……

 

I più famosi

 

…… figlio di Giove e di Europa. Un altro Cicno, figlio di Marte, che fu ucciso dallo stesso Ercole.

 

I più belli

 

Iasione, figlio di Corito, che si dice sia stato amato da Cerere, come confermano le antiche storie. Cinira, figlio di Pafo, re degli Assiri, Anchise, figlio di Assaraco, che fu amato da Venere. Paride Alessandro, figlio di Priamo e di Ecuba, che Elena seguì a Troia. Nireo, figlio di Caropo. Cefalo, figlio di Pandione, che fu amato da Aurora; Titono, figlio di Laomedonte, sposo di Aurora. Partenopeo, figlio di Meleagro e Atalanta. Achille, figlio di Peleo e Teti. Patroclo, figlio di Menezio. Idomeneo, che amò Elena. Teseo, figlio di Egeo e di Etra, che fu amato da Arianna.

 

Gli efebi più belli

 

Adone, figlio di Smirna e Cinira, che fu amato da Venere. Endimione, figlio di Etolo, che fu amato da Luna. Ganimede, figlio di Erittonio, che fu amato da Giove. Giacinto, figlio di Ebalo, amato da Apollo. Narciso, figlio del fiume Cefiso, che amò se stesso. Adantio, figlio di Mercurio e Venere, che è chiamato Ermafrodito. Ila, figlio di Teodamante, amato da Ercole. Crisippo, figlio di Pelope, che Teseo rapì durante i giochi.

 

……

 

Coloro che celebrarono i giochi fino ad Enea, il quindicesimo

 

…… cinque: i giochi che Danao, figlio di Belo, organizzò ad Argo per le nozze delle figlie, con gare di canto, da cui viene l’imeneo. Sei: quelli che Linceo, figlio di Egitto, fece – ancora ad Argo – in onore di Giunone Argiva, che chiamano aspis en Arghei («lo scudo ad Argo»). Chi vince in questi giochi riceve uno scudo in luogo della corona, perche quando Abante, figlio di Linceo e di Ipermestra, portò ai genitori la notizia che Danao era morto, Linceo prese dal tempio di Giunone Argiva lo scudo che Danao aveva portato in gioventù e poi aveva dedicato a Giunone, e lo regalò al figlio Abante. In questi giochi, chi vince una volta e scende nuovamente in gara …… a meno che non vinca ancora …… gareggi spesso. Sette: Perseo, figlio di Giove e di Danae, istituì ludi funebri in onore di Polidette, che lo aveva allevato, nell’isola di Serifo; durante questi giochi, colpì nel corso della lotta il nonno Acrisio e lo uccise, sicché per volere degli Dèi avvenne ciò che egli di sua volontà non avrebbe mai fatto. Otto: Ercole istituì gare atletiche a Olimpia per Pelope, figlio di Tantalo, nelle quali gareggiò lui stesso con Acareo nel pammachio, che noi chiamiamo pancrazio. Nove: i giochi che si svolsero a Nemea per Archemoro, figlio di Lico ed Euridice, istituitì dai sette principi che andarono all’assalto di Tebe; nel corso di questi giochi, successivamente, Euneo e Deipilo, figli di Giasone e di Ipsipile, vinsero la corsa. Fu sempre durante questi giochi che il pitauleta fece cantare sette attori con la sola voce, per cui in seguito venne chiamato corauleta. Dieci: i giochi Istmici, che – dicono -furono istituiti da Eratocle in onore di Melicerte, figlio di Atamante e Ino; secondo altri poeti, furono invece istituiti da Teseo. Undici: i giochi celebrati dagli Argonauti nella Propontide, con gare di salto, lotta e giavellotto, per il re Cizico e per suo figlio, che Giasone aveva ucciso di notte sulla spiaggia senza sapere chi fosse. Dodici: i giochi istituiti per gli Argivi da Acasto, figlio di Pelia, nel corso dei quali Zete, figlio di Aquilone, vinse la lunga corsa e Calaide, suo fratello, il doppio giro dello stadio; Castore, figlio di Giove, vinse la corsa dello stadio, e suo fratello Polluce quella del cesto; Telamone, figlio di Eaco, vinse la gara del disco, e suo fratello Peleo vinse nella lotta; Ercole, figlio di Giove, vinse nel pammachio, Meleagro, figlio di Eneo, nella gara di giavellotto; Cicno, figlio di Marte, uccise a duello Pilo, figlio di Diodoto, e Bellerofonte vinse nella corsa co i cavalli; nella corsa con le quadrighe, invece, Iolao, figlio di lficlo, batté Glauco, figlio di Sisifo, che fu d laniato a morsi dai suoi cavalli; Eurito, figlio di Mercurio, vinse la gara delle frecce, Cefalo, figlio di Deicne, quella della fionda; Olimpo, discepolo di Marsi: vinse la gara di flauto, Orfeo, figlio di Eagro, quella della cetra, Lino, figlio di Apollo, quella di canto, e Eumolpo, figlio di Nettuno, vinse la gara di canto al compagnato dal flauto, suonato da Olimpo. Tredici: Priamo innalzò a Ilio un cenotafio in onore di Paride, il figlio che aveva ordinato di uccidere, e per l’occasione si svolsero delle gare ginniche, a cui parteciparono, per la corsa, Nestore, figlio di Neleo, Eleno Deifobo e Polite, figli di Priamo, Telefo, figlio di Ercole, Cicno, figlio di Nettuno, Sarpedonte, figlio di Giove, Paride Alessandro, pastore, figlio di Priamo anche se non lo sapeva. Comunque, Paride vinse e scoprì che era figlio di Priamo. Quattordici: Achille organizzò giochi funebri in onore di Patroclo, nel corso dei quali Aiace vinse nella lotta e ricevette i premio un lebete d’ oro; poi Menelao vinse la gara di giavellotto e ricevette in premio un giavellotto d’oro. Al termine dei giochi, Achille gettò sul rogo Patroclo dodici prigionieri frigi, il cavallo del morto e il suo cane. Quindici: Enea, figlio di Venere e Anchise, organizzò dei giochi in Sicilia, presso il suo ospite Aceste, figlio del fiume Criniso; con questi giochi celebra le esequie del padre, tributando gli onori dovuti, morti con gare e competizioni. La prima gara fu un gara di navi …… Mnesteo vi partecipò con la nave Pistride, Gia con la nave Chimera, Sergesto con la nave Centauro. Vinse però Cloanto, con la nave Scilla, e ricevette in premio un talento d’argento e una clamide d’oro con la figura di Ganimede in tessuta di porpora; Mnesteo ottenne una corazza, Gia si portò via bacili e coppe d’argento cesellate, Sergesto una schiava con due figli di nome Foloe. Alla seconda gara, una corsa a piedi, parteciparono Niso, Eurialo, Diore, Salio, Elimo, Panope; vinse Eurialo, e ricevette in premio un cavallo con splendidi finimenti; Elimo, che arrivò secondo, ebbe una faretra amazzone, mentre Diore, il terzo arrivato, ebbe un elmo argolico. A Salio Enea donò una pelle di leone e a Niso uno scudo, opera di Didimaone. Nella terza gara, si cimentarono con i cesti Darete ed Entello; Entello vinse e ricevette in premio un toro, mentre a Darete Enea diede una spada e un pugnale. Alla quarta gara, con le frecce, parteciparono Ippocoonte, Mnesteo, Aceste ed Eurizione, che ricevette in dono un elmo e per decisione del giudice, a causa di un presagio, cedette l’onore della vincita ad Aceste. Nella quinta gara si cimentarono i fanciulli, secondo l’uso troiano, guidati dal piccolo Ascanio.

 

Gli inventori e le loro invenzioni

 

L’uso di bere il vino miscelato con acqua fu istituito da un uomo di nome Ceraso in Etolia che miscelò il vino con il fiume Acheloo, per cui mescolare fu chiamato in greco kerasai. I nostri antenati tenevano sui montanti dei loro letti tricliniari teste d’asino avvolte in foglie di vite, per significare che era stato lui a scoprire la dolcezza del vino. D’altra parte il capro che aveva roso la vite fece sì che essa producesse un frutto più abbondante, e da questo fatto fu scoperta la potatura. Peletronio inventò i morsi e le selle per i cavalli. Belone fu la prima a scoprire l’ago, che in greco porta il suo nome. Cadmo, figlio di Agenore, fu il primo a produrre bronzo, a Tebe; Eaco, figlio di Giove, fu il primo a scoprire l’oro in Panchea, sul monte Taso. Il re Indo in Scizia scoprì l’argento, che Erittonio introdusse ad Atene. Le gare con le quadrighe furono istituite per la prima volta in Elide, città del Peloponneso. Il re Mida, figlio di Cibele, frigio, scoprì il piombo bianco e quello nero. Gli Arcadi furono i primi a sacrificare agli Dèi. Foroneo, figlio di Inaco, fu il primo a fabbricare armi per Giunone e per questo motivo fu il primo ad avere un regno. Il centauro Chirone, figlio di Saturno, fu l’inventore della medicina chirurgica, che praticava con l’uso delle erbe; Apollo fu il primo a praticare l’oculistica; per terzo Esculapio, figlio di Apollo, inventò la clinica. Gli antichi non avevano ostetriche, per cui le donne, per vergogna, morivano: infatti gli Ateniesi avevano vietato che schiavi e donne praticassero la medicina. Una ragazza di nome Agno, dice volle apprendere la medicina; presa da questo desiderio, si tagliò i capelli e in abito maschile divenne allieva di un certo Erofilo. Dopo avere appreso la medicina, quando sentiva che una donna era malata nelle regioni inferiori, si recava da lei; e quella, credendola un uomo, non voleva affidarsi a lei, così Agnodice si toglieva la veste e mostrava di essere una donna, e in questo modo la curava. Quando i medici scoprirono che loro non erano ammessi vicino alle donne, iniziarono ad accusare Agnodice dicendo che non aveva barba ed era un corruttore di donne, e che esse simulavano malattie. Quando i giudici dell’Areopago si riunirono, il loro verdetto iniziale fu di colpevolezza; allora Agnodice si sfilò la veste e mostrò di essere una donna. I medici tanto più insistettero con l’accusa; perciò una delegazione di donne autorevoli si presentarono ai giudici e dissero: «Voi non siete mariti, ma nemici, perche condannate chi ci ha guarito!» Allora gli Ateniesi cambiarono la legge e permisero che le donne libere imparassero la medicina. Perdice, figlio della sorella di Dedalo, inventò il compasso e la sega, traendole da una lisca di pesce. Dedalo, figlio di Eupalamo, fu il primo a fare simulacri degli Dèi. Oanne, che si dice sia sorto dal mare in Caldea, fondò l’interpretazione astrologica. I Lidi di Sardi usarono per primi la lana e successivamente l’ordito. Pan inventò il suono del flauto. Cerere scoprì per prima il frumento in Sicilia. Tirreno, figlio di Ercole, scoprì la tromba in questo modo: poiché i suoi compagni si cibavano di carne umana, gli abitanti di quella regione si erano allontanati per evitare questa crudeltà. Allora, quando uno di loro morì, forò una conchiglia e vi soffiò dentro a mo’ di tromba per convocare i contadini. Egli e i suoi compagni giurarono che avrebbero sepolto il morto e non lo avrebbero mangiato. Per questo il suono della tromba viene detto melodia tirrenia. Ancora oggi i Romani seguono il suo esempio, e quando qualcuno muore i flautisti suonano e gli amici vengono convocati per constatare che quello non è morto né di veleno né di spada. I primi suonatori di corno erano marinai. Gli Africani e gli Egizi furono i primi a guerreggiare, armati di bastoni; successivamente Belo, figlio di Nettuno, combatté con la spada, motivo per cui la guerra fu detta bellum.

 

I fondatori di città

 

Giove fondò in India Tebe, dal nome della sua nutrice. Tebaide, città che è chiamata Ecatoila perché possiede cento porte. Minerva fondò m Calcide, Atene, che chiamò con il proprio nome. Epafo, figlio di Giove, fondò Menfi in Egitto. Arcade, figlio di Giove, fondò Trapezunte in Arcadia. Apollo, figlio di Giove, fondò Arne. Eleusino, figlio di Mercurio, fondò Eleusi. Dardano, figlio di Giove, fondò Dardania. Argo, figlio di Agenore, fondò Argo, e Cadmo, figlio di Agenore, fondò Tebe Eptapila, che si dice abbia avuto sette porte. Perseo, figlio di Giove, fondò Perseide. Castore e Polluce, figli di Giove, fondarono Dioscorida. Medo, figlio di Egeo e Medea, fondò Meda tra gli Ecbatani. Camiro, figlio di Sole, fondò Camira. Libero fondò Amon in India. La ninfa Efire, figlia di Oceano, fondò Efira, che poi venne chiamata Corinto. Sardo, figlia di Stenelo, fondò Sardi. Cinira, figlio di Pafo, fondò Smirne, dal nome della propria figlia. Perseo, figlio di Giove, fondò Micene. Semiramide, figlia di Derceto, fondò Babilonia in Siria.

 

Le isole più grandi

 

La Mauritania, situata a occidente, con un perimetro di cinquemilaventisei stadi. L’Egitto, circondato dal Nilo, situato sotto il sole e a sud, con un perimetro di …… stadi. La Sicilia, di forma triangolare, trentamilacinquecentosettanta stadi di perimetro. La Sardegna, con un perimetro di diecimiladuecentocinquanta stadi. Creta, di lunghezza …… e possiede cento città su ogni lato, con un perimetro di ventimilacento stadi. Cipro è collocata tra l’Egitto e l’Africa, è simile a uno scudo gallico e ha un perimetro di quarantunmilacento stadi. Rodi è di forma circolare e ha un perimetro di ventimilacento stadi. L’Eubea è simile a un arco, con un perimetro di ventimiladuecento stadi. Corfù, terra fertile, ha un perimetro di ventimilacento stadi. Sicione, buona terra, ha un perimetro di millecento stadi. Tenedo, un’isola di fronte a Troia, ha un perimetro di milleduecento stadi. La Corsica, terra poverissima, ha un perimetro di millecentoventi stadi. Le Cicladi sono nove isole, cioè Andro, Micono, Delo, Teno, Nasso, Serifo, Giaro, Paro e Renia.

 

I primi inventori

 

Le Parche, Cloto, Lachesi e Atropo, inventarono sette lettere dell’alfabeto greco: A B H T Y …… altri dicono che le inventò Mercurio dal volo delle gru, che quando volano disegnano in cielo delle lettere. Anche Palamede, figlio di Nauplio, inventò undici lettere ……, Simonide altre quattro, W E Z F, il siciliano Epicarmo due, P e Y. Dicono che Mercurio abbia portato per primo le lettere greche in Egitto e che dall’Egitto Cadmo le abbia portate in Grecia; poi Evandro, esule dall’Arcadia, le portò con se in Italia, dove sua madre Carmenta le trasformò in latine, quindici di numero. Apollo aggiunse le altre con la sua lira. Lo stesso Mercurio fu il primo a insegnare l’arte della lotta ai mortali. Cerere mostrò loro come domare i buoi e a suo figlio di latte, Trittolemo, come seminare le messi. Dopo che ebbe seminato, un maiale grufolando disseppellì i semi; allora Trittolemo acchiappò il maiale e lo portò all’altare di Cerere, gli mise delle spighe intorno alla testa e lo sacrificò alla Dea. Da qui nacque per la prima volta l’uso di porre : farro macinato misto a sale sulle vittime. Iside per prima inventò le vele; infatti andò in cerca del figlio suo, Arpocrate, veleggiando su una zattera. Minerva fu la prima a costruire una nave con due prue per Danao, che con quella sfuggì al fratello Egitto. 

Fonte:

http://xoomer.virgilio.it/novaphilae/Favole%20Igino.htm

Lascia un commento